Prospero Mandosio

storico, accademico e drammaturgo italiano

Prospero Mandosio (Roma, 14 agosto 1643Roma, 18 settembre 1724) è stato un erudito italiano.

Prospero Mandosio

BiografiaModifica

Apparteneva a un'antica famiglia originaria della cittadina umbra di Amelia[1] e trasferitasi a Roma fin dal XV secolo. Nel 1670 ottenne dal granduca di Toscana Ferdinando II, a cui aveva dedicato un'ode[2], il titolo di cavaliere dell'Ordine di S. Stefano; firmò quindi la maggior parte delle sue opere associando al nome titolo di cavaliere. Nel 1671 sposò una bambina di 13 anni, Novaria Listi, la quale morì il 7 dicembre 1674, a 16 anni, dopo avergli dato due figli: Valeriano, che diverrà sacerdote, e Giulio.

Fu un letterato: scrisse due opere teatrali in prosa (la tragedia Adargonte e la tragicommedia L'Innocenza trionfante, pubblicate entrambe nel 1676, e tre opere di erudizione dal 1670 al 1696; dopo di che non scrisse più nulla per motivi non chiari; in una lettera del 1700 al Muratori scrisse della morte di sua madre e di una lite giudiziaria "con un mio indegno fratello" che dopo sette-otto anni di lite gli era già costata "molte centinaia di scudi"[3]. Fu membro di numerose accademie, fra cui quelle degli Umoristi e dell'Arcadia[4].

OpereModifica

EruditeModifica

  • Centuria d'enimmi di Prospero Mandosi patritio romano caualier di S. Stefano. All'illustrissima signora Gratia Franchi Bimarsi, In Perugia, 1670.
Opera di enigmistica consiste in alcuni ingegnosi indovinelli, relativi a oggetti parlanti, inseriti in un'opera, in forma di conversazione notturna, con la dedicataria Grazia Franchi di Perugia.
  • Bibliotheca romana, seu Romanorum scriptorum centuriae, Romae: typis ac sumptibus de Lazzaris, 1682-1692 (Google libri)
L'opera più importante del Mandrosio: prevista in tre volumi, di cui ne furono pubblicati solo due, è un'opera in lingua latina consistente in un migliaio di biografie, con relative bibliografie, di personalità legate alla città di Roma; Le biografie sono prive di un ordine apparente, ma con due indici finali. Modello della Bibliotheca romana sono la Drammaturgia di Leone Allacci (1666) e la Pinacotheca imaginum illustrium Giano Nicio Eritreo (1642).
  • Theatron: In quo maximorum christiani orbis pontificum archiatros Prosper Mandosius nobilis romanus Ordinis Sancti Stephani Eques spectandos exhibet, Romae: typis Francisci de Lazaris, 1696 (Google libri)
Biografiche di 129 archiatri pontifici, elencati in ordine cronologico di pontificato da papa Niccolò I a papa Innocenzo XII.

TeatraliModifica

  • L'Adargonte tragedia del signor Prospero Mandosi nobile romano caualiere dell'Ordine di Santo Stefano dedicata all'Ill.mo Benedetto Pamphilio, In Roma: per Michel'Ercole, 1676
  • L'innocenza trionfante scenico trattamento del signor caualier Prospero Mandosi nobile romano, Accademico Infecondo & Vmorista. All'Ill.mo Marcello Rondinini Auditore della Sacra Rota Romana, In Roma: per il success. del Mascardi, 1676

NoteModifica

  1. ^ Un ritratto in olio di Prospero Mandosio è conservato nella Pinacoteca comunale di Amelia Archiviato il 29 agosto 2011 in Internet Archive.
  2. ^ Gli ossequi della penna all'immortalità del merito dell'altezza serenissima di Ferdinando secondo gran duca di Toscana. Ode di Prospero Mandosi patritio romano, In Roma: nella stampa di Paolo Moneta, 1670
  3. ^ Modena, Bibl. Estense e universitaria, Arch. Muratoriano, 70.11, 6 marzo 1700
  4. ^ Filippo Maria Renazzi, Storia dell'Università degli studi di Roma, Vol. IV, Roma, 1806, pp. 190-193; ristampa anastatica Roma : Editrice Sapienza, 2011, ISBN 978-88-958143-9-1

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN218464445 · ISNI (EN0000 0001 4010 0514 · SBN IT\ICCU\TO0V\315218 · GND (DE130207489 · BNF (FRcb104439017 (data) · BAV (EN495/368608 · WorldCat Identities (ENviaf-218464445