Power Stone (serie animata)

serie anime
Power Stone
パワーストーン
(Pawā Sutōn)
Power Stone (anime).png
I protagonisti della serie. In primo piano da sinistra: Ryoma, Rouge, Galuda, Ayame, Wang Tang, Edward Falcon, Apollo e Garrok
Genereazione, avventura, fantasy
Serie TV anime
RegiaKenichiro Watanabe, Takahiro Omori
ProduttoreToshiaki Harada
SoggettoSukehiro Tomita
Char. designTadashi Shida
Dir. artisticaSatoshi Miura
MusicheKeisuke Kikuchi
StudioPierrot, Avex, Inc.
ReteTBS
1ª TV3 aprile – 25 settembre 1999
Episodi26 (completa)
Rapporto4:3
Durata ep.25 min
Rete it.Italia Teen Television, Italia 1
1ª TV it.9 febbraio – 5 marzo 2004
Episodi it.26 (completa)
Durata ep. it.22 min
Dialoghi it.Gabriella Fantini, Paola D'Accardi, Martino Consoli
Studio dopp. it.Studio P.V.
Dir. dopp. it.Silvana Fantini
Manga
AutoreKōji Izuki
EditoreKōdansha
RivistaComic Bom Bom
Targetkodomo
1ª edizioneaprile – settembre 1999
Tankōbonunico
Volumi it.inedito

Power Stone (パワーストーン Pawā Sutōn?) è un anime di ventisei episodi realizzato dalla Pierrot, tratto dall'omonima serie di videogiochi della Capcom.

In Giappone la serie è stata trasmessa da TBS nel corso del 1999 mentre in Italia è andata in onda su Italia Teen Television dal 9 febbraio al 5 marzo 2004 e in seguito in chiaro su Italia 1 dal 21 giugno dello stesso anno[1].

L'edizione italiana non si basa su quella originale giapponese ma bensì su quella americana prodotta dalla ADV Films, la quale presenta una colonna sonora completamente diversa ed alcuni dialoghi modificati, che tuttavia non hanno comportato a nessuna censura di rilievo nella trama.

TramaModifica

Edward Falcon, un ragazzo di nobile famiglia delle cui origini non tiene tuttavia conto seguendo il suo sogno di diventare un lottatore professionista, un giorno riceve dal padre, lo scomparso esploratore Pride Falcon, un pacco contenente una Power Stone, una pietra in grado di donare al suo possessore incredibili poteri.

Il magico minerale attirerà su di sé molti altri pretendenti, tra cui i fratelli Piovra e Polpo e il loro capo Kraken, sebbene Edward non sarà l'unico a possederne una: durante le sue avventure, infatti, incontrerà altri possessori di Power Stone come il samurai Ryoma, la maga Rouge, la ninja Ayame, il cuoco Wang Tang e il pellerossa Galuda.

EpisodiModifica

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji - Traduzione letterale
In onda
GiapponeseItaliano
1Il mistero della pietra del potere
「活劇!秘石の謎」 - Katsugeki! Hi ishi no nazo – "Tumulto! Il mistero della pietra segreta"
3 aprile 1999
9 febbraio 2004
2I guerrieri dell'ombra
「風を斬る影の軍団」 - Kaze wo kiru kage no gundan – "Il corpo dell'ombra che taglia il vento"
10 aprile 1999
10 febbraio 2004
3Lo spirito del samurai
「燃えるサムライ魂」 - Moe ru samurai tamashii – "L'anima bruciante del samurai"
17 aprile 1999
11 febbraio 2004
4Il vascello fantasma
「恐怖を呼ぶ幽霊船」 - Kyōfu wo yobu yūreisen – "La nave fantasma che richiama la paura"
24 aprile 1999
12 febbraio 2004
5La ragazza ideale
「女の子は怖いぞ~」 - Onnanoko ha kowai zo ~ – "Le ragazze fanno paura ~"
1º maggio 1999
13 febbraio 2004
6Il cuoco guerriero
「もうひとつの魔石」 - Mōhitotsuno maseki – "Un'altra pietra magica"
8 maggio 1999
14 febbraio 2004
7Fino al nido dell'aquila
「眠眠山の荒修行」 - Min min yama no kō shugyō – "Allenamento approssimativo della montagna addormentata"
15 maggio 1999
15 febbraio 2004
8Lord Kraken
「強敵!クラーケン」 - Kyōteki! Kuraken – "Forte nemico! Kraken"
22 maggio 1999
16 febbraio 2004
9L'indovino malvagio
「黒水晶の野望」 - Kurosuishō no yabō – "L'ambizione del cristallo nero"
29 maggio 1999
17 febbraio 2004
10La luna rossa
「夢で見た赤い月」 - Yume de mita akai gatsu – "La luna rossa che ho sognato"
5 giugno 1999
18 febbraio 2004
11La miniera misteriosa
「ゴールドラッシュ!」 - Gorudo rasshu! – "Corsa all'oro!"
12 giugno 1999
19 febbraio 2004
12Fuga dalla montagna del mistero
「魔の山の大脱出」 - Ma no yama no dai dasshutsu – "La grande fuga dalla montagna magica"
19 giugno 1999
20 febbraio 2004
13Ritorno al dojo
「いざ!助太刀ぜよ!」 - Iza! Jo tachi zeyo! – "Andiamo! Aiuta la spada!"
26 giugno 1999
21 febbraio 2004
14La grande sete
「大江戸は大騒ぎ!」 - Ooedo ha oosawagi! – "Oedo è un clamore!"
3 luglio 1999
22 febbraio 2004
15La fine della siccità
「雨を呼ぶ女忍者」 - Ame wo yobu onna ninja – "La donna ninja che chiede la pioggia"
10 luglio 1999
23 febbraio 2004
16Il segreto di Jack
「ジャックの秘密」 - Jakku no himitsu – "Il segreto di Jack"
17 luglio 1999
24 febbraio 2004
17La terra delle aquile maestose
「遥かなる聖地」 - Haruka naru seichi – "La distante terra santa"
24 luglio 1999
25 febbraio 2004
18Il totem della discordia
「明日に向かって走れ!」 - Ashita ni muka tte hashire! – "Corri per il domani!"
31 luglio 1999
26 febbraio 2004
19La crociera del pericolo
「豪華客船危機一髪」 - Gōkakyakusen kikiippatsu – "Una chiamata stretta della nave da crociera"
7 agosto 1999
27 febbraio 2004
20Alla caccia di Kraken
「倒せ!クラーケン」 - Taose! Kuraken – "Sconfiggilo! Kraken"
14 agosto 1999
28 febbraio 2004
21La promessa di Valgas
「ヴァルガスの約束」 - Varugasu no yakusoku – "La promessa di Vargas"
21 agosto 1999
29 febbraio 2004
22Crisi in casa Falcon
「フォッカー家の一大事」 - Fokka ie no ichidaiji – "Una delle cose più belle della famiglia Fokker"
28 agosto 1999
1º marzo 2004
23All'inseguimento delle Power Stone
「隕石を追って」 - Inseki wo otte – "Seguendo il meteorite"
4 settembre 1999
2 marzo 2004
24L'unione fa la forza
「集え!勇者たち」 - Tsudoe! Yūsha tachi – "A raccolta! Coraggiosi"
11 settembre 1999
3 marzo 2004
25A tu per tu con Valgas
「戦いの地」 - Tatakai no chi – "Campo di battaglia"
18 settembre 1999
4 marzo 2004
26Lo scontro finale
「約束の丘」 - Yakusoku no oka – "La collina della promessa"
25 settembre 1999
5 marzo 2004

In Giappone gli episodi sono stati raccolti prima in sette VHS e in seguito sono stati distribuiti anche per laserdisc e DVD, mentre in America sono stati pubblicati solo in sei DVD comprendendo tutte le puntate[2].

DoppiaggioModifica

Il doppiaggio italiano è stato curato da Studio P.V., diretto da Silvana Fantini, con i dialoghi di Gabriella Fantini, Paola D'Accardi e Martino Consoli.

Personaggio (nome originale) Doppiatore originale Doppiatore italiano
Edward Falcon (Fokker) Masaya Onosaka Paolo Sesana
Apollo (Apollis) Ken'ichi Ogata Pietro Ubaldi
Ryoma Mitsuo Iwata Lorenzo Scattorin
Rouge Ryoko Nagata Cristiana Rossi
Ayame Tomoko Kawakami Giulia Franzoso
Wang Tang Megumi Ogata Roger Mantovani
Garrok (Gunrock) Kiyoyuki Yanada Riccardo Lombardo
Galuda (Garuda) Masahi Kurada Stefano Albertini
Jack Wataru Takagi Riccardo Rovatti
Pride Falcon Jūrōta Kosugi Natale Ciravolo
Piovra (Octo) Tōru Ōkawa Gianni Quillico
Polpo (Pus) Tomohiro Nishimura Tony Fuochi
Lord Kraken Kazuo Oka Mario Zucca
Valgas (Vargas) Akio Ōtsuka Marco Pagani

Colonna sonoraModifica

Sigle di apertura
  • Rise in my Heart cantata da Aya & Chika (ep. 1-13)
  • Ashita ni Todoke cantata da Like Uncolored Velvet (ep. 14-26)
Sigle di chiusura
  • Kawaiin Janai? cantata da Mission (ep. 1-13)
  • Be Alright cantata da Amagata Naomi (ep. 14-26)
Sigla italiana
  • Power Stone, musica di Sergio Dall'Ora, Sergio Lorandi e Fabio Venturini, testo di Fabrizio Berlincioni, cantata da Carmine Cirillo (Kavour)[3].

Nelle versione italiana, su Italia Teen Television, fu utilizzata la sigla americana, mentre su Italia 1 quella italiana.

MangaModifica

Un manga kodomo di Kōji Izuki che narra la storia di Power Stone, seppur in maniera differente rispetto alla controparte animata[4], fu serializzato dall'aprile al settembre 1999 sulla rivista Comic Bom Bom edita da Kōdansha per un totale di sei capitoli, raccolti successivamente in un volume tankōbon il 3 settembre dello stesso anno[5], è inedito in Italia.

AccoglienzaModifica

Davide Landi di MangaForever lo ha classificato come il terzo migliore anime basato su videogiochi picchiaduro[6].

NoteModifica

  1. ^ Power Stone, su Cartoni Online. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  2. ^ (EN) Power Stone (anime) - DVD releases, su Power Stone Wiki. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  3. ^ Power Stone, su Tana delle Sigle. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  4. ^ (JA) Anteprima del manga di Power Stone, Capcom. URL consultato il 19 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2004).
  5. ^ (JA) パワーストーン, Kōdansha. URL consultato il 19 ottobre 2018.
  6. ^ Davide Landi, I 5 migliori anime basati su videogiochi picchiaduro, su MangaForever, 15 aprile 2020, p. 3. URL consultato il 17 aprile 2020.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga