Provincia di Driouch

Provincia di Driouch
provincia
الدريوش, ⵜⴰⵎⴷⵉⵏⵜ ⵏ ⴻⴷⴷⵔⵉⵡⴻⵛ
Provincia di Driouch – Veduta
Il paesaggio collinare prospiciente il Mar Mediterraneo nel comune di Temsamane
Localizzazione
StatoMarocco Marocco
RegioneRegione Orientale (Marocco)
Amministrazione
CapoluogoDriouch
Lingue ufficialiarabo marocchino, tarifit
Data di istituzione2009
Territorio
Coordinate
del capoluogo
34°59′N 3°23′W / 34.983333°N 3.383333°W34.983333; -3.383333 (Provincia di Driouch)
Superficie2 867 km²
Abitanti211 059[1] (2014)
Densità73,62 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+0
ISO 3166-2MA-DRI
Cartografia

La provincia di Driouch (in arabo: الدريوش, traslitterato: Iqlīm ad-Drīwūxin lingua tarifit: ⵜⴰⵎⴷⵉⵏⵜ ⵏ ⴻⴷⴷⵔⵉⵡⴻⵛ) appartiene alla Regione Orientale del Marocco e a volte è chiamata anche provincia di Midar-Driouch. Il capoluogo è la città di Driouch.

GeografiaModifica

PosizioneModifica

La provincia di Driouch confina a nord con il Mar Mediterraneo, a est con la provincia di Nador, a sud-est con la provincia di Guercif, a sud-ovest con la provincia di Taza e a ovest con quella di Al-Hoseyma.

PaesaggioModifica

La provincia si trova ai piedi orientali della catena montuosa del Rif; il profilo del paesaggio è di conseguenza collinare. Le vette più alte sono ubicate a Midar e raggiungono un'altezza massima di circa 1500 m. Le due città più grandi, Driouch e Midar, raggiungono un'altitudine rispettivamente di 290 m e 360 m.

ClimaModifica

Le montagne del Rif, che sono relativamente piovose nei mesi invernali (da novembre a febbraio) diventano sempre più secche verso est, tuttavia qui le precipitazioni sono significativamente più abbondanti rispetto al sud e all'est del Marocco. Le temperature diurne in estate possono raggiungere i 40 °C e superarli; di notte i valori scendono a 20-25 °C. In inverno le temperature diurne si aggirano intorno ai 15-25 °C, quelle notturne intorno ai 10-15 °C.

StoriaModifica

La provincia di Driouch non ha mai avuto un ruolo significativo nella storia del Marocco. È stata creata nel 2009, quando è stata separata dalla provincia di Nador.

PopolazioneModifica

Circa l'80% della popolazione è di origine berbera. Gli abitanti lavorano in gran parte nell'agricoltura e come braccianti giornalieri o piccoli commercianti. Per quanto riguarda invece i residenti arabi nella provincia, sono per lo più impiegati statali o amministrativi, grossisti, ingegneri, avvocati, medici. La metà della popolazione vive nelle città in rapida crescita, la metà restante è distribuita su una ventina di comunità rurali, alcune delle quali già con le caratteristiche di piccole città.

Suddivisione amministrativaModifica

La provincia è suddivisa in tre municipalità (indicate con una M tra parentesi nella tabella sotto riportata) e ventuno comuni rurali, a loro volta costituiti da numerosi villaggi. Oltre alle tre municipalità, sono considerate città anche i centri urbani dei comuni rurali di Tafersit e Dar El Kebdani.

Comune Abitanti nel 2014
Midar (M) 15.021
Driouch (M) 14.741
Ben Taieb (M) 14.257
Mtalssa 16.786
Temsamane 13.920
Trougout 11.458
Ain Zohra 10.601
Dar El Kebdani 9.911
Boudinar 9.863
Tsaft 9.578
M'Hajer 9.386
Tafersit 9.133
Oulad Boubker 8.054
Ijermaouas 7.540
Ouardana 7.120
Iferni 6.365
Bni Marghnine 6.263
Oulad Amghar 6.010
Ouled Aissa El Oued (5.977)[2]
Ait Mait 5.613
Talilit 5.208
Amejjaou 4.988
Azlaf 4.919
Tazaghine 4.323

EconomiaModifica

L'agricoltura svolge tradizionalmente un ruolo di primo piano nella vita economica della provincia. Anche se le aree destinate alle coltivazioni sono ridotte a causa del terreno collinare, la superficie agricola utilizzata è di 185.613 ha, di cui 10.112 in zone irrigue. Le aree più fertili sono situate nelle pianure di Nekkour (3.000 ha) e di Gert (5.287 ha). Le colture principali praticate sono quelle cerealicole, leguminose ed orticole[3]. In passato l'attenzione era rivolta all'autosufficienza; attualmente si produce soprattutto per i mercati urbani. Nelle città, che stanno lentamente sviluppando un'economia dinamica, si concentra quasi l'intero settore dei servizi (amministrazione, commercio, sanità, trasporti e istruzione).
Pesca e turismo sono praticamente irrilevanti, non essendoci siti di interesse storico o culturale nella provincia fatta eccezione per la fascia costiera, adatta all'escursionismo.

NoteModifica

  1. ^ (FR) Haut-commissariat au Plan, Note sur les premiers résultats du Recensement Général de la Population et de l’Habitat 2014, su rgph2014.hcp.ma. URL consultato il 28 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2017).
  2. ^ Il dato è tra parentesi perché del 2004, quello del 2014 non è disponibile.
  3. ^ (AR) .:( Agence Urbaine de Nador - Urbanisme-Architecture-Maroc ):., su archive.wikiwix.com. URL consultato il 22 dicembre 2021.

Altri progettiModifica