Apri il menu principale

Processo Maroncelli-Pellico

Processo del Regno Lombardo-Veneto contro patrioti rei di cospirazione
(Reindirizzamento da Processo Maroncelli Pellico)

Il processo Maroncelli-Pellico è un celebre processo celebrato nel 1821 dall'Impero austriaco contro Piero Maroncelli, Silvio Pellico ed altri imputati, per cospirazione.

L'antefatto è costituito dall'arresto di Piero Maroncelli, il 6 ottobre 1820, dopo che gli era stata sequestrata una lettera compromettente diretta al fratello Francesco. Una settimana dopo venne arrestato anche Silvio Pellico.

Le indagini vennero condotte da inquirenti quali il famoso Antonio Salvotti.

La condanna contro

«imputati i primi tre del delitto di alto tradimento, i due ultimi di correità nel delitto medesimo»,[1] fu durissima: pena di morte per i primi tre, carcere a vita per gli altri, col pagamento delle spese. Sentenza del 6 dicembre 1821.

Ma, a causa del provvedimento firmato dall'imperatore Francesco I d'Austria (6 febbraio 1822), le pene furono così ridotte:

  • a Maroncelli, considerato evidentemente il colpevole principale, carcere duro per venti anni;
  • a Pellico, carcere duro per quindici anni;
  • a Canova e Ressi, carcere duro per cinque anni (ma il Ressi nel frattempo era deceduto di morte naturale);
  • a Rezia, carcere duro per tre anni.

Come luoghi di detenzione, vennero definiti: per Maroncelli e Pellico, la fortezza dello Spielberg; per Ressi, il carcere di S. Michele in Murano a Venezia; per gli altri, il castello di Lubiana.

NoteModifica

  1. ^ * M. Gavelli, Piero Maroncelli. L'uomo, il musicista, il patriota, Cartacanta editore, Forlì 2010, p. 32.

BibliografiaModifica

  • L.Rava, Adeodato Ressi, con scritti inediti del Ressi, Zanichelli 1923.
  • M. Gavelli, Piero Maroncelli. L'uomo, il musicista, il patriota, Cartacanta editore, Forlì 2010.
  • A. Luzio, Antonio Salvotti e i processi del Ventuno, Società Editrice Dante Alighieri, Roma 1901.
  Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia