Apri il menu principale

Principe e Socio M.

gruppo musicale italiano
(Reindirizzamento da Principe e Socio M)
Principe e Socio M.
Paese d'origineItalia Italia
GenereMusica d'autore
Pop
Folk
Indie rock
Periodo di attività musicale1999 – in attività
Album pubblicati2
Studio2
Opere audiovisive1

Principe e Socio M. sono un duo musicale italiano proveniente da Napoli.

Indice

StoriaModifica

Nel 1998 aprirono uno studio di registrazione in una torre del castello Maschio Angioino, a Napoli, esattamente la torre San Giorgio, definita da loro "Torre sinistra", dove Antonio De Carmine, principe, abita, essendo figlio del custode.

Dopo esser venuti a contatto con ambienti della cultura musicale partenopea (tra gli altri Enzo Gragnaniello, Beppe Vessicchio e Joe Amoruso) e con artisti e discografici internazionali come Caterina Caselli, Ornella Vanoni, dettero vita anche a progetti musicali in altre vesti, sia come arrangiatori e compositori che come autori e produttori artistici, tuttavia tenendo sempre in primo piano, come priorità, il loro progetto artistico, Principe e Socio M.

Come nome artistico scelsero i propri appellativi: Antonio è Principe in quanto inquilino del castello Maschio Angioino di Napoli, mentre Mauro è Socio M. in cui il termine socio è mutuato da un'espressione dello slang giovanile partenopeo usata per chiamare gli amici, mentre la M. sta per Mauro e anche per mouse, data la propensione ai computer e ai programmi musicali da parte di Spenillo.

Nel 2000 il duo pubblicò del primo album Alibi Funky, vennero poi chiamati da Vincenzo Micocci, discografico storico, direttore artistico di case discografiche come la RCA, Ricordi e altre, che ha scoperto, tra gli altri, nomi come Francesco De Gregori, Rino Gaetano, Ron, Antonello Venditti, Lucio Dalla e Paola Turci. I discografici, figli di Vincenzo, Francesco e Stefano Micocci sostennero e promossero il duo per tutto il 2001 portandoli al Festival di Sanremo nella categoria Nuove Proposte con la canzone Targato NA, un testo narrante il disagio di Ciccio, un ragazzo gay dell'hinterland napoletano che passa dai movimenti No Global al servizio nell'Arma dei Carabinieri pensando di fare del bene.

Nello stesso anno suonarono al Cremlino, per tre sere di seguito, con Lucio Dalla e Antonello Venditti e tantissimi altri big, come rappresentanti della nuova musica italiana.

Dal 2003 hanno alternato alla carriera musicale quella di produttori di gruppi emergenti, nel luglio dello stesso anno pubblicano una nuova versione di Nuntereggaepiù di Rino Gaetano, sostituendo i nomi dei personaggi dell'epoca con quelli attuali. Nello stesso periodo si esibirono nelle scuole napoletane e in molte università, e tennero seminari sulla musica come strumento, veicolo e possibilità per vivere il territorio in modo diverso, per aiutare i ragazzi in difficoltà, sensibilizzando i giovani circa la musica d'autore e prodigano il loro impegno per la legalità contro il sistema della Camorra.

Dal 2004 al 2007 si dedicarono interamente ad un nuovo progetto crendo "La stanza delle canzoni", con l'intento di dare la possibilità a tutti i cantautori, cantautrici, autori, poeti ecc. di esibirsi insieme, ovunque, partendo dai salotti di casa, con pubblico presente, fino ad arrivare, poi successivamente, nei locali e clubs della città, con il proprio bagaglio e repertorio inedito

Nel 2008 parteciparono al festival di Sanremo, in veste di produttori, autori, compositori, portando un militare sulk palco dell'Ariston, che canterà una canzone da loro scritta, Signorsì. A questo singolo seguì un album di canzoni inedite scritte e prodotte da loro stessi Nato il 5 ottobre. Ancora nel 2008 uscì il singolo "Margherita bellavita", vennero poi scelti per la Festa di Piedigrotta, fortemente voluti dal direttore artistico Nino D'Angelo. Nel 2009 curarono, per l'ordine dei Ministri degli Infermi, la colonna sonora del musical "Camillo de Lellis".

Tra il 2010 e il 2011 i due musicisti intrapresero una strada solista mettendo il progetto Principe e Socio M in stand by. Nel 2012 tornarono con collaborazioni in concerto che vanno da Enzo Iacchetti, Claudio Mattone, Giobbe Covatta, Stefano Sarcinelli. Nel 2013 pubblicarono il nuovo singolo "Mimmo che volava. Nel 2014 tornarono nei teatri, partecipando a spettacoli come "Chiedetelo a Pappagone" di e con Stefano Sarcinelli, "6 gradi" di e con Giobbe Covatta, "Canis Lupus" di Cristian Izzo e di e con Arduino Speranza, partecipando agli stessi spettacoli e componendo nuove colonne sonore. Nel 2015 Mauro Spenillo scrive il brano"Abbracciame"con l'artista napoletano Andrea Sannino,di cui cura l'intera produzione artistica insieme a Pippo Seno.

FormazioneModifica

DiscografiaModifica

Album in studioModifica

SingoliModifica

VideografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica