Portobello (programma televisivo 1977)

programma televisivo italiano del 1977

«È un mercato pazzerello
dove trovi questo e quello
e c'è pure un pappagallo
con il becco giallo»

Portobello è stato un programma televisivo andato in onda nella prima serata del venerdì sulla Rete 2 (poi Rai 2) dal 1977 al 1983 e di nuovo per un breve periodo nel 1987, condotto da Enzo Tortora.

Portobello
Logo del programma
PaeseItalia
Anno1977-1983, 1987
Generevarietà
Edizioni7
Lingua originaleitaliano
Realizzazione
ConduttoreEnzo Tortora
RegiaGian Maria Tabarelli (1977-1978)
Maria Maddalena Yon (1978)
Beppe Recchia (1978-1983)
Gian Carlo Nicotra (1987)
AutoriEnzo Tortora, Angelo Citterio, Gigliola Barbieri, Adolfo Perani
Casa di produzioneRai
Rete televisivaRai 2

Ideato dallo stesso conduttore, assieme alla sorella Anna, al pubblicitario Angelo Citterio ed al funzionario Rai Mario Carpitella[1], è ricordato come uno dei programmi televisivi più popolari trasmessi dalla televisione italiana. Andava in onda dallo studio 1 della Fiera di Milano, alternandosi con il quiz televisivo Scommettiamo?.

Avrebbe dovuto essere il primo programma ufficiale a colori (dopo quelli realizzati negli anni della sperimentazione) della Rete 2, però lo studio venne attrezzato solo successivamente per le trasmissioni a colori e pertanto la prima edizione (27 maggio-22 luglio 1977) e le prime puntate della seconda edizione (2-30 dicembre 1977) furono trasmesse in bianco e nero, iniziando ad essere trasmesso a colori a partire dalla puntata trasmessa il 6 gennaio 1978.

Il nome del programma si ispira a quello di una strada di Londra, Portobello Road, famosa per il suo mercatino dell'antiquariato.

Il format ha ispirato molti celebri programmi dei decenni successivi.[2] Nel 2018 ne viene prodotta una nuova edizione rivisitata, in onda su Rai 1.

 
Enzo Tortora con Renée Longarini

Portobello segnò il ritorno di Enzo Tortora in Rai dopo un allontanamento durato otto anni dalla televisione italiana, scaturito da una intervista rilasciata al settimanale Oggi in cui criticava pesantemente l'ente di Stato e il monopolio televisivo.[2] Con la sorella Anna e il pubblicitario Angelo Citterio, creò un format innovativo per l'epoca, basato sull'idea di un mercatino dove i partecipanti potevano vendere le loro invenzioni o cercare oggetti facendosi contattare dal pubblico da casa attraverso telefonate in diretta che venivano ricevute e filtrate dal Centralone, un gruppo di telefoniste guidate da Renée Longarini, ribattezzata Sua Soavità da Enzo Tortora, per via dei suoi modi gentili e leggiadri. Alcune di queste telefoniste divennero poi volti noti televisivi dello spettacolo e del giornalismo come ad esempio Paola Ferrari, Eleonora Brigliadori, Susanna Messaggio, Marina Dalcerri, Marina Perzy, Alessandra Appiano, Antiniska Nemour e Federica Panicucci.

Un momento molto atteso era quello in cui una persona, pescata a caso tra il pubblico in studio, tentava di accaparrarsi una somma in denaro cercando di far pronunciare al pappagallo Portobello, mascotte e simbolo del programma, il suo nome in trenta secondi; la prima persona a riuscire nell'impresa fu, nel 1982 (dopo ben cinque anni di tentativi andati a vuoto), l'attrice Paola Borboni, e con il montepremi fu pagato un intervento chirurgico di ricostruzione facciale a un bimbo rimasto ustionato al volto.[3] Il gioco del pappagallo era una delle componenti più celebri e amate del programma, divenendo in breve tempo un tormentone nonché un fenomeno di costume, oggetto di svariate imitazioni e parodie anche negli anni a seguire. Altre rubriche del programma erano Fiori d'arancio, in cui intervenivano persone alla ricerca di un'anima gemella, e Dove sei?, nella quale delle persone ricercavano amici, parenti o conoscenti che avevano perso di vista da molto tempo.

Il programma venne interrotto prima dell'inizio della settima edizione a causa dell'arresto di Enzo Tortora, accusato di collusione con la camorra. In quel periodo comparve in un quotidiano una vignetta di Guido Clericetti dove si diceva che il silenzio del pappagallo di Portobello non era dovuto al mutismo bensì all'omertà mafiosa, suscitando molte polemiche. Il 15 settembre 1986, dopo essere stato condannato in primo grado, Tortora fu assolto con formula piena dalla Corte d'appello di Napoli, che riconobbe il presentatore come del tutto estraneo ai fatti a lui contestati, sentenza resa poi definitiva dalla Corte di Cassazione il 13 giugno 1987, riconoscimento arrivato dopo una lunga ed estenuante battaglia giudiziaria, che ne minò irrimediabilmente lo stato di salute.

 
Enzo Tortora al suo ritorno in televisione, il 20 febbraio 1987

Il programma riprese il 20 febbraio 1987, a quattro anni dall’arresto di Tortora. In quella puntata, il presentatore venne accolto da una lunga ovazione da parte del pubblico presente in studio, poi, visibilmente commosso, fece un breve discorso su tutta la vicenda del suo processo esordendo con la frase, rimasta celebre, «Dunque, dove eravamo rimasti?».[4] La trasmissione non ebbe però il successo delle edizioni precedenti: terminato il ciclo di puntate previste, infatti, non venne più riproposta in seguito (questo anche perché il presentatore scomparve l'anno successivo, stroncato da un tumore polmonare qualche mese prima di compiere 60 anni).

«Big Ben ha detto stop!»

Influenza culturale

modifica

Nel 1981 venne poi pubblicata una storia a fumetti sul settimanale Topolino, Zio Paperone e le lotte magnetiche, dove Portobello venne ribattezzato in Porta Portese, il mercatino del giovedì; nello stesso settimanale in quel periodo fu creata una piccola rubrica dal titolo Fermo posta Portobello curata dallo stesso Tortora, durata per alcuni anni. Furono anche commercializzati dalla Clementoni, il gioco di società in scatola Portobello, e prodotto dalla TG (Tecnogiocattoli) Sebino, il pupazzo parlante Portobello, alimentato a batterie, che ripeteva «non parlo, non parlo, non parlo» e «piuttosto che parlare, mi faccio imbalsamare».

Alcuni celebri programmi dei decenni successivi come Chi l'ha visto?, Agenzia matrimoniale, Stranamore, Carràmba che sorpresa, I cervelloni, Uomini e donne, C'è posta per te, Sogni, Il treno dei desideri sono ispirati alle varie rubriche proposte all'interno di Portobello.[2]

Nel 2007, nel programma di Giovanni Minoli La storia siamo noi, su Rai 2, una puntata è stata dedicata al programma in occasione del trentennale dalla messa in onda della prima puntata: il titolo della puntata era C'era una volta Portobello.

Centralino

modifica
Edizione 1 2 3 4 5 6
Paola Ferrari Anna Vitale Marina Perzy Antiniska Nemour Elena Paltrineri
Silvia Svizzero
Maddalena Cocchetti Rossella Pasqualini Patrizia Amico Elisabetta Hellies Eleonora Brigliadori
Tiziana Valli Fernanda Malco Patrizia Zanetti
Ilaria Alferini Alessandra Appiano Cinzia Galimberti Marina Nava
Denyuda Lizarda Dos Santos Angela Maria Vecchi Susanna Messaggio Elena Lambertenghi Marina Dalcerri
Giuseppe Bonacina Mattia Intra Massimiliano Caldi Franca Cielo Federica Panicucci Micaela Vitale

Sigla di testa

modifica

La sigla di apertura[5] della trasmissione, scritta e suonata da Lino Patruno, veniva accompagnata da un cartone animato con protagonista il pappagallo Portobello vestito in abito da sera ed era cantata dal coro dei Piccoli Cantori di Milano diretti da Niny Comolli. Nel testo si raccontano le tematiche della trasmissione[N 1]: la presentazione di invenzioni più o meno bizzarre e la possibilità di fare annunci per cercare un/una compagno/a o ritrovare persone o animali smarriti. Della sigla venne prodotto un 45 giri. Per l'ultima edizione del 1987 venne usato un nuovo testo, con la base musicale ri-arrangiata.

Nel 2010 Siglandia ha edito un CD maxi singolo con le 5 storiche versioni della sigla di testa, quattro delle quali pubblicate per la prima volta su CD.

Sigle di coda

modifica

La sigla di coda del programma cambiava di anno in anno. Il primo anno è stata composta ed eseguita sempre da Lino Patruno; mentre nelle edizioni successive sono state affidate ogni anno ad artisti differenti:

Ascolti

modifica

La trasmissione ebbe un clamoroso successo, superiore alle più rosee previsioni (punte di 28 milioni di telespettatori per l'edizione 1977-1978).

Controversie

modifica

Scelta innovativa (per l'epoca) da parte di Tortora fu quella di invitare come partecipanti alla rubrica Fiori d'arancio non solo giovani uomini celibi e donne nubili, ma pure persone single di età avanzata, vedove e vedovi, e anche persone separate e/o divorziate alla ricerca di un nuovo amore, scelta quest'ultima per la quale fu aspramente criticato dal mondo cattolico, con tanto d'interrogazioni parlamentari da parte di alcuni esponenti della DC.[2]

Il format viene ripreso nel 2018 con un remake omonimo trasmesso il sabato in prima serata su Rai 1 a partire dal 27 ottobre fino all'8 dicembre, con la conduzione di Antonella Clerici, affiancata da Carlotta Mantovan e Paolo Conticini[7]. Tale remake però non ha avuto lo stesso successo dell'originale.

Annotazioni
  1. ^ «Portobello è un mercato pazzerello dove trovi questo e quello e c'è pure un pappagallo con il becco giallo... Un fachiro con turbante offre mancia competente a chi prima trova il suo serpente...»
Fonti
  1. ^ Aldo Grasso, L'addio a Carpitella «corsaro» della Rai, in Corriere della Sera, 21 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2009).
  2. ^ a b c d Rai Media, Portobello di Enzo Tortora: il programma con dentro un palinsesto, in RAI MEDIA. URL consultato il 9 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2016).
  3. ^ 1961taranto, PAOLA BORBONI (in questo video anche la sua "storica" partecipazione a Portobello)., 10 aprile 2013. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  4. ^ Armando Ficcarelli, Enzo Tortora Ritorno in Tv dopo l'assoluzione, 9 ottobre 2010. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  5. ^ Canale di FoxLince1234, Portobello (sigla completa), 25 marzo 2013. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  6. ^ Cristiano V., sigla coda 1982 portobello - ricchi e poveri "come vorrei", 10 dicembre 2013. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  7. ^ La Rai rispolvera 'Portobello': lo condurrà Antonella Clerici, Isoardi a 'La prova del cuoco', in Spettacoli - La Repubblica, 27 aprile 2018. URL consultato il 28 aprile 2018.

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione