Presidenti della Provincia di Catania

Elenco dei Presidenti della Provincia di Catania dall'unità d'Italia ai giorni nostri.

Governatori di CataniaModifica

Con decreto del dittatore della Sicilia, Giuseppe Garibaldi, il 4 maggio 1860 furono dichiarati decaduto gli Intendenti delle province borboniche, e al loro posto a Catania furono nominati i seguenti Governatori:

  • Vincenzo Tedesco, dal 28 maggio 1860
  • Domenico Piraino, dal 2 luglio 1860
  • Pietro Crispi, dal 24 luglio 1860
  • Vincenzo Tedeschi, dal 24 dicembre 1860

Prefetti di CataniaModifica

Con la ratifica dell'unità d'Italia, a capo delle province furono posti i prefetti mentre vennero indette le elezioni per il consiglio provinciale.[1]

  • Giacinto Tholosano, dal 16 giugno 1861
  • Alessandro Bossini, dal 18 gennaio 1863
  • Eugenio Fasciotti, dal 10 dicembre 1866
  • Bartolomeo Casalis, 17 novembre 1867
  • Cesare Bardesono, dal 28 marzo 1868
  • Nicolò Cusa, dal 18 novembre 1868
  • Benedetto Reggio, dal 24 giugno 1869
  • Raffaele Lanza, dal 23 gennaio 1873
  • Ottavio Lovera di Maria, dal 21 dicembre 1875
  • Achille Basile, dal 10 ottobre 1877
  • Giovanni Minghelli Vaini, dal 15 febbraio 1880
  • Gustavo Millo, dal 16 dicembre 1885
  • Vincenzo Colmayer, dal 16 luglio 1887

Presidenti della Deputazione ProvincialeModifica

Con le riforme democratiche della Sinistra storica, a capo delle province furono posti i Presidenti delle Deputazioni provinciali nominati dai consiglieri.

  • Roberto Giuffrida (Presidente della Deputazione Provinciale)

elenco ignoto

Rettori della ProvinciaModifica

Con l'avvento del fascismo furono posti a capo delle province i Rettori, funzionari di partito che dovevano collaborare coi prefetti:

  • Girolamo Longhena (1939) (preside del Rettorato provinciale)

elenco ignoto[2]

Prefetti di CataniaModifica

Con l'occupazione americana della Sicilia furono soppresse le autorità fasciste e le province vennero affidate ai prefetti.

  • Salvatore Azzaro, dal 1º agosto 1943
  • Antonino Fazio, dal 16 ottobre 1943
  • Florindo Giammichele, dal 10 ottobre 1944
  • Giovanni Vitelli, dal 18 dicembre 1944

Commissari PrefettiziModifica

Con la proclamazione della Repubblica e la prima bozza di autonomia regionale le province siciliane, a differenza delle altre, furono commissariate in attesa di essere riformate.

Delegati Regionali ProvvisoriModifica

Indecisa sul da farsi, la Sicilia, cui era stato demandato ogni potere sulle sue province in base alla Costituzione, nominò propri reggenti per ben tre lustri.

Presidenti del Consiglio ProvincialeModifica

Nel 1964 il governo regionale siciliano decise la restaurazione della vita democratica nelle province convocando per la prima volta le elezioni, omologandosi al resto d'Italia. Dal 6 marzo 1986 le province cambiarono nome in province regionali, ma l'operazione fu puramente lessicale.

Presidenti della ProvinciaModifica

Nel 1994 la Regione Siciliana riformò le sue province uniformandosi al nuovo modello nazionale di democrazia diretta ed elezione popolare del Presidente della Giunta Provinciale.

NoteModifica

  1. ^ Furono presidenti del consiglio provinciale, carica legislativa:
  2. ^ Elenco ignoto: Giovanni Crispino (16 ottobre 1923 - 18 febbraio 1924)
  3. ^ Assessore anziano Armando Palazzo reggente provvisorio dal 23 ottobre 1964