Public Broadcasting Services

ente radiotelevisivo pubblico maltese

Public Broadcasting Services è un editore maltese impiegato nella radiodiffusione pubblica membro dell'Unione europea di radiodiffusione.

Public Broadcasting Services
Logo
Logo
StatoMalta Malta
Fondazione11 novembre 1935
Sede principalePietà
Settoretelecomunicazioni
Prodottiprogrammi radiofonici, programmi televisivi
Sito webwww.tvm.com.mt/

StoriaModifica

Dopo che fu iniziata la prima trasmissione radiofonica sull'isola di Malta dalla base navale di Fort Rinella nel 1933 e a seguito di un accordo raggiunto nel 1934 tra l'autogoverno di Malta e le compagnie di filodiffusione britanniche per l'istituzione di un sistema cablato di trasmissione del suono sulle isole di Malta e di Gozo, l'editore iniziò le proprie trasmissioni radiofoniche con la denominazione di Rediffusion Malta l'11 novembre 1935. Il 28 settembre 1961 fu raggiunto un accordo tra l'autogoverno di Malta e Malta Television Services per l'istituzione di una stazione televisiva nell'isola di Malta che sancì l'inizio delle trasmissioni televisive dell'editore il 29 settembre 1962. L'8 gennaio 1973 Radio Malta, la principale stazione radiofonica dell'editore, iniziò a essere diretta da Malta Broadcasting Authority sancendo la perdita del monopolio dell'editore in campo radiotelevisivo nelle isole maltesi. Nel 1975 l'editore fu riunito insieme a Radio Malta nella compagnia Xandir Malta che è a sua volta posseduta dalla compagnia nazionalizzata Telemalta Corporation seguitamente all'indipendenza nazionale e alla votazione da parte del Parlamento maltese dell'Act XVI favorendo la trasmissione dei programmi autoprodotti e in lingua maltese. Il 27 settembre 1991 l'editore assunse l'attuale denominazione e subentrò a Xandir Malta nell'esercizio della radiodiffusione pubblica nella Repubblica di Malta[1].

AttivitàModifica

L'editore trasmette tre canali radiofonici e tre canali televisivi, produce programmi radiofonici e televisivi accurati e costituisce una fonte affidabile di notizie precise e corrette. L'editore è inoltre occupato nel providing dei propri programmi di servizio pubblico. L'editore è diretto da un proprio consiglio nominato a sua volta dal Governo maltese di cui è anche l'unico maggiore azionista[1].

Canali radiofoniciModifica

Canali televisiviModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: TVM (Malta).

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Storia di PBS sul sito ufficiale di TVM Archiviato il 4 maggio 2013 in Internet Archive.
  2. ^ (EN) Channel 22 becomes TVM 2, in Times of Malta, 5 marzo 2012. URL consultato il 6 luglio 2013.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica