Apri il menu principale

Prima che sia notte (film)

film del 2000 diretto da Julian Schnabel
Prima che sia notte
Prima che sia notte.png
Una scena del film
Titolo originaleBefore Night Falls
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2000
Durata133 min
Generedrammatico
RegiaJulian Schnabel
SoggettoReinaldo Arenas
SceneggiaturaCunningham O'Keefe, Lázaro Gómez Carriles e Julian Schnabel
FotografiaXavier Pérez Grobet e Guillermo Rosas
MontaggioMichael Berenbaum
MusicheCarter Burwell
ScenografiaSalvador Parr, Antonio Muño-Hierro e Laurie Friedman
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Prima che sia notte (Before Night Falls) è un film del 2000 diretto da Julian Schnabel, alla sua seconda esperienza cinematografica.

TramaModifica

Reinaldo Arenas sin da bambino mostra un grande talento per la poesia. L'avvento della rivoluzione sembra essere estremamente positivo per un giovane che sente emergere in sé l'interesse per il proprio sesso. Ma presto il vento cambia e, dopo aver vinto a 20 anni un premio letterario, nel 1973 viene arrestato perché omosessuale e i suoi lavori vengono confiscati. Nel 1980 Castro autorizza omosessuali, ex carcerati e malati mentali a lasciare Cuba. Tra loro c'è Reinaldo che raggiunge gli Stati Uniti, dove però le sue difficoltà non sono terminate.

ProduzioneModifica

Il film ha per protagonista Javier Bardem nel ruolo del poeta e romanziere cubano Reinaldo Arenas. Tratta dall'autobiografia postuma del protagonista, Antes que anochezca (1992), alla pellicola, che ha fatto incetta di premi internazionali, partecipano in ruoli secondari anche Johnny Depp (che occupa due ruoli, ossia quello dell'omosessuale in carcere e quello del tenente) e Sean Penn.

RiconoscimentiModifica

CuriositàModifica

Nel film sono ricorrenti delle considerazioni del protagonista rivolgendosi alla macchina da presa come in un'intervista. Lo scrittore, tra queste, enumera una personale classificazione tipologica del mondo omosessuale:

  • del "primo tipo": gli omosessuali "che si fanno prendere per il collo", troppo visibili e soggetti ad avere noie con la collettività;
  • del "secondo tipo": quelli "normali", "che non rischiano e che vivono con altri omosessuali";
  • del "terzo tipo": quelli "nascosti", coloro che disconoscono o celano a loro stessi la propria condizione, conducendo spesso una vita familiare ordinaria, pur avendo incontri sporadici con persone dello stesso sesso e "che censurano gli altri omosessuali";
  • del "quarto tipo": quelli "regali", gli omosessuali altolocati, considerati intoccabili e che vivono indisturbati.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE7526436-5
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema