Apri il menu principale
Provvidenti
comune
Provvidenti – Stemma
Provvidenti – Veduta
Panorama Provvidenti
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Molise-Stemma.svg Molise
ProvinciaProvincia di Campobasso-Stemma.png Campobasso
Amministrazione
SindacoSalvatore Fucito (lista civica) dal 30/03/2010
Territorio
Coordinate41°43′N 14°49′E / 41.716667°N 14.816667°E41.716667; 14.816667 (Provvidenti)Coordinate: 41°43′N 14°49′E / 41.716667°N 14.816667°E41.716667; 14.816667 (Provvidenti)
Altitudine570 m s.l.m.
Superficie14,03 km²
Abitanti112[1] (30-4-2018)
Densità7,98 ab./km²
Comuni confinantiCasacalenda, Morrone del Sannio, Ripabottoni
Altre informazioni
Cod. postale86040
Prefisso0874
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT070056
Cod. catastaleH083
TargaCB
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantiprovvidentesi
PatronoSan Bartolomeo
Giorno festivo19 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Provvidenti
Provvidenti
Provvidenti – Mappa
Posizione del comune di Provvidenti nella provincia di Campobasso
Sito istituzionale
Chiesa S.Maria Assunta a Provvidenti

Provvidenti (Prëvëdièndë in molisano[2]) è un comune italiano di 112 abitanti della provincia di Campobasso, in Molise.

Indice

StoriaModifica

Una leggenda vuole che il paese attuale sorga sul granaio della città italica di Gerione, distrutta da Annibale Barca nel III secolo a. C. durante il suo passaggio in Italia, nella guerra contro Scipione Africano. Il fosso del paese sin dall'antichità era noto come luogo ideale per scavare le messi, che erano usate anche dagli abitanti del primitivo villaggio di Casalpiano (località di Morrone del Sannio). Per questo il piccolo villaggio fu chiamato Provvidentiae, da cui il nome attuale.

Lo storico Polibio racconta nel suo trattato, nel III libro, che Annibale si accampò a Gerione, per controllare le mosse dei romani, e creò un secondo castrum sul Colle Crocione, vicino il Monte Canne. Tuttavia il villaggio storico sparí durante le invasioni barbariche del V secolo dopo la caduta di Roma.
Venne ricostruito daccapo nel Medioevo, documentato con fonti certe dal XIII secolo, feudo dei Di Capua di Gambatesa. Successivamente nel 1512 fu venduto da Ferrante duca di Termoli. Nel 1555 è di Giovanni Aierbo, la dinastia durò fino al XVII secolo, quando il feudo fu ceduto ai Cavaniglia. In seguito i padroni furono i Sangro di Casacalenda, che possedettero il paese fino al 1806, anno della morte del feudalesimo.
Nel periodo del Risorgimento Provvidenti ottenne la municipalità, poiché frazione di Casacalenda. Nel 1911 arrivò a toccare i 1008 abitanti, vista la fiorente economia agricola, ma con l'avvento del fascismo e della seconda guerra mondiale, il paese perse progressivamente abitanti, o morti in guerra o emigrati, subendo insomma un drastico spopolamento. Nel 2002 il paese è stato colpito dal terremoto di San Giuliano di Puglia, che ha lesionato case e monumenti, come la chiesa madre, oggi riaperta al culto.

Un tempo unito a Morrone del Sannio, Provvidenti divenne comune autonomo con Regio Decreto n.1876 del 25 gennaio 1820[3].

MonumentiModifica

Chiesa di Santa Maria AssuntaModifica

Principale parrocchia del paese. La chiesa medievale, documentata dal XIII secolo fu nuovamente consacrata da Monsignor Tria nel 1734. Ha una sola navata con quattro altari. Della chiesa antica resta la torre campanaria del XIV secolo. La facciata a capanna conserva una iscrizione latina medievale.

Santuario di Nostra Signora della LiberaModifica

Fu costruito nel XVIII secolo, per un avvenimento miracoloso della statua della Madonna, realizzata in legno di fico. Andata dispersa, fu ritrovata dai paesani in località Ponte Grosso, detto oggi "Campo della Madonna"; il santuario fu costruito dopo che la precedente cappella aveva subito un incendio distruttivo, essendo stata già danneggiata dal sisma del 1456. Nel 1872 il nuovo santuario venne completato, nel 1943-44 fu usato come ricovero. La chiesa è in stile neoclassico rurale, presenta una navata unica e un solo altare principale, dedicato alla Madonna della Libera.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[4]

 

Provvidenti è il comune più piccolo della provincia di Campobasso, secondo del Molise e dell'Italia Meridionale per numero di abitanti. Al momento i 5 comuni del Molise meno popolati sono i seguenti[5]:

Pos. Stemma Comune Provincia Abitanti Maschi Femmine Superficie
(km²)
Altitudine
(m s.l.m.)
  Castelverrino   Isernia 115 63 52 6,15 600
  Provvidenti   Campobasso 119 63 56 13,97 570
  Castelpizzuto   Isernia 155 83 75 15,29 836
  Molise   Campobasso 177 93 84 5,21 868
  San Biase   Campobasso 209 100 109 11,81 804

AmministrazioneModifica

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1º luglio 1988 3 giugno 1992 Vincenzo Melino Democrazia Cristiana Sindaco [6]
3 giugno 1992 15 giugno 1993 Francesca D'alessandro Comm. straordinario [6]
15 giugno 1993 28 aprile 1997 Giovannino De Vito Democrazia Cristiana Sindaco [6]
28 aprile 1997 18 agosto 1999 Giovannino De Vito Cristiani Democratici Uniti Sindaco [6]
18 agosto 1999 17 aprile 2000 Brunella Occhionero Comm. straordinario [6]
17 aprile 2000 5 aprile 2005 Angelo Petrilli lista civica Sindaco [6]
5 aprile 2005 30 marzo 2010 Angelo Petrilli lista civica Sindaco [6]
30 marzo 2010 1 giugno 2015 Salvatore Fucito lista civica Sindaco [6]
1 giugno 2015 in carica Salvatore Fucito lista civica: bene comune Sindaco [6]

CuriositàModifica

Il paese è teatro delle riprese di alcune scene del film di Checco Zalone "Sole a catinelle", in uscita nel 2013.

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2018.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 523.
  3. ^ Collezione delle leggi e de' decreti reali del Regno delle Due Sicilie, su books.google.co.uk.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Dati Istat - Popolazione residente all'1/1/2013
  6. ^ a b c d e f g h i http://amministratori.interno.it/

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica