Apri il menu principale

Primo Zamparini

pugile italiano
Primo Zamparini
Primo Zamparini 1960b.jpg
Nazionalità Italia Italia
Pugilato Boxing pictogram.svg
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Roma 1960 gallo
 

Primo Zamparini (Fabriano, 9 febbraio 1939) è un ex pugile italiano, medaglia d'argento, nei pesi gallo, ai Giochi olimpici di Roma 1960.

Indice

CarrieraModifica

Nato il 9 febbraio 1939 a Fabriano, Primo Zamparini è considerato il miglior pugile dilettante marchigiano di tutti i tempi ed uno dei migliori professionisti della regione[senza fonte].

Il giovane Primo ha 18 anni e vive a Genova da poco, la palestra dove il maestro Bensi insegna la boxe è un luogo adatto per trascorrere le serate per cui inizia a frequentarla. Il maestro si accorge subito che il ragazzo ci sa fare, i suoi pugni fanno male, la grinta è quella giusta, tecnicamente c'è da lavorare.

Dopo pochi mesi di palestra, Primo disputa i campionati italiani assoluti a Milano, sbaraglia la concorrenza e dopo 4 incontri vittoriosi, diventa campione italiano assoluto. Zamparini salirà sul gradino più alto del podio ai Campionati Assoluti ancora due volte negli anni successivi.

Le Olimpiadi romane hanno regalato notevoli soddisfazioni al pubblico dei guantoni, il peso gallo Zamparini sostiene un torneo durissimo ed esaltante, vince su avversari quotati (il greco Panagiotis, il giapponese Haga, lo statunitense Armstrong, l'australiano Taylor) e arriva in finale dove trova il fortissimo sovietico Grigoryev. L'incontro è drammatico ed entrambi i pugili toccano il tappeto, alla fine il verdetto è difficilissimo ma i giudici si dimostrano imparziali, sui 5 cartellini ci sono un pari, 2 punti per l'italiano e 1 punto a favore del sovietico per gli altri 3 giudici, Zamparini conquista la medaglia d'argento.

(Grigoryev mette il ginocchio al tappeto)

Dopo le olimpiadi del 1960, circa duecento dilettanti italiani passano al professionismo, il campione fabrianese resta dilettante e vince ancora. Nel 1961 porta a tre il suo bottino di medaglie d'oro per quanto riguarda i campionati assoluti e conquista un bronzo agli europei di Belgrado. Arriva l'atteso passaggio al professionismo sotto le cure del “mago” Steve Klaus, Zamparini è uno dei pugili più promettenti del panorama nazionale.

Nel 1961, tolti casco e canottiera, Primo riporta 6 vittorie, la soluzione di forza è quasi una costante nei suoi match, lo spettacolo è garantito e le città cercano di accaparrarsi un incontro del giovane ariete marchigiano.

Il 1963 gli offre la possibilità di diventare campione italiano, deve superare Federico Scarponi, il detentore del titolo, in un derby regionale. L'incontro è combattuto e termina con un verdetto di parità che accontenta solo il campione, scattano le polemiche perché in molti avevano visto la vittoria di Zamparini.

Invece di ritentare la sfida nazionale, Primo decide in accordo col manager Klaus di fare una tournée di tre incontri in Australia in cerca di gloria e soddisfazioni economiche. Non andrà proprio così, il primo incontro lo vede opposto a quel Taylor che Primo aveva già sconfitto alle olimpiadi romane, Taylor si prende la rivincita e vince ai punti dopo 12 intense riprese, gli stessi spettatori di casa contestano il verdetto. Primo viene sconfitto anche dal campione australiano Males a causa delle ferite subite. Il terzo incontro lo vede di fronte al ghanese giramondo Bob Allotey, che 11 anni dopo conquisterà il titolo europeo con passaporto spagnolo. Le ferite alle arcate sopraccigliari penalizzano il nostro guerriero che viene fermato al 7º round quando sembrava avviato ad un sicuro successo.

La tournée australiana peggio di così non poteva andare; anche dal punto di vista morale, il pugile italiano non è più lo stesso, gli vengono a mancare gli stimoli per risalire la china, combatte ancora sette volte ma ottiene solo due vittorie, non è più lui. Dopo l'ennesimo pareggio, si ritira dall'attività agonistica all'inizio del 1966, trova un buon lavoro e resta nell'ambiente pugilistico come maestro.

Attualmente, nel tempo libero, segue in qualità di Supervisore gli allenamenti dei nuovi atleti della neonata "A. S. D. Pugilistica Fabrianese Liberti" preso il Palazzetto Dello Sport "PalaGuerrieri" di Fabriano (AN).

PalmarèsModifica

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Note
1960 Giochi olimpici   Roma Pesi gallo   Argento [1]

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica