Apri il menu principale

Presidenza di Jimmy Carter

39º presidenza degli Stati Uniti d'America

1leftarrow blue.svgVoce principale: Jimmy Carter.

Presidenza Carter
JimmyCarterPortrait2.jpg
StatoStati Uniti Stati Uniti
Capo del governoJimmy Carter
(D)
Giuramento20 gennaio 1977
Governo successivoReagan
20 gennaio 1981
Left arrow.svg Presidenza Ford Presidenza Reagan Right arrow.svg

La presidenza di Jimmy Carter è la trentanovesima presidenza degli Stati Uniti d'America, in carica dal 1977 al 1981.

Carter era governatore della Georgia al momento della vittoria alle elezioni presidenziali statunitensi del 1976 contro Gerald Ford.

Indice

PresidenzaModifica

La sua amministrazione ha dovuto affrontare una grave crisi energetica e la crisi politica derivante dalla cattura di 52 ostaggi statunitensi nell'ambasciata di Teheran durante la rivoluzione iraniana del 1979.

Politica internaModifica

In politica economica seguì un programma di deregolamentazioni e liberalizzazione al fine di stimolare la concorrenza e l'economia. Con l'Airline Deregulation Act del 1978 Carter eliminò il controllo del governo su tariffe e percorsi del settore del trasporto aereo al fine di creare un libero mercato del settore e per permettere l'ingresso in esso di nuove compagnie aeree da aviazione commerciale, lasciando inoltre che fosse la libera concorrenza delle forze di mercato a determinare percorsi e tariffe. Nel 1979 Carter deregolamentò anche l'industria della birra americana, rendendo legale vendere malto, luppolo e lievito di birra per la prima volta dai tempi del proibizionismo degli anni venti. Questa liberalizzazione ha portato ad un aumento del consumo della birra nelle case americane nel corso degli anni '80 e '90 e ha permesso che entro gli anni duemila si sviluppasse in una forte cultura della birra artigianale in tutti gli Stati Uniti.

Carter cercò di proteggere i consumatori garantendo alcune tutele contro i creditori nel Fair Debt Collection Practices Act nel 1977 e anche agli handicappati ed anziani con il Housing and Community Development Act e vietando poi con il Community Reinvestment Act alle banche il diritto negare prestiti alle comunità più povere. Il National Consumer Cooperative Bank Act del 1978 ha cercato di mettere fondi da parte per prestiti a basso interesse per avviare cooperative.

Al fine di rispondere alla crisi energetica Carter varò il National Energy Act comprendente: il Public Utility Regulatory Policies Act che promosse la riduzione dei consumi energetici, l'Energy Tax Act che incentivò l'efficienza energetica e la produzione di energia rinnovabile tramite sgravi fiscali, il National Energy Conservation Policy Act sull'energia fotovoltaica, il Power Plant and Industrial Fuel Use Act riguardante l'utilizzo di combustibili fossili e il Natural Gas Policy Act sul settore dei gas naturali.

La Surface Mining Control and Reclamation Act sempre del 1977 rappresentò la prima legge federale per la protezione dell'ambiente contro le cave di carbone. Essa fu rafforzata dalla seguente Federal Mine Safety and Health Act che mirava alla tutela della salute dei minatori di carbone. Con l'Alaska National Interest Lands Conservation Act Carter trasformò 103 milioni di acri (circa 417,000 km²) di terreno in Alaska in riserve naturali protette e parchi.

Un importante provvedimento sociale varato durante la presidenza di Carter fu il Pregnancy Discrimination Act che proibiva la discriminazione per le donne incinte costringendo inoltre i datori di lavoro a concedere un congedo dal lavoro alle donne che si stanno riprendendo da un aborto.

Altri importanti nodi dell'amministrazione Carter furono l'emergenza della discarica di Love Canal e l'incidente nucleare di Three Mile Island. Per rispondere all'emergenza di Love Canal nel 1980 Carter varò il decreto Comprehensive Environmental Response, Compensation, and Liability Act (CERCLA), detto comunemente Superfund, che stabiliva una tassa sulle industrie chimiche e petrolifere per permettere all'autorità federale di rispondere alle emergenze ambientali ed un fondo destinato a sostenere le spese per la bonifica dei territori inquinati.

Sotto la presidenza Carter furono istituiti il Dipartimento dell'Energia e il Dipartimento dell'Istruzione.

Politica esteraModifica

La politica estera di Carter fu sempre il suo tallone d'Achille nonostante alcuni importanti successi, fra i quali la firma degli accordi di pace di Camp David fra Egitto ed Israele, i Trattati Torrijos-Carter ed alcuni importanti provvedimenti come la deroga al McCarran Act che vietava l'ingresso negli USA dei comunisti. L'asse portante della sua politica estera fu però la promozione dei diritti umani: sin dai primi giorni la Casa Bianca si impegnò per sostenere oppositori, dissidenti ed attivisti all'estero, seppur con risultati contrastanti.[1] Vennero inoltre firmati gli accordi SALT II per la limitazione delle armi nucleari strategiche. Dopo questa prima fase di distensione nei confronti del movimento comunista mondiale, quando l'URSS invase l'Afghanistan nel 1980 ci fu il ritorno di un clima da Guerra fredda: Carter boicottò la XXII Olimpiade che si teneva quell'anno a Mosca.

Alle elezioni del 1980 fu battuto con ampio margine da Ronald Reagan, cosa che gli impedì di esercitare un secondo mandato.

Composizione del GabinettoModifica

Dipartimento Incarico Ritratto Nome Mandato
Inizio Termine
  Presidente   Carter, Jimmy Jimmy Carter 1977 1981
  Vice Presidente   Mondale, Walter Walter Mondale 1977 1981
  Segretario di Stato   Vance, Cyrus Cyrus Vance 1977 1980
  Muskie, Edmund Edmund Muskie 1980 1981
  Segretario al Tesoro   Blumenthal, Werner Michael Werner Michael Blumenthal 1977 1979
  Miller, George William George William Miller 1979 1981
  Segretario della Difesa   Brown, Harold Harold Brown 1977 1979
  Procuratore generale   Bell, Griffin Boyette Griffin Boyette Bell 1977 1979
  Civiletti, Benjamin Benjamin Civiletti 1979 1981
  Segretario degli Interni   Andrus, Cecil Cecil Andrus 1977 1981
  Segretario dell'Agricoltura   Bergland, Robert Robert Bergland 1977 1981
  Segretario al Commercio   Kreps, Juanita Juanita Kreps 1977 1979
  Klutznick, Philip Philip Klutznick 1979 1981
  Segretario del Lavoro   Marshall, Ray Ray Marshall 1977 1981
  Segretario della Salute, dell'Istruzione e del Benessere[2]   Califano, Jr., Joseph A. Joseph A. Califano, Jr. 1977 1981
  Harris, Patricia Roberts Patricia Roberts Harris 1977 1981
  Segretario della Casa e dello Sviluppo Urbano   Harris, Patricia Roberts Patricia Roberts Harris 1977 1979
  Landrieu, Maurice Maurice Landrieu 1979 1981
  Segretario dei Trasporti   Adams, Brock Brock Adams 1977 1979
  Goldschmidt, Neil Neil Goldschmidt
1979 1981
  Segretario dell'Energia[3]   Schlesinger, James James Schlesinger 1977 1979
  Duncan, Charles Charles Duncan 1979 1981
  Segretario dell'Istruzione   Hufstedler, Shirley Shirley Hufstedler 1977 1981
  Capo di Gabinetto Vacante 1977 1979
Jordan, Hamilton Hamilton Jordan 1979 1980
Watson, Jack Jack Watson 1980 1981
  Amministratore dell'EPA   Costle, Douglas Douglas Costle 1977 1981
  Amministratore dell'OMB Lance, Bert Bert Lance 1977 1977
McIntyre, James James McIntyre 1977 1981
  Ambasciatore presso le Nazioni Unite   Young, Andrew Andrew Young 1977 1979
  McHenry, Donald Donald McHenry
1979 1981
  Rappresentante per il Commercio   Strauss, Robert Robert Strauss 1977 1979
  Askew, Reubin Reubin Askew 1979 1981

Altri ruoli importantiModifica

NoteModifica

  1. ^ Umberto Tulli, Tra diritti umani e distensione. L'Amministrazione Carter e il dissenso in Urss, Franco angeli, 2013.
  2. ^ Nel 1979 con il Department of Education Organization Act fu creato il Dipartimento dell'Istruzione e questo dipartimento assunse il nome Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani
  3. ^ Creato il 4 agosto 1977 con il Department of Energy Organization Act.

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85140473