Professore a contratto

tipologia di insegnante

Il professore a contratto è un docente che collabora all'interno di una istituzione universitaria non facendo parte del personale interno strutturato, ma svolgendo comunque attività di insegnamento continuativa all'interno di un corso di laurea. È generalmente una personalità esperta nella materia di insegnamento, reclutata per esigenze didattiche specifiche e circoscritte nel tempo.[1]

Nel mondoModifica

Gli ordinamenti universitari nazionali prevedono una differente normativa a regolamentazione della figura.

ItaliaModifica

La figura venne introdotta nel 1980 e la disciplina generale venne risistemata col decreto del MURST 21 maggio 1998, n. 242 e poi riordinata con la legge 4 novembre 2005, n. 230. È necessario essere in possesso di una elevata qualificazione scientifica valutabile dalle università in Italia. In genere il titolo di Dottore di Ricerca è considerato titolo preferenziale. Il rapporto di lavoro è regolato da contratti di diritto privato con rapporto di lavoro a tempo determinato della durata massima di tre anni, con un ente formativo universitario. Viene generalmente reclutato per esigenze didattiche specifiche e circoscritte nel tempo (in genere un anno accademico),[2][3] con collaborazione coordinata e continuativa a tempo determinato, rinnovabile e attivato in ragione di specifiche esigenze didattiche,[1] la cui remunerazione è rimessa alla valutazione del dipartimento universitario.

Si può attestare anche a meno di mille euro al mese (circa 4 euro all'ora),[4] mentre in alcuni casi è svolta gratuitamente.[5][6][7][8][9][10][4] Il professore a contratto è tenuto a svolgere le lezioni del corso affidatogli e gli esami di profitto per la durata dell'anno accademico, nonché a essere eventualmente relatore di tesi di laurea attribuite durante l'anno accademico in cui è titolare del contratto. Negli organi universitari gode di elettorato attivo, ma non di quello passivo; l'aver espletato uno o più incarichi di insegnamento costituisce titolo di preferenza valutabile dalle università nei concorsi per professore universitario, inoltre alcune università prevedono da statuto che il compenso massimo del professore a contratto, non mensile ma in unica soluzione, non possa superare la metà di quella di un professore associato.[11] Il professore a contratto svolge in sostanza le stesse mansioni accademiche del professore associato consistenti in erogazione della didattica ad una o più classi nel corso dell’intero anno accademico, svolgimento degli esami di profitto scritti ed orali e verbalizzazione, partecipazione ai Consigli di Facoltà, ricevimento studenti, partecipazione a commissioni di laurea, relatore di tesi di laurea. La remunerazione media del professore a contratto in Italia è di 4.000 euro lordi all’anno per tali mansioni. La remunerazione ufficialmente è erogata per le sole ore di didattica frontale, pertanto in media 4.000 euro lordi l’anno (circa 3000 euro netti l’anno)[12][13][14] per 150 ore di didattica frontale, il resto delle mansioni menzionate è svolto a titolo gratuito. Nella maggior parte dei casi l’incarico è svolto in una città diversa da quella di residenza, come lavoratori pendolari non sono tuttavia previsti rimborsi per spostamenti e soggiorno. La remunerazione spesso non è mensile ma erogata in un’unica soluzione a fine anno accademico. Nel 2020 circa il 50% dei professori universitari è costituito da professori a contratto, percentuale che sale presso gli atenei non statali e in base alla materia (SSD Settore Scientifico Disciplinare) fino a l'80%.[15]

Mansioni
Professore

ordinario

Professore

associato

RTD

A B

Professore

a contratto

Assegnista

di ricerca

Cultore

della materia

Amministrativi
Stesura programmi didattici X X X X X
Erogazione lezioni frontali X X X X X
Preparazione delle lezioni X X X X X
Ricevimento studenti X X X X
Esami scritti e orali con verbalizzazione X X X X X
Presa in carico tesi come relatore X X X X
Partecipazione a commissioni di laurea X X X X
Burocrazia accademica X X X X X X
Partecipazione ai Consigli di Facoltà X X X X
Ricerca scientifica: prodotti della ricerca X X X de facto X
Retribuzione media annua 50.000 € 35.000 € 25.000 € 3.000 € (sic) 15.000 € gratuito 35.000 €
Contratto Indeterminato Indeterminato 3 anni 1 anno 1 anno 3 anni Indeterminato
Personale anno 2020[16] 14.177 23.147 9.808 28.527 15.489 53.306
Fonti:[17][18][19][20][21][22]

FranciaModifica

Nelle università statali francesi ci sono varie posizioni accademiche a contratto:

  • PRAG, professore di scuola secondaria che insegna anche a livello universitario (per esempio, di lingua straniera).
  • Professeur invité, simile al professor of practice degli Stati Uniti.
  • Attaché temporaire d'enseignement et de recherche (ATER): generalmente uno studente o PhD con un contratto e con mansioni sia di ricerca che di assistenza didattica.
  • Allocataire de recherche-moniteur, simile alla posizione ATER.

Stati Uniti d'AmericaModifica

Il sistema statunitense prevede per i docenti forme di collaborazione generalmente stabili. Di conseguenza, le posizioni che da un punto di vista contrattuale sono più prossime al professore a contratto sono il Fellow (borsista) e il Research Associate, gestiti per lo più per mezzo di contratti a termine per ricercatori già in possesso di dottorato. La figura, però, non è considerata di norma un incarico di docenza, nonostante possa prevedere doveri di insegnamento. È in alcuni casi sovrapponibile alla posizione di adjunct professor, visiting professor, visiting researcher o research fellow.

NoteModifica

  1. ^ a b Professori a contratto e collaborazioni coordinate e continuative :: Diritto & Diritti, su diritto.it. URL consultato il 26 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  2. ^ [1]
  3. ^ Copia archiviata, su liberacittadinanza.it. URL consultato il 23 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2016).
  4. ^ a b [2]
  5. ^ [3][collegamento interrotto]
  6. ^ Copia archiviata, su unimib.it. URL consultato il 23 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2016).
  7. ^ Copia archiviata (PDF), su ricercatoriprecari.it. URL consultato il 23 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2016).
  8. ^ [4]
  9. ^ [5]
  10. ^ [6]
  11. ^ [7]
  12. ^ Università L'Orientale di Napoli - tabella compensi annuali professori a contratto (PDF), su unior.it.
  13. ^ Università di Firenze - tabelle compensi annuali professori a contratto, su sol.unifi.it.
  14. ^ Università, quale dignità?. Docenti a contratto: eccellenti «precari» senza attenzioni, su www.avvenire.it, 12 agosto 2018. URL consultato il 12 agosto 2022.
  15. ^ Miur Ustat: Personale docente e docenti a contratto per area scientifico disciplinare - Anno 2020, su ustat.miur.it.
  16. ^ Miur Ustat Portale dei dati dell'Istruzione superiore, su ustat.miur.it.
  17. ^ Documento di sintesi sui doveri accademici Unipi, su unipi.it.
  18. ^ Reclutamento delle Università Miur, su miur.gov.it.
  19. ^ Tabella stipendi personale Docente Uniroma1, su uniroma1.it.
  20. ^ Tabelle stipendiali Uniroma1, su uniroma1.it.
  21. ^ Uniroma Costo medio personale tecnico amministrativo (PDF), su uniroma1.it.
  22. ^ Trattamento economico Personale docente Unimi, su work.unimi.it.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4150507-4