Apri il menu principale

Premio Pulitzer per la musica

I premi Pulitzer
Gen pulitzer.jpg
Giornalismo
  di pubblico servizio  
di ultim'ora
Investigativo
Locale
Nazionale
Internazionale
Miglior articolo
di commento
di critica
Editoriale
Editoriale in fumetto
Fotografia di ultim'ora
Miglior fotografia
Arti e lettere
Narrativa
Drammaturgia
Storia
Biografia e autobiografia
Poesia
Saggistica
Musica

Il Premio Pulitzer per la musica è uno dei sette Premi Pulitzer americani che vengono annualmente aggiudicati per Lettere, Dramma e Musica. Fu inizialmente assegnato nel 1943. Joseph Pulitzer non aveva parlato di un tale premio nel suo testamento, ma aveva predisposto una borsa di studio per la musica da assegnare ogni anno. Questa fu alla fine trasformata in un premio a pieno titolo: "Per una composizione musicale importante di dimensioni significative scritta da un americano che abbia avuto la sua prima esecuzione negli Stati Uniti durante l'anno". A causa del requisito che la composizione dovesse avere la sua prima mondiale durante l'anno stesso del premio, l'opera vincitrice era raramente stata registrata e, talvolta, aveva avuto un solo spettacolo.[1] Nel 2004 i termini furono modificati come segue: "Per una composizione musicale importante scritta da un americano che abbia avuto la sua prima esecuzione o una registrazione negli Stati Uniti durante l'anno".[2]

Indice

StoriaModifica

Nel 1965, la giuria decise all'unanimità che nessun lavoro importante era degno del premio Pulitzer. In alternativa suggerirono una citazione speciale da dare a Duke Ellington in riconoscimento del complesso del suo lavoro, ma la giuria del Pulitzer rifiutò e quindi nessun premio fu assegnato quell'anno.[3] Ellington rispose: "Il destino vuole essere gentile con me, il destino non vuole che io sia troppo famoso troppo giovane.". (Aveva allora sessantasette anni).[4] Nonostante questa battuta, Nat Hentoff riferì che quando aveva parlato ad Ellington su questo argomento, era "più arrabbiato di quanto avessi mai visto prima", ed Ellington disse, "Sono a mala pena sorpreso che il mio genere di musica sia ancora senza, diciamo così, onore ufficiale a casa. La maggior parte degli americani ancora dá per scontato che la musica di origini europee, la musica classica se volete, sia l'unico tipo di musica veramente rispettabile."[5]

Nel 1996, dopo anni di dibattito interno, il consiglio del premio Pulitzer annunciò un cambiamento dei criteri per il premio musicale "in modo da attirare il meglio di una ancor più vasta gamma di musica americana."[4] Il risultato fu che l'anno seguente Wynton Marsalis diventò il primo artista jazz a vincere il Premio Pulitzer. Tuttavia, la sua vittoria fu controversa perché secondo le linee guida del Pulitzer, il suo lavoro vincente, un oratorio di tre ore sulla schiavitù, "Blood on the Fields", non avrebbe avuto i requisiti per l'assegnazione. Anche se si suppose che il lavoro vincente avesse avuto la sua prima esecuzione nel corso dell'anno, la piece di Marsalis aveva debuttato il 1º aprile 1994 e la sua registrazione, incisa su Columbia Records, era datata 1995. Tuttavia, il pezzo vinse il premio nel 1997. L'amministrazione di Marsalis aveva presentato una "versione modificata" di "Blood on the Fields" che fu eseguita come una "prima" alla Università di Yale, dopo che il compositore aveva fatto sette piccoli cambiamenti.[6] Quando gli fu chiesto che cosa rende "premiabile" un lavoro riveduto, il presidente della giuria di musica di quell'anno, Robert Ward, dichiarò: "Non è un taglio qua e là.... o una lieve revisione", ma piuttosto qualcosa che ha cambiato "l'intera concezione del pezzo." Dopo essere stato a leggere la lista delle revisioni apportate al pezzo, Ward riconobbe che i cambiamenti minori non avrebbero dovuto qualificarlo come un lavoro idoneo, ma disse che "l'elenco che c'è qui allora non era disponibile per noi e non abbiamo potuto discuterne ".[7]

Sei donne hanno ottenuto il premio Pulitzer: Ellen Taaffe Zwilich, 1983; Shulamit Ran, 1991; Melinda Wagner, 1999; Jennifer Higdon, 2010; Caroline Shaw, 2013; and Julia Wolfe, 2015. Oltre ad essere la prima donna a ricevere il premio, Ellen Taaffe Zwilich fu anche la prima donna a ricevere il titolo di Dottore in composizione delle Arti Musicali presso la Juilliard School of Music.[8]

Nel 1992 la giuria musicale, che quell'anno consisteva di George Perle, Roger Reynolds, e Harvey Sollberger, scelse Concerto Fantastique di Ralph Shapey per il premio. Tuttavia la giuria del Pulitzer respinse tale decisione e scelse di dare il premio alla seconda scelta della giuria, Il volto della notte, il cuore del buio di Wayne Peterson. La giuria della musica rispose con una dichiarazione pubblica affermando che non erano stati consultati in tale decisione e che il Consiglio non era professionalmente qualificato a prendere una simile decisione. Il Consiglio rispose che "I premi Pulitzer sono arricchiti dal fatto di avere, oltre al punto di vista del professionista, anche il punto di vista del consumatore profano" e non revocò la sua decisione.[8]

George Walker è stato il primo compositore afro-americano a vincere il Premio, che ricevette per il suo lavoro Lilacs nel 1996. Walker si diplomò al Conservatorio di Oberlin, dove entrò all'età di quattordici anni, e si diplomò a diciotto con il massimo dei voti della sua classe del Conservatorio. Fu il primo diplomato nero presso il rinomato Curtis Institute of Music, dove ricevette il titolo di Artist Diplomas e fu il primo beneficiario nero di una laurea di dottorato presso la Eastman School of Music.

Nel 2004, rispondendo alle critiche, Sig Gissler, l'amministratore dei Premi Pulitzer alla Columbia University Scuola di Giornalismo, annunciò di voler "ampliare il premio un po' in modo che possiamo essere più sicuri che stiamo ottenendo l'intera gamma del meglio della musica americana ... "Jay T. Harris, membro del consiglio di amministrazione del Pulitzer, dichiarò: "Il premio non deve essere riservato essenzialmente per la musica che proviene dalla tradizione classica europea ".[5]

Le modifiche alle regole annunciate inclusi alterare l'area della giuria per includere artisti e presentatori, oltre ai compositori e critici. I partecipanti ora non sono più tenuti a presentare un punteggio. Anche le registrazioni verranno accettate, anche se i punteggi sono ancora "fortemente sollecitati". Gissler disse: "La cosa principale è che stiamo cercando di mantenere questo un premio serio. Non stiamo cercando di renderlo insignificante in qualsiasi modo o forma, ma stiamo cercando di aumentarlo, migliorarlo ... penso che il termine critico sia 'illustri composizioni musicali americane.'"[9] La reazione tra i vincitori del Premio Pulitzer per la musica cambiò.

Il Comitato consultivo del premio Pulitzer annunciò ufficialmente: "Dopo più di un anno di studio del Premio, giunto alla sua 61ª edizione, la giuria del premio Pulitzer dichiarò la sua ferma volontà di prendere in considerazione e onorare l'intera gamma di illustri composizioni musicali americane, dalla classica contemporanea sinfonica al jazz, lirica, corale, teatro musicale, le colonne sonore di film e altre forme di eccellenza musicale ... Nel corso degli anni, il Premio era stato assegnato prevalentemente a compositori di musica classica e giustamente, perché è stato di grande importanza per la comunità artistica. Tuttavia, nonostante alcuni sforzi passati per ampliare la concorrenza, solo una volta il premio andò a una composizione jazz, un dramma musicale o una colonna sonora. Alla fine del 1990, il Consiglio prese atto tacitamente delle critiche ai suoi predecessori per la mancata citazione di due dei compositori jazz più importanti del paese. Venne conferita una citazione speciale a George Gershwin per la celebrazione del centenario della sua nascita nel 1998 e Duke Ellington nel suo centenario nel 1999. In precedenza, nel 1976, era stato creato un premio speciale per Scott Joplin nel suo centenario. Mentre speciali Premi e citazioni continuano ad essere un'opzione importante, la giuria del Pulitzer ritiene che il premio di musica, nella sua competizione annuale, dovrebbe includere qualsiasi gamma di musica importante della nazione e si augura che i perfezionamenti nella definizione del premio, le linee guida ed i membri della giuria vorranno servire a questo scopo."[10]

Successivamente, nel 2006, una "Menzione Speciale" postuma fu data al compositore jazz Thelonious Monk[11] e nel 2007 il premio andò a Ornette Coleman, un compositore di free jazz.

CriticaModifica

Donald Martino, vincitore del 1974, ha detto, "Se si scrive la musica abbastanza a lungo, prima o poi, qualcuno inizierà ad avere pietà di voi e vi darà il dannato coso. Non sempre è il premio per il miglior pezzo dell'anno; a volte lo si assegna a chi non l'ha mai ottenuto prima".[12]

John Corigliano, vincitore nel 2001, ha detto che, anche se il premio era inizialmente destinato alla musica che ha significato qualcosa per il mondo, era diventato un tipo molto diverso di premio, "da compositori per dei compositori" e "impantanato in una pozza di giurati rotanti."[6]

Il compositore e critico musicale Kyle Gann si lamentò in un saggio sul "The Uptown Prejudice Against Downtown Music" (Il pregiudizio dei quartieri residenziali contro la musica in centro) che i giudici per il Pulitzer e altri premi top per la composizione spesso erano "gli stessi sette nomi più e più volte come giudici": Gunther Schuller, Joseph Schwantner, Jacob Druckman, George Perle, John Harbison, Mario Davidovsky, e Bernard Rands. Gann sosteneva che i compositori del "centro", come lui, non avessero vinto premi, perché i compositori/giudici erano tutti "uomini bianchi, tutti provenienti più o meno dalla stessa stretta estetica eurocentrica.... Questi sette uomini hanno determinato chi ha vinto i grandi premi della musica americana negli ultimi due decenni. Hanno fatto in modo che i compositori Downtown non vincano mai."[13]

Dopo aver vinto il Pulitzer nel 2003, John Adams espresse "l'ambivalenza confinante col disprezzo", perché "la maggior parte delle più grandi menti musicali del paese" sono stati ignorate a favore della musica accademica.[6]

Gunther Schuller accolse con favore l'ampliamento dei criteri di ammissibilità per il premio nel 2004: "Questo è un cambiamento epocale atteso da tempo sull'intero atteggiamento riguardo a quello che può essere preso in considerazione per il premio. Si tratta di un'apertura a stili diversi e niente affatto a diversi livelli di qualità."[12] Olly Wilson convenne che le modifiche furono "un passo nella giusta direzione", perché riconoscevano "un più ampio spettro di musica, compresa la musica che non è scritta."[12] Alcuni altri ex vincitori furono in disaccordo. John Harbison lo definì "un orribile sviluppo", aggiungendo: "Se si dovesse imporre uno standard comparabile sulla fiction si stimolerebbero le iscrizioni dagli autori di romanzi aeroportuali."[12] Secondo Donald Martino, il premio aveva "già cominciato ad andare nella direzione di permettere cose meno serie" prima delle modifiche del 2004.[12] Anche Lewis Spratlan, che vinse il premio nel 2000, fece obiezioni, dicendo: "Il Pulitzer è uno dei pochi premi che assegnano per la distinzione artistica nella musica dal vivo, assumendosi rischi. Diluire questo obiettivo, invitando artisti da musical e colonne sonore, non importa quanto eccellenti, significa minare il carattere distintivo e la capacità di avanzamento artistico."[12]

Albo d'oroModifica

Nei suoi primi 71 anni fino al 2013, il Pulitzer per la musica è stato assegnato 67 volte; non è mai stato diviso e nessun premio è stato assegnato nel 1953, 1964, 1965 e 1981.[14]

Anni 1943-1949Modifica

Anni 1950-1959Modifica

Anni 1960-1969Modifica

Anni 1970-1979Modifica

Anni 1980-1989Modifica

Anni 1990-1999Modifica

Anni 2000-2009Modifica

Anni 2010-2017Modifica

Ulteriori citazioni –

Vincitori di due premiModifica

Quattro persone hanno vinto due volte il Premio Pulitzer per la musica.

NoteModifica

  1. ^ NewMusicBox[collegamento interrotto], NewMusicBox, 1º giugno 2000. URL consultato il 23 luglio 2010.
  2. ^ History of The Pulitzer Prizes, The Pulitzer Prizes (pulitzer.org). URL consultato il 23 luglio 2010.
  3. ^ Lang, Peter. "The Pulitzer Prize Winners for Music". Internationaler Verlag der Wissenschaften, 2010, pp. 102–103.
  4. ^ a b Fred Kaplan, When will the Pulitzer Prize in music get it right? – By Fred Kaplan – Slate Magazine, Slate.com, 19 aprile 2006. URL consultato il 23 luglio 2010.
  5. ^ a b WSJ - Arts, Theatre, Film, Music, Books, Food, Wine, Fashion, Events - WSJ.com, Opinionjournal.com. URL consultato il 23 luglio 2010.
  6. ^ a b c John Adams; Interviews, Articles & Essays, Earbox.com, 6 maggio 2003. URL consultato il 23 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 28 ottobre 2010).
  7. ^ Wynton Marsalis and the Pulitzer Prize, Greg Sandow. URL consultato il 23 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2010).
  8. ^ a b The Pulitzer Prize in Music: 1943–2002, American.edu. URL consultato il 23 luglio 2010.
  9. ^ Eminem News – Yahoo! Music, Music.yahoo.com. URL consultato il 23 luglio 2010.
  10. ^ Cambiamenti nell'aggiudicazione, su pulitzer.org (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2008).
  11. ^ Menzione speciale, su pulitzer.org (archiviato dall'url originale il 20080509075742).
  12. ^ a b c d e f Richard Dyer, Changes to Definition of Pulitzer for Music Spark Dissonance, in Boston Globe, 1º giugno 2004, p. E2, ISSN 0743-1791 (WC · ACNP). URL consultato il 17 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2004).
  13. ^ Kyle Gann, Breaking the Chain Letter: An Essay on Downtown Music, su Kyle Gann: Composer and Author, 18 aprile 1998. URL consultato il 17 luglio 2015. In his list of writings, Gann includes this essay under the heading "On Gann's music".
  14. ^ "Music". The Pulitzer Prizes. Retrieved 2013-12-20.

Collegamenti esterniModifica