Apri il menu principale

Psycho II

film del 1983 diretto da Richard Franklin
Psycho II
Psycho II.jpg
Norman Bates e Mary Loomis
Titolo originalePsycho II
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1983
Durata113 min
Generethriller, orrore
RegiaRichard Franklin
SceneggiaturaTom Holland
ProduttoreHilton A. Green
FotografiaDean Cundey
MontaggioAndrew London
Effetti specialiAlbert Whitlock
MusicheJerry Goldsmith
ScenografiaJohn W. Corso
CostumiPeter V. Saldutti e Marla Denise Schlom
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Psycho II è un film del 1983 diretto da Richard Franklin e scritto da Tom Holland. È il seguito del film Psyco di Alfred Hitchcock. Il film è interpretato da Anthony Perkins, Vera Miles, Robert Loggia e Meg Tilly. La colonna sonora è stata composta da Jerry Goldsmith.

Il film fu un successo finanziario, incassando più di 34 milioni di dollari.[1] Il film è stato accolto abbastanza bene dalla critica e registra attualmente un 59% di gradimento su Rotten Tomatoes.[2] Roger Ebert ha osservato che il film ha lavorato duramente per mantenere l'atmosfera di suspense del film originale.[3] Il film è stato seguito da Psycho III (1986) e Psycho IV (1990).

Il film non ha nulla a che vedere con il romanzo Psycho II di Robert Bloch, che egli scrisse come sequel del suo romanzo Psycho.

TramaModifica

Dopo ventidue anni passati in istituto psichiatrico, Norman Bates è giudicato sano di mente e quindi liberato. Lila Loomis, sorella di Marion Crane e vedova di Sam Loomis, organizza una petizione perché non convinta della sua guarigione. Bates è accompagnato a casa dallo psichiatra del manicomio, il dottor Bill Raymond. Al motel Norman fa anche la conoscenza del nuovo gestore, Warren Toomey.

Norman inizia a lavorare in una tavola calda. La sua collega Mary Samuels, appena lasciata dal ragazzo, gli chiede se può trovargli un posto dove passare la notte. Norman le procura una stanza d'albergo nel motel, ma, dopo aver scoperto che Toomey l'ha trasformato in una casa d'appuntamenti, decide di ospitarla a casa sua.

Il reintegro di Norman nella società sembra andare bene fino a quando non inizia a ricevere misteriose telefonate e bigliettini dalla "Madre" a casa e alla tavola calda. Durante un turno di lavoro, un ubriaco Toomey preovoca pesantemente Norman, che lo sospetta delle note e delle telefonate. Poco dopo, una figura in abito nero trafigge Toomey mentre sta facendo i bagagli per lasciare il motel.

Sospettando di non essere ancora guarito del tutto, Norman sente delle voci che lo portano alla stanza della madre: un rumore lo conduce in solaio, dove qualcuno lo rinchiude. Mentre Bates cerca di uscire, avviene un altro omicidio: una figura ignota uccide un ragazzo che era venuto con la fidanzata per cercare un posto appartato nella cantina della casa. Nel frattempo Mary trova Norman addormentato in soffitta, con la porta aperta. Lo sceriffo interroga Norman e Mary e ispeziona la cantina, ma non vi trova il cadavere del ragazzo. Mary inoltre dice alla polizia che Norman è stato tutto il pomeriggio con lui, Norman la rimprovera in quanto teme di essere stato lui ad uccidere il ragazzo, ma Mary lo rassicura confermando che lo ha trovato chiuso dentro la stanza.

Quella sera, Mary e Norman trovano uno straccio insanguinato nel gabinetto. Norman è inorridito, credendo di aver commesso un altro omicidio, ma Mary insiste nell'affermare che è innocente. Mary scende a controllare il motel e nel salotto è sorpresa da Lila, che si rivela essere sua madre; erano state Lila e Mary a fare le telefonate e gli appunti, persino posando alla finestra vestita da Norma Bates. Mary aveva cambiato la stanza di Norma e aveva chiuso a chiave Norman in soffitta in modo da poterlo fare. L'obiettivo era far impazzire nuovamente Norman per farlo internare. Tuttavia, la crescente amicizia di Mary con Norman l'ha convinta che non è più in grado di uccidere. Inoltre ella sospetta che ci sia qualcun altro in casa, sottolineando che Norman era chiuso in soffitta al momento della morte del ragazzo.

Il dottor Raymond scopre l'identità di Mary come figlia di Lila e riferisce a Norman che sono state loro a molestarlo. Ha anche riesumato il cadavere di Norma Bates, per dimostrare che Norman non è perseguitato da sua madre. Norman è solo parzialmente convinto, dicendo che quello dietro ogni cosa deve essere la sua "vera madre", nonostante non ci sia traccia della sua adozione. Norman si confronta con Mary, che confessa il suo ruolo accanto alla madre Lila, ma allo stesso tempo di essersi defilata, pur ammettendo che Lila non si fermerà dai suoi propositi. Più tardi, Norman afferma di aver visto la sua vera madre in casa e Mary inizia a dubitare sulla sua tenuta mentale .

Successivamente Lila va a recuperar il suo costume da "madre" sotto una pietra del pavimento della cantina, ma una figura esce dall'ombra e la uccide. Nel frattempo, la polizia trova l'auto di Toomey nella palude, col suo corpo nel bagagliaio. Mary corre a casa per cercare di convincere Norman a fuggire. Il telefono squilla, risponde Norman e inizia a parlare con la "Madre". Mary ascolta ma nessuno è in linea. Mentre Norman continua a parlare con la "Madre", che le ordina di uccidere Mary, questa corre in cantina e si veste da "Madre" , completa di coltello da macellaio, nel tentativo di convincere Norman a "riattaccare". Il dottor Raymond la afferra da dietro, pensando di averla sorpresa mentre cerca di far impazzire Norman, ma Mary, spaventata lo trafigge al cuore. Di fronte alla vista della "Madre" in piedi sul cadavere insanguinato del dottor Raymond, la sanità mentale di Norman scricchiola sempre di più. Egli inizia ad avanzare verso Mary borbottando. Mary va in cantina della frutta e inciampa sul corpo di Lila, sepolto in un mucchio di carbone. Credendo Norman responsabile, Mary alza il coltello per ucciderlo ma viene colpita a morte dalla polizia, sopraggiunta. L'inchiesta che ne segue è inconcludente, ma alla luce di una discussione sentita tra Mary e Lila, il tentativo di Mary di uccidere Norman e il suo modo di vestire come Norma Bates, la polizia deduce che Mary probabilmente ha commesso tutti gli omicidi.

Più tardi, Emma Spool, la commensale della tavola calda, visita Norman. Emma afferma di essere la vera madre di Norman e che Norma Bates era sua sorella. È stata lei ad aver commesso tutti gli omicidi, colpendo chiunque avesse tentato di fare del male a suo figlio. In risposta, Norman, tornato folle, la colpisce in testa con una pala, uccidendola. Quindi inizia a fingere di essere Norma Bates, portando il corpo nella stanza della madre e insinuando nella voce di sua madre che riprenderà a uccidere le giovani donne che rimangono al motel.

ProduzioneModifica

Nel 1982 lo scrittore Robert Bloch pubblicò il suo romanzo Psycho II che si prende gioco dei film slasher di Hollywood. Contrariata dalla trama del romanzo, la Universal decise di scrivere una sceneggiatura completamente differente dal lavoro di Bloch.[4] In origine il film era stato pensato come una produzione televisiva.[5] Anthony Perkins inizialmente rifiutò l'offerta di riprendere il ruolo di Norman Bates, ma quando lo studio si rivolse ad altri attori (tra cui Christopher Walken), Perkins rapidamente accettò l'offerta.[6] Lo studio avrebbe voluto Jamie Lee Curtis (figlia della star di Psyco Janet Leigh) per interpretare il ruolo di Mary Loomis.[6] Il personaggio di Meg Tilly assume il nome "Mary Samuels," che è un cenno al nome falso "Marie Samuels" che il personaggio di Janet Leigh, Marion Crane, ha assunto quando ha firmato il registro del motel nel film originale.

Il regista Richard Franklin venne ingaggiato per dirigere Psycho II perché era uno studente di Hitchcock e perché, un anno prima, aveva diretto il film Roadgames: leggermente ispirato al film La finestra sul cortile. Tra l'altro, gli fece visita sul set di Topaz.

Franklin assunse lo scrittore Tom Holland per la sceneggiatura dopo aver visto The Beast Within, scritto proprio da lui.

Hilton A. Green, aiuto regista dell'originale Psyco, venne contattato e gli venne chiesto di produrre il film. Green, temendo che Hitchcock non avrebbe approvato un sequel del suo film, chiamò la figlia di Hitchcock, Patricia, e le chiese cosa ne pensasse. Questa accettò e diede la sua benedizione al film dicendo che anche suo padre l'avrebbe amato.

RipreseModifica

Le riprese di Psycho II si svolsero presso gli Universal Studios a Universal City (California) dal 30 giugno al 13 agosto 1982.[5] Il set di casa Bates era ancora in piedi dal 1960, ma il motel dovette essere ricostruito.[5] Secondo Richard Franklin le riprese durarono 32 giorni. Il film venne girato per lo più in teatri di posa. Diversi oggetti di scena e pezzi set del film originale sono stati trovati dagli scenografi John W. Corso e Julie Fletcher. La città di Fairvale è Courthouse Square, situata all'esterno degli Universal Studios in California.

Sia Franklin che Holland vollero che il film fosse un omaggio ad Alfred Hitchcock e al film originale. Per fare questo, vennero aggiunte alcune scene come quella in cui Norman mostra a Mary la stanza di sua madre. In questa scena, prima che si accenda la luce, si può notare sulla destra dello schermo un'ombra che ricorda molto il volto di Hitchcock.

Le ultime pagine del copione, furono distribuite al cast e alla troupe solo l'ultimo giorno delle riprese.

L'ultima inquadratura del film con Norman in piedi di fronte alla casa è stata usata come una cartolina di Natale per vari membri del cast tecnico. Quando la Universal presentò il concept art per la locandina del film il regista non era soddisfatto. Fu il redattore Andrew London che ebbe l'idea di utilizzare la foto della cartolina di Natale come locandina del film.

MusicaModifica

Il compositore Jerry Goldsmith venne ingaggiato per scrivere la musica del film. Goldsmith era un amico di lunga data del compositore di "Psyco" Bernard Herrmann.

Goldsmith aveva scritto un tema per Norman Bates che venne respinto, ma che fu utilizzato per il segmento 2 di Twilight Zone: The Movie.[7]

La MCA Records ha pubblicato un album di 30 minuti su LP e cassette; nel 2014 la Intrada ha emesso la colonna sonora completa.

Intrada tracklist (i punti in grassetto compaiono nell'album originale):

  1. The Murder - Bernard Herrmann 0:59
  2. Psycho II – Main Title 1:39
  3. The House 1:51
  4. Mother's Hand 1:54
  5. Old Weapons 0:41
  6. Cheese Sandwich 0:31
  7. Mother's Room 2:05 (called "New Furniture" on the 1983 album)
  8. Out To Lunch 2:00
  9. No Note 1:05
  10. The Peep Hole 1:47
  11. Toomy's Death 1:11
  12. Peep Hole #2 (Revised) 0:55
  13. Mother's Room #2 4:28 (called "Mother's Room" on the 1983 album)
  14. Basement Killing 1:18
  15. New Furniture 0:44
  16. It's Starting Again 0:40
  17. A Night Cap 1:08
  18. Blood Bath 4:01
  19. Don't Take Me 5:39
  20. She's Not Dead 1:16
  21. Hello Mother 2:52
  22. The Cellar 4:48
  23. It's Not Your Mother 5:11
  24. Expected Guest 2:44
  25. Psycho II – End Title (Revised) 4:18
  26. Sonata #14 (Moonlight), Op. 27, No. 2 – 1st Mvt - Ludwig van Beethoven 1:51
  27. Sonata #8 (Pathetique), Op. 13 – 2nd Mvt - Ludwig van Beethoven 1:04
  28. Peep Hole #2 (Original) 0:56
  29. Mother's Room #2 (Alternate No. 1) 4:28
  30. Mother's Room #2 (Alternate No. 2) 4:28
  31. Psycho II – End Title (Original Version) 4:18

DistribuzioneModifica

Il film venne distribuito nei cinema il 3 giugno 1983 e incassò nel solo primo weekend 8.310.244 dollari piazzandosi al secondo posto ai botteghini dopo Il ritorno dello Jedi. In totale il film incassò più di 34 milioni di dollari.[1]

AccoglienzaModifica

Psycho II ha generalmente ottenuto recensioni positive ed è stato un successo a sorpresa al botteghino.

Il critico Kim Newman della rivista britannica Empire diede al film tre stelle su cinque definendo Psycho II "un thriller intelligente cupamente comico con alcuni colpi di scena fantasiosi".[8]

NoteModifica

  1. ^ a b Psycho II su Box Office Mojo
  2. ^ (EN) Psycho II, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC.  
  3. ^ Psycho II :: rogerebert.com :: Reviews, Rogerebert.suntimes.com. URL consultato il 7 giugno 2012.
  4. ^ Interviews - From Psycho to Asylum: The Horror Films of Robert Bloch, su The Unofficial Robert Bloch Website. URL consultato il 15 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2012).
  5. ^ a b c A Boy's Best Friend - Psycho 2, Retroslashers.net. URL consultato il 7 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2013).
  6. ^ a b film.com, Eric's Time Capsule: Psycho II (June 3, 1983), Film.com. URL consultato il 7 giugno 2012.
  7. ^ The Psycho Legacy
  8. ^ Empire's Psycho II Movie Review, Empireonline.com. URL consultato il 7 giugno 2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàBNF (FRcb38159574s (data)
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema