Post Malone

rapper, cantante e produttore discografico statunitense
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il singolo di Sam Feldt, vedi Post Malone (singolo).
Post Malone
Post Malone at the 2019 American Music Awards.png
Post Malone agli American Music Awards 2019
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenerePop rap[1]
Cloud rap[2]
Rap rock[3][4]
Periodo di attività musicale2013 – in attività
StrumentoVoce, chitarra
EtichettaRepublic Records
Album pubblicati4
Studio3
Raccolte1
Logo ufficiale
Sito ufficiale

Post Malone, pseudonimo di Austin Richard Post (Syracuse, 4 luglio 1995), è un rapper, cantautore e produttore discografico statunitense.[5][6]

È salito alla ribalta grazie al singolo di debutto White Iverson, pubblicato nel febbraio del 2015.[7] Sempre nel 2015 firma un contratto discografico con la Republic Records[8] e in seguito pubblica l'album in studio di debutto Stoney, portato al successo da Congratulations, in collaborazione con Quavo, che ha raggiunto l'ottava posizione della Billboard Hot 100 statunitense.

Ha raggiunto la fama a livello internazionale con il secondo album in studio, intitolato Beerbongs & Bentleys, che è stato pubblicato il 27 aprile 2018 ed è stato certificato disco di platino negli Stati Uniti a poco meno di 24 ore dall'uscita.[9] Esso è stato trainato dai singoli Rockstar e Psycho, che si sono spinti fino al primo posto nelle classifiche musicali di vari Paesi, tra cui quella statunitense. Nel 2019 è stato il turno del terzo album Hollywood's Bleeding, che ha bissato il successo del predecessore e contiene al suo interno la hit planetaria Circles.

Nel 2018, Stoney riesce a battere Thriller di Michael Jackson per numero di settimane consecutive di presenza nelle prime dieci posizioni della Top R&B/Hip-Hop Albums, superando le 76 segnate dal Re del Pop.[10] Sebbene tendenzialmente venga considerato come un rapper, Post Malone ha affermato in varie interviste di non essere d'accordo con tale etichetta, poiché non gli piace avere limiti quando crea la sua musica: infatti nei suoi lavori riesce a variare da canzoni puramente hip hop ad altre orientate verso il pop e l'indie.

BiografiaModifica

Austin Richard Post è nato il 4 luglio 1995 a Syracuse, New York. Post fu cresciuto da suo padre, Rich Post, e dalla sua matrigna, Jodie Post. Suo padre è stato un disc jockey in gioventù e lo ha introdotto a molti generi diversi di musica, tra i quali troviamo l'hip hop, il country e il rock.[11]

 
Post Malone nel 2016.

Quando Post aveva 9 anni, lui e la sua famiglia si trasferirono a Grapevine, in Texas, dopo che suo padre divenne il manager delle concessioni per i Dallas Cowboys. Post ha iniziato a suonare la chitarra e il provino per la band Crown the Empire nel 2010, ma è stato rifiutato dopo che le sue corde della chitarra si sono rotte durante l'audizione. Ha accreditato il suo interesse iniziale per l'apprendimento della chitarra nel popolare videogioco Guitar Hero. Secondo Post, la sua prima vera incursione nella musica professionale è iniziata quando era in una band heavy metal. Poco dopo, dice che è passato a rock più soft e hip hop, prima di iniziare a sperimentare su FL Studio. A 16 anni, usando Audacity, Post ha creato il suo primo mixtape, Young and After Them Riches. Lo mostrò ad alcuni dei suoi compagni di classe alla Grapevine High School. È stato votato "Più probabile che diventi famoso" dai suoi compagni di classe come alunno delle superiori. Ha lavorato a Chicken Express da adolescente.

Si iscrisse al Tarrant County College ma si ritirò. Dopo aver lasciato il college, Post si è trasferito a Los Angeles, in California con il suo amico di lunga data Jason Probst, uno streamer professionista. Dopo essersi trasferiti a Los Angeles, Post, Probst e molti altri produttori e artisti hanno formato il gruppo musicale BLCKVRD e registrato musica insieme. Diversi membri del gruppo, tra cui Post, si sono trasferiti insieme in una casa di San Fernando. Mentre viveva nella casa di San Fernando, Austin ha incontrato il primo Down di FKi.

Austin dice di aver scelto Post Malone come nome d'arte all'età di 14 o 15 anni. Si diceva che il nome fosse un riferimento al giocatore di basket professionista Karl Malone, ma Post ha poi spiegato che mentre "Post" è il suo cognome, ha usato un generatore di nomi rap per ottenere "Malone". Ha incontrato 1st e Rich di FKi e Rex Kudo che hanno prodotto diversi brani di Post, tra cui White Iverson. Post ha registrato la canzone due giorni dopo averla scritta. A febbraio 2015, al termine, è stato caricato nell'account SoundCloud di Post. Il 19 luglio 2015 Post ha pubblicato un video musicale per White Iverson, che ha ricevuto oltre 800 milioni di visualizzazioni dal suo rilascio. Mac Miller e Wiz Khalifa hanno elogiato il singolo. Tuttavia, lo stesso è stato aspramente criticato da artisti come Earl Sweatshirt.

Dopo aver raggiunto un milione di visualizzazioni nel giro di un mese dalla pubblicazione di White Iverson, Post ha rapidamente attirato l'attenzione delle case discografiche. Nell'agosto 2015, ha firmato un contratto discografico con Republic Records. Post in seguito ha lavorato con numerosi rapper di spicco come 50 Cent, Young Thug e Kanye West, tra gli altri. Nell'agosto 2015 si è esibito alla festa per il diciottesimo compleanno di Kylie Jenner, dove ha incontrato Kanye West, che ha apprezzato la sua musica, portando a collaborare con Post sul suo singolo "Fade" dal suo album The Life of Pablo. Più tardi iniziò la sua collaborazione con il cantante canadese Justin Bieber, che portò Post ad aprire i concerti del Purpose World Tour di Bieber. Il 20 aprile 2016, Post ha presentato il suo nuovo singolo, "Go Flex" sul programma radiofonico di Zane Lowe Beats 1. Il 12 maggio 2016, ha pubblicato il suo primo progetto full-length, un mixtape, intitolato August 26, il cui titolo era un riferimento alla data di uscita del suo album di debutto. Il 9 giugno 2016, Post ha fatto il suo debutto televisivo, apparendo nel programma Jimmy Kimmel Live!, esibendosi con "Go Flex".

Nell'agosto 2016 Post si scusò per il suo album, Stoney, reso disponibile per il pre-ordine il 4 novembre e pubblicato il 9 dicembre. Post più tardi ha continuato a chiamare l'album "mediocre", nonostante il successo del singolo Congratulations (oltre 1 miliardo di visualizzazioni su TouTube), in collaborazione con Quavo, arrivando sulla Billboard Hot 100 fino all'ottava posizione. Stoney ha anche contenuto i successi I Fall Apart e Deja Vu, quest'ultimo in collaborazione con Justin Bieber. L'album è stato successivamente certificato doppio platino dalla RIAA a ottobre 2017.

 
Post Malone nel 2018.

Nel febbraio 2017, Post ha rivelato il titolo del suo prossimo progetto, Beerbongs & Bentleys, inizialmente in uscita a dicembre, prima di essere posticipato al 2018. A settembre, Malone ha pubblicato il primo singolo dal suo album, Rockstar. La canzone ha raggiunto il primo posto nella classifica Billboard Hot 100, e nel dicembre 2017, ha tenuto la posizione per otto settimane consecutive, spingendo Rolling Stone a chiamarlo "uno dei musicisti più famosi del paese" nel 2017. La stessa hit vinse il premio come canzone dell'anno nell'agosto 2018 agli Mtv Music Awards. A novembre, Malone ha pubblicato il video musicale ufficiale per Rockstar, diretto da Emil Nava. Il 23 febbraio 2018 è uscito in collaborazione con Ty Dolla Sign, il singolo Psycho. Nel suo concerto a Nashville, Post Malone ha annunciato la data di uscita del suo nuovo disco Beerbongs & Bentleys, pubblicato poi il 27 aprile.

Il 18 ottobre 2018 ha pubblicato il singolo Sunflower in collaborazione con Swae Lee, facente parte della colonna sonora del film d'animazione Spider-Man - Un nuovo universo, mentre il 24 dicembre successivo ha pubblicato sulle principali piattaforme di streaming Wow.

Malone è stato nominato per 4 premi al 61º Grammy Awards per il suo album Beerbongs & Bentleys, inclusi i premi per "Album dell'anno" e "Record dell'anno". Si è esibito con i Red Hot Chili Peppers alla premiazione il 10 febbraio 2019.[12]

Il 26 agosto 2019 annuncia il suo nuovo album, dal titolo Hollywood's Bleeding, il quale è stato ufficialmente rilasciato il 6 settembre, l'album ha debuttato al numero 1 della Billboard 200.[13][14][15]

Dall'album Hollywood's Bleeding sono stati pubblicati 4 video: Circles (oltre 200 milioni di visualizzazioni su YouTube), Saint-Tropez, Sunflower (Spider-Man: Into the Spider-Verse) feat. Swae Lee, Goodbyes feat. Young Thug.

Il 15 aprile 2020 esce il video Tryna F*ck Me Over di 50 cent, che vede Post Malone presente. Nella notte del 24 aprile, insieme al batterista Travis Barker, è stato protagonista di un concerto tributo ai Nirvana in streaming, organizzato per raccogliere fondi contro la pandemia generata dal Coronavirus. Come raccontato da Rockol Italia, il live ha raccolto i consensi dell'ex bassista dei Nirvana Krist Novoselić.

Stile musicaleModifica

La musica di Post Malone è stata descritta come una «miscela di country, grunge, hip-hop e R&B»[16] mentre il suo stile vocale viene definito come laconico.[17] Jon Caramanica del New York Times ne ha elogiato la capacità di «porsi in linea tra cantare e rappare, hip-hop e folk elettrici». Lo stesso Malone, in quanto artista versatile,[18] considera la propria musica «senza genere».[19]

Post ha citato Bob Dylan come un'influenza significativa per la sua musica, definendolo «un genio» e «un Dio», sebbene se la sua musica sia «più lontana dal rock and roll».[20] Post ha anche menzionato il rapper 50 Cent, elogiandolo in quanto «leggenda».[21]

ControversieModifica

 
Post Malone nel 2018.

Malone è stato definito un «avvoltoio culturale» più volte sui social media,[22] poiché è stato accusato di «essersi appropriato» della cultura afroamericana.[23] Il rapper californiano Lil B ha scritto su Twitter nell'ottobre 2017: «Post Malone si sta lentamente trasformando in un tizio bianco!, fra un po' di anni sarà legato troppo al suo paese e odierà le persone di colore»[24]; Post ha replicato durante un'intervista che il colore delle sua pelle è stato «utilizzato contro di lui». In un'altra intervista concessa a GQ e avvenuta alcuni giorni dopo, Post ha dichiarato che «essere un rapper bianco è una lotta continua».[25]

In un'intervista con NewOnce del novembre 2017, Malone ha affermato che la musica hip hop moderna manca di «gente che parla di cose vere» e ha aggiunto che «se mentre ascolti musica ti concentri sul testo, prevedi di piangere e vuoi pensare alla vita, non ascoltare l'hip-hop».[26] I suoi commenti hanno generato una reazione negativa sui social media, attirandosi le critiche anche da parte di colleghi rapper come il sopracitato Lil B e Vince Staples.[27] Malone in seguito è apparso in un video su Twitter, dichiarando di aver bevuto parecchia birra durante il corso dell'intervista, anche se NewOnce ha smentito tale affermazione. Tramite un secondo video su Twitter, Post ha rivangato il proprio amore e rispetto verso il genere dell'hip-hop, aggiungendo che lui non è nessuno per dire alle persone di ascoltare o meno il genere o di fronte a cosa emozionarsi.[28]

Vita privataModifica

Post Malone ha avuto una relazione di tre anni con Ashlen Diaz, terminata nel novembre 2018.[29]

CuriositàModifica

  • Gran parte del suo corpo è ricoperta da tatuaggi di vario genere. Il suo primo tatuaggio è stato il coniglietto di Playboy fatto con l'amico Justin Bieber.[30] Un altro tatuaggio è quello col volto di Lil Peep sul suo braccio sinistro:[31] i due erano molto legati e Post ritiene che Peep avrebbe cambiato la musica per sempre grazie al suo stile unico.[32]

DiscografiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Post Malone.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TournéeModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Shakeil Greeley, Bop-Punk is here to stay, su gq.com, 30 novembre 2018. URL consultato il 6 luglio 2020.
    «Even Post Malone, an unimaginative streaming heavyweight, has liberally incorporated rock-star aesthetics and musical cues into his brand of generic hip-pop (notably, his current tour photographer was once Peep’s)».
  2. ^ (EN) Airplane Carrying Cloud-Rap Singer Post-Malone Lands Safely After Two Of Its Tires Explode, su celebrityinsider.org. URL consultato il 21 agosto 2018.
  3. ^ (EN) Post Malone, su hotnewhiphop.com.
  4. ^ (EN) Post Malone just smashed a record held by The Beatles since 1964, su maxim.com. URL consultato il 9 maggio 2018.
  5. ^ Claudia Casiraghi, Post Malone: ritratto del rapper pronto a sbarcare (anche) su Netflix, su Vanity Fair, 9 ottobre 2018. URL consultato il 15 gennaio 2020.
  6. ^ La storia di Austin Post meglio conosciuto come Post Malone, su RapBurger, 18 gennaio 2016. URL consultato il 18 agosto 2017.
  7. ^ Post Malone gained major recognition after posting 'White Iverson' on SoundCloud in 2015., su capitalxtra.com.
  8. ^ Post Malone signs with Republic Records, su hotnewhiphop.com.
  9. ^ Post Malone's New Album 'Beerbongs & Bentleys' Was Just Released and It's Already Eligible for Platinum Status, su complex.com.
  10. ^ Post Malone ha superato Michael Jackson, su rollingstone.it.
  11. ^ Post Malone's musical influences, su syracuse.com.
  12. ^ Grammys 2019: Post Malone and Red Hot Chili Peppers to Perform Together, su Spin, 24 gennaio 2019. URL consultato l'8 maggio 2019.
  13. ^ (EN) Posty, sept 6:)), su @PostMalone, 2019T03:06. URL consultato il 26 agosto 2019.
  14. ^ (EN) Posty, Hollywood’s Bleeding, su @PostMalone, 2019T07:59. URL consultato il 26 agosto 2019.
  15. ^ Billboard Italia, Post Malone: ascolta qui il nuovo album “Hollywood’s Bleeding”, su www.billboard.it. URL consultato l'8 settembre 2019.
  16. ^ (EN) Facing The Music With Post Malone, su Clash Magazine. URL consultato l'8 maggio 2019.
  17. ^ Post Malone's "Stoney" (Review), su HotNewHipHop. URL consultato l'8 maggio 2019.
  18. ^ Stoney album showcases Post Malone's unique musical style - The Daily Mississippian | The Daily Mississippian, su thedmonline.com. URL consultato l'8 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2019).
  19. ^ (EN) Jon Caramanica, White Rappers, Clear of a Black Planet, in The New York Times, 18 agosto 2016. URL consultato l'8 maggio 2019.
  20. ^ Post Malone Joins Band, Performs Elvis Presley Covers At A Nashville Bar, su HotNewHipHop. URL consultato l'8 maggio 2019.
  21. ^ Post Malone Calls U.S. Government a 'Reality Show' & Praises 50 Cent as 'Legendary' in 'MONTREALITY' Interview, su Billboard. URL consultato l'8 maggio 2019.
  22. ^ Post Malone: The Essence of a Culture Vulture, su Blerds Online. URL consultato l'8 maggio 2019.
  23. ^ (EN) sourcestaff, Black Twitter Calls Post Malone a ‘Culture Vulture’, Dragging Begins, su The Source, 22 novembre 2017. URL consultato l'8 maggio 2019.
  24. ^ (EN) KollegeKidd Staff, Post Malone Reacts To Lil B Calling Him A Culture Vulture, Says His White Skin Color Is Being Used Against Him, su Welcome To KollegeKidd.com, 2 novembre 2017. URL consultato l'8 maggio 2019.
  25. ^ Post Malone Fires Back At "Culture Vulture" Critics, su HYPEBEAST. URL consultato l'8 maggio 2019.
  26. ^ (EN) Post Malone Doesn't Think Current Hip Hop Has Any Meaning, su Vibe, 21 novembre 2017. URL consultato l'8 maggio 2019.
  27. ^ (EN) Geoff Herbert, Syracuse native Post Malone blames controversial hip-hop comments on alcohol, su syracuse.com, 24 novembre 2017. URL consultato l'8 maggio 2019.
  28. ^ (EN) Post Malone Clears Up His Controversial Hip-Hop Comments: 'I Love Hip-Hop' (UPDATE), su Complex. URL consultato l'8 maggio 2019.
  29. ^ (EN) Post Malone and Girlfriend Ashlen Diaz Split After Three Years, su Us Weekly, 2 novembre 2018. URL consultato l'8 maggio 2019.
  30. ^ Post Malone Shows The First Tattoo He's Ever Done Himself, su HotNewHipHop. URL consultato l'8 maggio 2019.
  31. ^ TMZ, Post Malone Shows Off His Very Detailed Lil Peep Tattoo | TMZ, 28 novembre 2017. URL consultato il 30 gennaio 2018.
  32. ^ H3 Podcast Highlights, Post Malone Discusses Lil Peep's Death, 17 novembre 2017. URL consultato il 30 gennaio 2018.
  33. ^ H3 Podcast Highlights, Doomsday Prepping with Post Malone & Joji, 21 ottobre 2017. URL consultato il 30 gennaio 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN81148449925215692823 · ISNI (EN0000 0004 6312 9709 · LCCN (ENno2017000306 · GND (DE1156682339 · BNF (FRcb17798744p (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2017000306