Apri il menu principale
Princeps senatus
Roman SPQR banner.svg
Curia Iulia.JPG
La Curia Iulia a Roma, l'edificio sito nel Foro romano che ospitava il Senato e il princeps senatus
StatoShe-wolf suckles Romulus and Remus.jpgRepubblica romana
Vexilloid of the Roman Empire.svgImpero Romano
OrganizzazioneSenato Romano
TipoPresidente di assemblea
Istituito275 a.C.
Riforme80 a.C.
28 a.C.
Soppresso284 d.C.
daDiocleziano
Nominato da2 censori fino al 28 a.C.
Ultima elezione284 d.C.
Durata mandato5 anni
SedeRoma

Il Princeps senatus era il primo membro per precedenza del Senato romano; era il portavoce ufficiale e aveva il diritto di votare per primo, influenzando la votazione degli altri. Non era designato per nascita, né per età o per riconoscimento di servigi politici, ma solo per il riconoscimento di un suo personale, straordinario valore morale.

Il princeps senatus non era una carica a vita. Era scelto dai due censori ogni cinque anni. Vi è da aggiungere che un censore poteva confermare il precedente princeps senatus per ulteriori cinque anni. Doveva essere un patrizio. Questa carica comportava in ogni caso una notevole auctoritas, intesa sia come capacità morale di farsi rispettare dagli altri senatori, sia come carriera politica prestigiosa.

Con l'istituzione dell'Impero romano nel I secolo a.C., l'Imperatore romano fu naturalmente il primo tra i membri del Senato: Ottaviano Augusto, quando ottenne per la prima volta la censura nel 28 a.C., si proclamò princeps senatus.

Dal 27 a.C. i termini imperator e princeps divennero equivalenti, designando la massima carica, ossia quello del sovrano romano.

Anche se non faceva parte del cursus honorum e non deteneva nessun imperium, questo incarico portava comunque prestigio enorme al senatore che lo deteneva.

Indice

MansioniModifica

Questa carica venne istituita attorno al 275 a.C.[1] In origine la posizione che ricopriva il princeps era di grande onore e rispetto: aveva il privilegio di parlare per primo davanti agli altri magistrati. Ciò gli conferiva una posizione di grande dignitas, potendo così impostare il tono del dibattito in Senato. Nel tardo periodo repubblicano e durante il principato, questa carica ottenne la prerogativa di presiedere le magistrature oltre ai poteri addizionali come:

  • dichiarare apertura e chiusura delle sessioni di senato;
  • decidere l'ordine del giorno;
  • decidere dove la sessione dovesse avvenire;
  • imporre l'ordine ed altre regole della sessione;
  • ricevere, a nome del senato, le ambascerie dei paesi stranieri;
  • scrivere il nome del senato, delle lettere e delle spedizioni.

A partire dall'80 a.C., si ritiene che lo stato e la funzione di questa carica mutò in seguito alla riforma costituzionale di Lucio Cornelio Silla. Benché rimanessero in vigore le vecchie condizioni e venisse menzionato al primo posto della lista dei senatori formulata dai censori, i suoi poteri furono limitati. In particolare, il fatto di poter parlare per primo durante un dibattito senatorio, decadde a vantaggio invece dei consoli designati.[2]

In seguito alla caduta della Repubblica, l'Imperatore divenne egli stesso princeps senatus ed assunse il governo di tutto l'impero, cosicché da allora in poi il termine non indicava solo "il primo del Senato" ma anche "il primo tra i cittadini". Successivamente il titolo di princeps come capo supremo dello Stato cedette a quello di imperator e servì ad indicare i principi ereditari. Durante poi la crisi del III secolo, anche altri detennero questa carica, oltre all'imperatore: ad esempio il futuro imperatore Valeriano tenne questa carica nel 238, durante il regno di Massimino Trace e Gordiano I.[3]

Lista dei principes senatusModifica

Ritratto Nome Mandato
Inizio Termine
  Manio Valerio Massimo[4] ? ?
  Marco Fabio Ambusto.[5] ? ?
  Quinto Fabio Massimo Rulliano.[6] 275 a.C. 269 a.C.
  Gaio Marcio Rutilo Censorino?[7] 269 a.C. 265 a.C.
  Quinto Fabio Massimo Gurgite, figlio di Rulliano[8] Nel o dopo 258 a.C.
  Gneo Cornelio Blasione?[7] 247 a.C. 241 a.C.
  Gaio Duilio?[7] 236 a.C. 230 a.C.
  Manio Valerio Massimo Messalla?[7] 225 a.C. ?
  Aulo Manlio Torquato Attico?[7] 220 a.C. ?
  Marco Fabio Buteone.[9] dal 216 a.C. ?
  Quinto Fabio Massimo Verrucoso.[10] 209 203 a.C.
  Publio Cornelio Scipione Africano.[10] 199 184/183 a.C.
  Lucio Valerio Flacco.[10] 184/183 a.C. 180 a.C.
  Marco Emilio Lepido.[10] 179 153/152 a.C.
Posizione vacante 153/152 a.C. 147 a.C.
  Publio Cornelio Scipione Nasica Corculo.[10] 147 a.C. ?
  Publio Cornelio Scipione Nasica Serapione?[11] ? ?
  Appio Claudio Pulcro.[10] 136 130 a.C.
  Lucio Cornelio Lentulo Lupo.[9] 130 a.C. ?
  Publio Cornelio Lentulo[10] 125 a.C. ?
  Marco Emilio Scauro.[10] 115 89 a.C.:
  Lucio Valerio Flacco.[10] dall'86 a.C. ?
  Mamerco Emilio Lepido Liviano.[12] 70 a.C. ?
  Quinto Lutazio Catulo[11] ? ?
  Publio Servilio Vatia Isaurico[11] ? ?
  Marco Tullio Cicerone (non era patrizio)[13] ? 43 a.C.
  sconosciuto 43 a.C. 28 a.C.
  Augusto 28 a.C. 14 d.C.
  Tiberio 19 agosto 14 16 marzo 37
  Caligola

Gaio Giulio Cesare Germanico

18 marzo 37 24 gennaio 41
  Claudio

Tiberio Claudio Druso Nerone Germanico Tiberio Claudio Cesare Augusto Germanico

24 gennaio 41 13 ottobre 54
  Nerone

Lucio Domizio Enobarbo Tiberio Claudio Druso Nerone Cesare Germanico Domiziano

13 ottobre 54 9 giugno 68
  Galba

Servio Sulpicio Galba

9 giugno 68 15 gennaio 69
  Otone

Marco Salvio Otone

15 gennaio 69 16 aprile 69
  Vitellio

Aulo Vitellio

16 aprile 69 22 dicembre 69
  Vespasiano

Tito Flavio Vespasiano Cesare Vespasiano Augusto

1º luglio 69 23 giugno 79
  Tito

Tito Flavio Vespasiano

24 giugno 79 13 settembre 81
  Domiziano

Tito Flavio Domiziano

14 settembre 81 18 settembre 96
  Nerva

Marco Cocceio Nerva

18 settembre 96 27 gennaio 98
  Traiano

Marco Ulpio Traiano Marco Ulpio Nerva Traiano

27 gennaio 98 8 agosto 117
  Adriano

Publio Elio Adriano Publio Elio Traiano Adriano

9 agosto 117 10 luglio 138
  Antonino Pio

Tito Aurelio Fulvo Boionio Arrio Antonino Tito Elio Adriano Antonino

10 luglio 138 7 marzo 161
  Marco Aurelio

Marco Annio Catilio Severo Marco Annio Vero Marco Aurelio Antonino

7 marzo 161 17 marzo 180
  Commodo

Marco Aurelio Commodo Antonino

17 marzo 180 31 dicembre 192
  Pertinace

Publio Elvio Pertinace

1º gennaio 193 28 marzo 193
  Didio Giuliano

Marco Didio Severo Giuliano

28 marzo 193 1º giugno 193
  Valeriano

Publio Licinio Valeriano

238 251
  Pomponio Basso 269 ?
  Marco Claudio Tacito 275 276

NoteModifica

  1. ^ Francis Ryan, Rank and Participation in the Republican Senate, 1998, p. 170.
  2. ^ Thomas Robert Shannon Broughton, The Magistrates of the Roman Republic, Vol. II, 1952, p. 127,
  3. ^ Historia Augusta - I tre Gordiani, IX, 7; Zosimo, Storia nuova, I, 14.1.
  4. ^ Mommsen, Romische Forschungen, vol.I (1864) e Ueber den princeps senatus, in RhM 19, pp. 455-457 (1864). Willems, Senat de la Republique Romaine, vol.I (1878). Suolahti, Princeps senatus, in Arctos 7, pp. 207-218 (1972). Rigetta questa teoria Ryan, Rank and Participation in the Republican Senate p. 223 (1998).
  5. ^ Sono a favore: Mommsen, Willems, Suolahti. Non accettato invece da Ryan.
  6. ^ Sono a favore: Mommsen, Willems, Suolahti e Ryan.
  7. ^ a b c d e Ryan.
  8. ^ Si dice anche che succedette a suo padre come Princeps Senatus nel 265 a.C.
  9. ^ a b Willems, Suolahti, Ryan.
  10. ^ a b c d e f g h i Mommsen, Willems, Suolahti, Ryan.
  11. ^ a b c A favore Willems; contrari Suolahti e Ryan.
  12. ^ A favore Mommsen. Contrari Willems, Suolahti e Ryan.
  13. ^ A favore Willems, Ryan; contrario Suolahti.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma