Premio Napoli

premio letterario itaiano

Il Premio Napoli è un riconoscimento per la cultura e la lingua italiana, organizzato dalla Fondazione Napoli. Il premio è nato nel 1954 ed è assegnato con cadenza annuale. La Fondazione ha sede presso Palazzo Reale di Napoli.

Premio Napoli
Premio assegnato ad opere edite di poesia, narrativa e saggistica
Assegnato daFondazione Napoli
PaeseBandiera dell'Italia Italia
LuogoNapoli
Anno inizio1954
Sito webwww.premionapoli.it

Origini e organizzazione

modifica

La Fondazione, ente pubblico no profit, è costituita in Ente Morale con decreto del Presidente della Repubblica n. 900 del 5 giugno 1961: ne compongono il consiglio di amministrazione il Comune di Napoli, la Provincia di Napoli, la Regione Campania e la Camera di commercio di Napoli.

Inizialmente e per molti anni (1954-2002), il premio è stato conferito a un'opera di narrativa italiana.[1].

Il premio ha avuto, dal 2003 al 2006, quattro sezioni vincitrici: narrativa italiana, narrativa straniera, saggistica internazionale e poesia.[2] Per ogni sezione, veniva selezionata una terna di vincitori, in cui era poi designato un Supervincitore. Nel 2007 si sono mantenute le quattro categorie e la formula delle terne vincitrici, ma la designazione finale è diventata Libro dell'anno.[3] Dal 2008 al 2011 le sezioni sono state due: letteratura italiana e letterature straniere.[3]

Dal 2012 al 2016 il Premio è stato denominato Premio Napoli per la lingua e la cultura italiana, ed è stato conferito a numerosi libri nel primo anno, in seguito invece a personalità letterarie per l'insieme dei loro scritti.[4]

Dal 2017 le sezioni sono tre: narrativa, saggistica e poesia. Le terne prescelte dalla Giuria tecnica producono un vincitore ciascuna.[5][6][7]

I presidenti

modifica

Alla presidenza della Fondazione Napoli sono stati incaricati: Achille Lauro (1954-1955), Antonio Limongelli (1955-1957), Ernesto Pontieri (1958-1961), Giuseppe Tesauro (1961-1962), Vincenzo Maria Palmieri (1962-1965), Ferdinando Clemente di San Luca (1965-1980), Antonio Ghirelli (1980-1990), Sergio Zavoli (1991-2002), Ermanno Rea (2002-2007), Silvio Perrella (2007-2012), Gabriele Frasca (2012- 2016), Domenico Ciruzzi (dal 9.12.2016 al 2021), Gaetano Manfredi (dal 2021 al 3.4.2023), Maurizio de Giovanni (dal 4.4.2023 ad oggi)[8][9].

Le giurie

modifica

Dal 2003, una giuria tecnica seleziona gli scritti per ogni sezione, i quali sono poi sottoposti ad una giuria popolare. In precedenza si utilizzava la formula della giuria popolare. La giuria tecnica è costituita dal presidente in carica e da una rosa di giurati scelti tra scrittori, docenti universitari, giornalisti, magistrati ed altre personalità. Le giurie hanno decorso annuale.[10]

Albo dei vincitori - Sezione narrativa italiana

modifica
  1. ^ Premio Napoli di narrativa 1954-2002, su premionapoli.it. URL consultato il 22 agosto 2019.
  2. ^ a b c d e Edizioni 2003-2006, su premionapoli.it. URL consultato il 22 agosto 2019.
  3. ^ a b c d e f g edizioni 2007-2011, su premionapoli.it. URL consultato il 22 agosto 2019.
  4. ^ a b edizioni 2012-2016, su premionapoli.it. URL consultato il 22 agosto 2019.
  5. ^ Edizioni dal 2017, su premionapoli.it. URL consultato il 22 agosto 2019.
  6. ^ Ida Palisi, Premio Napoli sociale: Orecchio, Falco e Mari in gara per la narrativa, su ilmattino.it. URL consultato il 22 agosto 2019.
  7. ^ Jessica Chia, Premio Napoli: prosa, poesia e saggi. Ecco le tre terne finaliste, su corriere.it, 21 giugno 2017. URL consultato il 22 agosto 2019.
  8. ^ Presidenti, su premionapoli.it. URL consultato il 22 agosto 2019.
  9. ^ PREMIO NAPOLI: ANNUNCIATI I FINALISTI DELL'EDIZIONE 2018, su youtube.com. URL consultato il 22 agosto 2019.
  10. ^ Mara Parretta, Diffondere la cultura a Napoli: la Fondazione Premio Napoli dopo 64 anni di attività, su /informareonline.com, 2 luglio 2018. URL consultato il 22 agosto 2019.
  11. ^ vincitori Premio Napoli 2019 – 65ª edizione, su premio napoli.it. URL consultato il 20 dicembre 2019.
  12. ^ Premio Napoli, 66ma edizione: vincono Scego, Sisto e Giartosio, su ilmattino.it, 22 dicembre 2020. URL consultato il 23 dicembre 2020.
  13. ^ Lagioia, Falcinelli e Gallo vincono il Premio Napoli 2021: premiati anche Carrère e Orlando, su fanpage.it, 22 dicembre 2021. URL consultato il 23 dicembre 2021.
  14. ^ Giovanni Chianelli, Premio Napoli narrativa a Titti Marrone per “Se solo il mio cuore fosse pietra”, racconto dei bambini tornati dai lager, su ilmattino.it, 15 dicembre 2022. URL consultato il 21 dicembre 2022.

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica