Apri il menu principale
Santi Primo e Feliciano
Felicianusandprimus.jpg
Martirio dei santi Primo e Feliciano, miniatura da un manoscritto francese, XIV secolo
 

Martiri

 
Morte303, presso Mentana
Venerato daChiesa cattolica
Santuario principaleSanto Stefano Rotondo a Roma
Ricorrenza9 giugno

I santi Primo e Feliciano († 303 circa) erano due cristiani che subirono il martirio durante le persecuzioni degli imperatori Diocleziano e Massimiano.

AgiografiaModifica

Secondo una passio[1] tarda e leggendaria, risalente al VI secolo circa e ripresa anche da Jacopo da Varagine nella sua Legenda Aurea, erano due fratelli ottantenni che, essendosi rifiutati di sacrificare agli idoli, vennero sottoposti a varie specie di torture e quindi decapitati.

CultoModifica

 
Reliquia di San Primo alla Chiesa di San Nicola a Mentana

Già il Martirologio Geronimiano (V secolo), al 9 giugno, ricorda la loro sepoltura al XV miglio da Roma della via Nomentana, presso l'attuale città di Mentana, in Sabina.

Il Liber Pontificalis[2] testimonia che papa Teodoro I (642-649) operò la traslazione dei loro corpi a Roma, dove vennero inumati dinanzi ad un altare della basilica di Santo Stefano Rotondo al Celio: un mosaico del VII secolo li rappresenta in vesti militari. L'8 gennaio del 1625 venne effettuata una ricognizione delle loro reliquie.

La memoria dei santi Primo e Feliciano è posta al 9 giugno (nel 1969 il loro culto è stato limitato ai calendari locali).

NoteModifica

  1. ^ Acta Sanctorum, Junii II, 152 segg.
  2. ^ Liber Pontificalis, I, 332

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica