Apri il menu principale

Associazione Sportiva Pro Belvedere Vercelli

(Reindirizzamento da Pro Belvedere Vercelli)
AS Pro Belvedere Vercelli
Calcio Football pictogram.svg
Gialloverdi, Galletti
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Giallo e Verde Diagonale.svg Giallo, verde
Simboli Gallo
Dati societari
Città Vercelli
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Fondazione 2006
Scioglimento2010
Stadio Silvio Piola
(4 215 posti)
Sito web www.asprobelvedere.it
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Sportiva Pro Belvedere Vercelli, meglio nota come Pro Belvedere Vercelli o Pro Belvedere è stata una società calcistica italiana con sede nella città di Vercelli.

Fondata nel 2006 a seguito della fusione di due club preesistenti, vanta quale miglior risultato una partecipazione al campionato di Lega Pro Seconda Divisione (all'epoca quarto livello della piramide calcistica italiana)

Ha cessato le attività nel 2010[1], allorché ha acquisito la tradizione sportiva ed i beni immateriali della fallita Pro Vercelli, onde consentirne la rifondazione.

I suoi colori sociali erano il verde e il giallo, il simbolo era il gallo e disputava le partite di casa allo Stadio Silvio Piola.

StoriaModifica

Nascita della A.S. Pro Belvedere Vercelli (2006)Modifica

La P.G.S. Pro Belvedere era una squadra minore della città di Vercelli: fondata nel 1912, vantava un prolifico settore giovanile (dalle cui file erano usciti vari giocatori poi passati alla Pro Vercelli, prima squadra della città), mentre la prima squadra non era mai riuscita a superare i campionati dilettantistici a carattere provinciale.

Nel 2006, a seguito di un rinnovo del direttivo, la Pro Belvedere si accordò con l'A.S. Trino Calcio (team espressione dell'omonima cittadina) per unire le forze in un'unica realtà.

L'accordo portò il Trino a trasferire la propria sede e il proprio titolo sportivo (valido per partecipare alla Serie D) a Vercelli: il club unitario che ne nacque assunse la denominazione ufficiale di Associazione Sportiva Pro Belvedere Vercelli. Come colori sociali furono scelti il giallo e il verde, mentre campo casalingo divenne lo stadio Silvio Piola.

Dopo due stagioni interlocutorie, l'annata 2008-2009 vide la Pro Belvedere dominare il girone B di Serie D, vinto già il 10 maggio 2009, con una giornata d'anticipo sulla fine della regular season. Ciò valse al giovane club gialloverde l'accesso al campionato di Lega Pro Seconda Divisione e al professionismo.

La breve esperienza professionistica (2009-2010)Modifica

Grazie al risultato di cui sopra, nel campionato 2009-2010 Vercelli visse la sua prima "stracittadina" tra due squadre professionistiche, giacché la Pro Belvedere venne inserita nel medesimo girone della Pro Vercelli.

Il primo derby vercellese si disputò il 20 settembre 2009, risolvendosi in una vittoria della Pro Vercelli per 1-0 dinnanzi a un pubblico di oltre 2000 persone (affluenza inconsueta in quegli anni al "Silvio Piola"). Nel post partita si registrarono scontri tra gli ultras della Pro Vercelli e alcuni sostenitori della Pro Belvedere (numericamente molto inferiori), che causarono alcuni feriti e l'irrogazione di alcune diffide.

La partita di ritorno, svoltasi il 31 gennaio, vide invece la Pro Belvedere vincere per 1-0.

La stagione dei gialloverdi si rivelò comunque difficoltosa: essi chiusero il proprio girone al penultimo posto con 28 punti guadagnati, davanti alla sola Pro Sesto (ultima classificata), dovendo dunque disputare i play-out. Il doppio confronto con il Mezzocorona si risolse per la Pro Belvedere in una sconfitta interna all'andata per 1-3 e una vittoria esterna per 0-2 al ritorno: a parità di reti segnate furono i trentini a salvarsi, in virtù della propria miglior posizione in classifica.

La fusione con la Pro Vercelli e la fine (2010)Modifica

Nei mesi estivi la Pro Belvedere presentò domanda di riammissione in Seconda Divisione; parallelalmente si consumò la dissoluzione dell'Unione Sportiva Pro Vercelli, che il 16 luglio del 2010 venne esclusa dal medesimo campionato e si avviò al fallimento. Ai sensi delle normative FIGC, la tradizione sportiva e i beni immateriali dello storico sodalizio biancocrociato furono avocati al Comune di Vercelli, che optò per conferirli proprio alla dirigenza della Pro Belvedere.

Il 4 agosto la domanda di riammissione venne accolta: la Pro Belvedere venne dunque reinserita in Lega Pro Seconda Divisione ed assegnata al girone A. Due giorni dopo, il 6 agosto, il club cambiò denominazione in Football Club Pro Vercelli 1892, sancendo ufficialmente l'avvenuta transazione e ponendo dunque fine alla breve storia gialloverde.[1]

CronistoriaModifica

Cronistoria dell'Associazione Sportiva Pro Belvedere Vercelli
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2007-2008 - 3ª nel girone A della Serie D. Turno preliminare play-off nazionali.
Terzo turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2008-2009 - 1ª nel girone B della Serie D. Promossa in Lega Pro Seconda Divisione.
Fase a gironi della Poule Scudetto.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie D.
  • 2009-2010 - 17ª nel girone A della Lega Pro Seconda Divisione. Retrocessa in Serie D dopo aver perso i play-out. Riammessa in Lega Pro Seconda Divisione a completamento organici.
Fase a gironi di Coppa Italia Lega Pro.
  • 2010 - L'Associazione Sportiva Pro Belvedere Vercelli acquisisce la tradizione sportiva e i beni immateriali della fallita Unione Sportiva Pro Vercelli: cambia denominazione in Football Club Pro Vercelli 1892 e in tale veste si iscrive alla Seconda Divisione. Finisce la storia della Pro Belvedere.

Colori e simboliModifica

ColoriModifica

La Pro Belvedere aveva come colori sociali il bianco e il verde

Simboli ufficialiModifica

StemmaModifica

Lo stemma della Pro Belvedere era costituito da uno scudo contenente il disegno verde di un gallo stilizzato che calciava un pallone, in basso era presente la denominazione societaria scritta sempre in verde.

StruttureModifica

StadioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Silvio Piola (Vercelli).

La Pro Belvedere Vercelli ha utilizzato dalla fondazione fino allo scioglimento lo Stadio Silvio Piola di Vercelli, dotato di una capacità massima di 4215 posti che condivideva con il maggior club cittadino.

SocietàModifica

Cronologia degli sponsor tecnici
Cronologia degli sponsor ufficiali
  • 2006-2010 Biancamano

Allenatori e presidentiModifica

Allenatori
Presidenti
  • 2006-2010   Massimo Secondo

PalmarèsModifica

Competizioni interregionaliModifica

2008-2009 (girone B)

Altri piazzamentiModifica

Terzo posto: 2007-2008 (girone A)

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionatiModifica

Campionati nazionaliModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Lega Pro Seconda Divisione 1 2009-2010 1
Serie D 3 2006-2007 2008-2009 3

Partecipazioni alle coppeModifica

Competizione Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Coppa Italia Lega Pro 1 2009-2010 1
Coppa Italia Serie D 3 2006-2007 2008-2009 3
Poule Scudetto 1 2008-2009 1

TifoseriaModifica

StoriaModifica

Data la sua giovane età, la sua breve esistenza, la miltanza per una sola stagione in un campionato professionistico e con la presenza in città di una squadra con tradizione sportiva maggiore la Pro Belvedere contava uno scarso seguito di tifosi.

Gemellaggi e rivalitàModifica

Non sono segnalati particolari gemellaggi e rivalità con altre squadre.

NoteModifica

  1. ^ a b Conferenza Stampa del Comune di Vercelli, FC Pro Vercelli 1892. URL consultato il 3 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011).
  2. ^ Fusioni 2006-2007 - Figc (PDF), http://www.figc.it/, 2006. URL consultato il 27 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2016).

Voci correlateModifica

BibliografiaModifica

  • Davide Porta, Almanacco del calcio vercellese, La Nuova Vercelli.
  • Giuseppe Vanni, Notizie di calcio trinese (1898-1999), Vol. XVI, Comune di Trino-Studi vercellesi, 1999.

Collegamenti esterniModifica