Apri il menu principale

DescrizioneModifica

 
Illustrazione di maschio di Psophodes olivaceus.

Si tratta di uccelli di dimensioni medio-piccole (dai 17 ai 31 cm): anche il loro aspetto è molto variabile, con alcune specie che somigliano a dei tordi dalla lunga coda e dalla colorazione vivace (i garruli splendidi), altre massicce e dalla colorazione mimetica beige e nera, con aspetto bizzarramente simile a una sorta di incrocio fra un merlo e una grandule (i tordi quaglia) ed altre ancora che ricordano dei cardinali dalla cresta erettile e dalla colorazione scura (uccello frustino e becchi a cuneo).

Distribuzione e habitatModifica

La famiglia ha diffusione australo-papuana, coi garruli splendidi e l'uccello frustino che vivono in Nuova Guinea ed i becchi a cuneo che popolano l'Australia, mentre i tordi quaglia popolano ambedue le sponde dello stretto di Torres.

Le specie ascritte alla famiglia popolano un po' tutti gli ambienti alberati, con gran parte delle specie australiane che sono adattate agli ambienti secchi, mentre quelle neoguineane sono abitatrici della foresta pluviale.

BiologiaModifica

Alla famiglia vengono ascritti uccelli diurni, che vivono in coppie o in gruppetti familiari, dimostrandosi (pur essendo in grado di volare, anche se non si tratta in nessun caso di volatori provetti) prevalentemente terricoli.

Tutte le specie di Psophodidae sono insettivore, e usano le forti zampe ed il becco per smuovere le foglie morte, i detriti ed i sassi per reperire il proprio nutrimento.

Le specie ascritte alla famiglia sono tutte monogame e nidificano fra i cespugli a poca distanza dal suolo o al suolo stesso, costruendo nidi a coppa.

TassonomiaModifica

Alla famiglia vengono ascritti quattro generi, per un totale di 16 specie[1]:

Famiglia Psophodidae

La sistematica della famiglia ha subito numerose variazioni ed è ancora lungi dall'essere chiarita: in passato i suoi membri venivano ascritti agli Orthonychidae, in un grande taxon contenitore comprendente anche l'ifrita ed il garrulo ralloide[2]. Nella Tassonomia degli uccelli di Sibley-Ahlquist venne appurata la polifilia della famiglia, con successivo scorporo (fra gli altri) degli attuali Psophodidae, ascritti con due sottofamiglie (Cinclosomatinae e Psophodinae) ai Corvidae[3].
Con le nuove analisi a livello molecolare, le specie ascritte alla famiglia sono risultate parte della radiazione evolutiva basaòe australo-papuana dei passeriformi, e come tali piazzate fra i Corvida[4]: anche qui le relazioni filetiche fra i vari generi rimangono incerte, coi tordi quaglia e i garruli splendidi che appaiono molto basali ed i becchi a cuneo e l'uccello frustino papua che sembrano mostrare affinità con Eulacestomatidae ed Oreoicidae[5]. I due cladi sono sister taxa, e probabilmente ulteriori revisioni tassonomiche sono prossime[1].

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Psophodidae, in IOC World Bird Names (ver 9.2), International Ornithologists’ Union, 2019. URL consultato il 3 novembre 2014.
  2. ^ Roberson, D., Bird Families of the World, 2004.
  3. ^ Christidis, L. & Boles, W., Systematics and Taxonomy of Australian Birds, CSIRO Publishing, 2008.
  4. ^ Norman, J. A.; Ericson, P. G. P.; Jønsson, K. A.; Fjeldså, J.; Christidis, L., A multi-gene phylogeny reveals novel relationships for aberrant genera of Australo-Papuan core Corvoidea and polyphyly of the Pachycephalidae and Psophodidae (Aves: Passeriformes (PDF), in Molecular Phylogenetics and Evolution, nº 52, 2009, p. 488–497.
  5. ^ (EN) Boyd J.H., Corvida, in Taxonomy in Flux Version 2.55. URL consultato il 7 febbraio 2018.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli