Apri il menu principale
San Gennaro

Gennaro è venerato come santo e martire dalla Chiesa cattolica. Patrono principale di Napoli, è tornato ad essere negli ultimi anni del pontificato di Giovanni Paolo II patrono delle due Sicilie cioè del sud Italia [senza fonte].

Sulla sua vita non si hanno notizie documentate. Il fatto che portò alla consacrazione di Gennaro sarebbe avvenuto all'inizio del IV secolo, durante la persecuzione dei cristiani da parte dell'imperatore Diocleziano. Gennaro era il vescovo di Benevento e si recò insieme al lettore Desiderio ed al diacono Festo in visita ai fedeli a Pozzuoli. Un altro diacono, Sossio, voleva recarsi anch'egli ad assistere alla visita pastorale, ma fu arrestato lungo la strada per ordine del persecutore Dragonzio. Il vescovo si recò in visita e fu anch'egli condannato al supplizio. Secondo la Chiesa cattolica, la sua decapitazione avvenne nel 305.

Secondo la leggenda, subito dopo la decapitazione sarebbe stato conservato del sangue, come era abitudine a quel tempo, raccolto da una donna e conservato in due ampolle, divenute per questa ragione un attributo iconografico di Gennaro.



Nota: tenete se possibile il testo del box entro la decina di righe

Argomenti suggeritiModifica

  • ...

Argomenti già inseritiModifica