Apri il menu principale

Protocollo di Minsk

Protocollo di Minsk
voci di trattati presenti su Wikipedia
Mappa della zona cuscinetto istituito dal memorandum del Protocollo di Minsk

Il Protocollo di Minsk era un accordo per porre fine alla guerra dell'Ucraina orientale, raggiunto il 5 settembre 2014 dai rappresentanti di Ucraina, Russia, Repubblica Popolare di Doneck (DNR), e Repubblica Popolare di Lugansk (LNR).[1][2][3] È stato firmato dopo estesi colloqui a Minsk, la capitale della Bielorussia, sotto l'egida della Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). Succeduto a diversi tentativi precedenti di cessare i combattimenti nella regione di Donbass (Ucraina orientale), prevedeva un cessate il fuoco immediato, lo scambio dei prigionieri e l'impegno, da parte dell'Ucraina, di garantire maggiori poteri alle regioni di Doneck e Lugansk. Tuttavia, nonostante abbia portato ad un'iniziale diminuzione delle ostilità, l'accordo non è stato rispettato.[4]

Processo e stesura del protocolloModifica

L'accordo è stato formulato dal Gruppo di contatto Trilaterale sull'Ucraina, composto da rappresentanti di Ucraina, Russia e l'OSCE.[5] Il gruppo è stato creato nel mese di giugno come un modo per facilitare la risoluzione dei conflitti in Ucraina orientale e meridionale. I riunioni del gruppo, insieme con i rappresentanti informali delle repubbliche secessioniste di Doneck e di Lugansk, si sono svolti nel 31 luglio, il 26 agosto, il 1º settembre e il 5 settembre. I dettagli dell'accordo siglato il 5 settembre, assomigliano in gran parte al piano di pace di 15 punti proposti dal presidente ucraino Porošenko nel 20 giugno. I seguenti rappresentanti hanno firmato il documento:[6]

Il testo del protocolloModifica

Il testo del protocollo è composto da dodici punti:[6][7]

  1. Assicurare un cessate il fuoco bilaterale immediato.
  2. Garantire il monitoraggio e la verifica del cessate il fuoco da parte dell'OSCE.
  3. Una decentralizzazione del potere, anche attraverso l'adozione di una legge ucraina su "accordi provvisori di governance locale in alcune zone delle oblast (regioni) di Doneck e Lugansk" ("legge sullo status speciale").
  4. Garantire il monitoraggio continuo della frontiera russo-ucraina e la loro verifica da parte dell'OSCE, attraverso la creazione di zone di sicurezza nelle regioni di frontiera tra l'Ucraina e la Russia.
  5. Rilascio immediato di tutti gli ostaggi e di tutte le persone detenute illegalmente.
  6. Una legge sulla prevenzione della persecuzione e la punizione delle persone che sono coinvolti negli eventi che hanno avuto luogo in alcune aree delle oblast (regioni) di Doneck e Lugansk, tranne nei casi di reati che siano considerati gravi.
  7. La continuazione del dialogo nazionale inclusivo.
  8. Adozione di misure per migliorare la situazione umanitaria nella regione del Donbass, in Ucraina orientale.
  9. Garantire lo svolgimento di elezioni locali anticipate, in conformità con la legge ucraina (concordato in questo protocollo) su "accordi provvisori di governo locale in alcune zone delle oblast (regioni) di Doneck e Lugansk" ("legge sullo statuto speciale").
  10. Rimozione di gruppi illegali armati, attrezzature militari, così come combattenti e mercenari dal territorio dell'Ucraina sotto la supervisione dell'OSCE. Disarmo di tutti i gruppi illegali.
  11. Adozione dell'ordine del giorno per la ripresa economica e la ricostruzione della regione di Donbass, in Ucraina orientale.
  12. Garantire la sicurezza personale dei partecipanti ai negoziati.

Memorandum supplementareModifica

Nelle due settimane dopo la firma del Protocollo di Minsk, sono stati frequenti violazioni del cessate il fuoco da entrambe le parti in conflitto.[8][9] I colloqui sono continuati a Minsk. Un memorandum supplementare è stato concordato il 19 settembre 2014. Questo memorandum ha chiarito l'applicazione del protocollo. Tra le misure di pacificazione concordato, sono stati inclusi i seguenti:[8][10][11]

  • Rimozione di tutte le armi pesanti, 15 km dietro la linea di contatto, da ogni parte del conflitto, per creare una zona smilitarizzata di 30 km.
  • Divieto di operazioni offensive.
  • Divieto di voli di aerei da combattimento sopra la zona di sicurezza.
  • Ritiro di tutti i mercenari stranieri dalla zona di conflitto.
  • Impostazione di una missione dell'OSCE per monitorare l'attuazione del protocollo di Minsk.

Il 26 settembre, i membri dell Gruppo di Contatto Trilaterale sull'Ucraina sono nuovamente incontrati per discutere la delimitazione della zona demilitarizzata dove le armi pesanti sarebbero state eliminate dalle parti coinvolte nel conflitto.[12] La linea di demarcazione tra la DNR e l'Ucraina è stata concordata tra i rappresentanti della DNR e negoziatori ucraini, secondo il Vice-Primo Ministro di Ucraina, Vitali Yarema.[13] Il 2 dicembre 2014, il parlamento ucraino ha modificato unilateralmente la "legge sullo statuto speciale" che era stata proposta nel Protocollo di Minsk, anche se questo Parlamento ha approvato alcuni aspetti della legge concordata a Minsk come parte del cessate il fuoco.[14]

EfficaciaModifica

Dopo la firma del memorandum, la seconda battaglia per l'Aeroporto di Donec'k è scoppiata, ed entrambe le parti si accusano a vicenda di continue violazioni del cessate il fuoco. L'Aeroporto di Donec'k è chiuso a tutto il traffico dal 26 maggio 2014, a causa dei combattimenti tra le forze del nuovo governo ucraino e i separatisti filo-russi.[4] Alla fine di ottobre, il primo ministro della DNR, negoziatore e firmatario del Protocollo di Minsk Aleksandr Zakharchenko ha detto che le forze sotto il suo controllo riguadagnerebbero i territori che avevano perso alle forze governative ucraine durante l'offensiva di luglio dalle forze fedeli al governo dell'Ucraina e che le forze della DNR sarebbero disposte a lottare in battaglie "pesante" per raggiungere i loro obiettivi.[4][15] Successivamente, Zakharchenko ha detto che era stato frainteso, e che aveva l'intenzione di dire che queste aree sarebbero stati recuperate attraverso "mezzi pacifici".[16] Durante la sua campagna durante il periodo precedente alle elezioni generali in Donbass condotte dalla DNR e dalla LNR, in presunta violazione del Protocollo di Minsk, Zakharchenko ha dichiarato: "Questi sono tempi storici." "Stiamo creando un nuovo paese! È un obiettivo pazzesco."[17] Il presidente dell'OSCE Didier Burkhalter ha confermato che le elezioni sono state "in contrasto con la lettera e lo spirito del protocollo di Minsk" e ha detto che loro "complicherebbero ulteriormente la sua applicazione".[18] Parlando il 5 dicembre, il ministro degli esteri russo Sergej Lavrov ha detto che le elezioni generali in DNR e le elezioni generali in LNR, condotte in 2 novembre 2014, erano "esattamente nel range che era stato negoziato a Minsk", e che il parlamento ucraino, presumibilmente, avrebbe dovuto adottare un progetto di legge di amnistia dei leader delle DNR e LNR, dopo le elezioni parlamentari in Ucraina in ottobre 2014.[19] Secondo Lavrov, un più stretto monitoraggio del confine russo-ucraino, come specificato nel Protocollo di Minsk, poteva avvenire solo dopo che fosse stata approvata una legge di questo tipo di amnistia.[19] Lui ha detto che si pensasse che un decreto presidenziale emanato il 16 settembre, che presumibilmente vieta la persecuzione di combattenti separatisti in Donbass, sarebbe rispettato dal governo ucraino, ma ha detto che un progetto di legge proponendo la revoca di tale decreto era stato presentato.[19]

Una successiva fase dei colloqui di pace tenutasi a Minsk è stata sospesa il 26 dicembre 2014. Tuttavia, ambe le parti hanno confermato che dopo ore di trattative, loro hanno accettato di scambiare i prigionieri, che coinvolgono almeno 375 prigionieri su entrambi i lati.[20]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Ukraine ceasefire agreement signed in Minsk (Accordo di cessate il fuoco in Ucraina, firmato a Minsk), CCTV America, 5 settembre 2014.
  2. ^ (EN) Chairperson-in-Office welcomes Minsk agreement, assures President Poroshenko of OSCE support (Presidente in esercizio si compiace dell'accordo di Minsk e assicura il sostegno dell'OSCE, rivolgendosi al Presidente Porošenko), in Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, 5 settembre 2014.
  3. ^ (EN) OSCE Chief Monitor in Ukraine urges all sides to allow monitors to carry out duties safely (Monitor Capo della OSCE in Ucraina esorta tutte le parti a permettere agli osservatori di svolgere le loro funzioni in modo sicuro), in Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, 15 settembre 2014.
  4. ^ a b c (EN) Ukraine rebels vow to take back cities (Ribelli ucraini promettono di riconquistare città), Sky News, 23 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2014).
  5. ^ (EN) Press statement by the Trilateral Contact Group (Comunicato stampa da parte del Gruppo di Contatto Trilaterale), in Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, 2 settembre 2014.
  6. ^ a b (RU) Протокола Трехсторонней контактной группы от 05.09.2014 - Минского соглашения (Protocollo dello Gruppo di contatto Trilaterale di 05/09/2014 - Accordo di Minsk, in Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, 5 settembre 2014.
  7. ^ (EN) A Cease-Fire in Ukraine (Cessate il fuoco in Ucraina), The New York Times, 5 settembre 2014.
  8. ^ a b (EN) Ukraine deal with pro-Russian rebels at Minsk talks (Accordo sull'Ucraina, con i ribelli filo-russi nelle conversazioni di Minsk), BBC News, 19 settembre 2014.
  9. ^ (EN) Ukrainian peace talks lead to buffer zone deal (I colloqui di pace in Ucraina conducono a un accordo su una zona demilitarizzata), CBC News, 19 settembre 2014.
  10. ^ (EN) Nato top general says truce 'in name only' (Top generale de NATO dice che la tregua è 'solo di nome'), BBC News, 20 settembre 2014.
  11. ^ (RU) Memorandum of 19 September 2014 outlining the parameters for the implementation of commitments of the Minsk Protocol (Memorandum del 19 settembre 2014, che delinea i parametri per l'attuazione degli impegni del Protocollo di Minsk), in Organización para la Seguridad y la Cooperación en Europa, 19 settembre 2014.
  12. ^ (EN) Ukraine, Russia and OSCE were engaged in delimitation of a buffer zone on Donbass (Ucraina, Russia e l'OSCE sono state dedicate alla definizione di una zona demilitarizzata in Donbass), Prestupnosti.net, 26 settembre 2014.
  13. ^ (EN) Donetsk Republic agrees with Ukraine on demarcation line - deputy PM (La Repubblica di Donetsk e l'Ucraina concordano con la linea di demarcazione - Vice-Primo Ministro), ITAR-TASS, 10 ottobre 2014.
  14. ^ (EN) A new draft law on amending the law on the special status of some areas of the Donetsk and Lugansk regions is introduced in the parliament. The document specified districts and locations where to establish a special status; all of them are now under control of LPR and DPR. (Un nuovo disegno di legge per modificare la legge sullo status speciale di alcune aree delle regioni di Doneck e Lugansk è introdotto in parlamento. Il documento specifica i distretti ei luoghi dove stabilire uno status speciale; tutti sono ora sotto il controllo di LNR e DNR.), uacrisis.org, 2 dicembre 2014.
  15. ^ (EN) Poroshenko vows Kyiv will recapture militants-controlled areas (Porošenko promette che Kiev riconquisterà aree controllate dai militanti), Interfax Ukraine, 23 ottobre 2014.
  16. ^ (EN) Ukraine vote could push the country into chaos (Elezioni in Ucraina potrebbero spingere il paese nel caos), BBC News, 17 dicembre de 2014.
  17. ^ (EN) Donetsk People’s Republic campaign reveals shambolic tendencies (Campagna elettorale nella Repubblica Popolare di Doneck popolare rivela tendenze caotiche), Financial Times, 23 ottobre 2014.
  18. ^ (EN) So-called elections not in line with Minsk Protocol, says OSCE Chair, calling for enhanced efforts and dialogue to implement all commitments (Le cosiddette elezioni non vengono in conformità con il protocollo di Minsk, dice il presidente dell'OSCE, chiedendo maggiori sforzi e dialogo per attuare tutti gli impegni), in Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, 31 ottobre 2014.
  19. ^ a b c (EN) Too early to discuss broader monitoring of Ukraine-Russia border - Lavrov (È troppo presto per parlare di un controllo più ampio della frontiera tra l'Ucraina e la Russia - Lavrov), Interfax Ukraine, 5 dicembre 2014.
  20. ^ (EN) Ukraine Peace Negotiations Canceled in Minsk (I colloqui di pace sull'Ucraina sono cancellati a Minsk), Telesur, 26 dicembre 2014.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica