Proposizione (linguistica)

In linguistica, la proposizione è l'unità elementare del discorso che ha un senso compiuto. Nella frase di solito è composta da un soggetto, un predicato e uno o più complementi.

Es.: Cappuccetto Rosso andò nel bosco.

A dire il vero, nessuna parte della proposizione è indispensabile. Possono essere giuste:

  • proposizioni prive di complementi, es.: Cappuccetto Rosso camminava;
  • proposizioni con soggetto sottinteso, es.: Che occhi grandi che hai!
  • proposizioni con predicato sottinteso, dette proposizioni o frasi nominali, es.: Cappuccetto Rosso, nella pancia del lupo!

Queste ultime (frequenti nei titoli dei quotidiani) sono le più rare.

Le proposizioni di un periodo sono tante quanti sono i predicati.

Frase semplice e frase complessa

modifica

Una proposizione può:

  • trovarsi separata dal resto del discorso da segni di "interpunzione forte" ed essere quindi autonoma e indipendente. In questo caso coincide con la frase semplice.

Es.: La mamma chiamò Cappuccetto Rosso.

Es.: La mamma chiamò Cappuccetto Rosso e le chiese di portare un cestino alla nonna che viveva nel bosco.

Es.: La mamma voleva che la nonna ricevesse un cestino e così chiamò Cappuccetto Rosso.

La subordinazione può essere di primo, secondo, terzo grado... a seconda che la proposizione dipenda dalla principale o da una proposizione che a sua volta dipende dalla principale, e così via.

Altri progetti

modifica
  Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica