Quartieri di Bologna

circoscrizione di decentramento amministrativo di Bologna

I quartieri del comune di Bologna sono le circoscrizioni di decentramento in cui è suddivisa la città di Bologna, a cui lo statuto comunale attribuisce il nome di quartieri: Borgo Panigale-Reno, San Donato-San Vitale, Savena, Navile, Porto-Saragozza, Santo Stefano.

Quartieri del Comune di Bologna

QuartieriModifica

Quartiere Superficie
(km²)
Abitanti
al 31/12/2020[1]
Densità (ab/km²) Quartieri
1985-2016
Quartieri
1966-1985
Altre zone Localizzazione
Quartiere
Borgo Panigale-Reno
31 61.103 1.944 Borgo Panigale
Reno
Borgo Panigale
Barca
Santa Viola
Casteldebole
La Birra
Lavino di Mezzo
Rigosa
 
Quartiere
San Donato-San Vitale
26 66.411 2.528 San Donato
San Vitale
San Donato
San Vitale
San Donnino
Pilastro
San Nicolò di Villola
San Sisto
Quarto Superiore
Calamosco
Frabazza
Cirenaica
Scandellara
Croce del Biacco
Roveri
 
Quartiere Navile 25 69.211 2.675 Navile Lame
Corticella
Bolognina
Oca
Bertalia
Beverara
Pescarola
Noce
Dozza
Arcoveggio
Casaralta
Croce Coperta
 
Quartiere Porto-Saragozza 15 69.811 4.428 Saragozza
Porto
Costa-Saragozza
Malpighi
Marconi
Saffi
Casaglia
Pratello
San Luca
 
Quartiere Santo Stefano 30 64.559 2.149 Santo Stefano Galvani
Irnerio
Murri
Colli
Quadrilatero
Ghetto ebraico
San Mamolo
Barbiano
Roncrio
Paderno
Sabbiuno
Chiesanuova
 
Quartiere Savena 11 59.805 5.219 Savena Mazzini
San Ruffillo
Cavedone
Fossolo
Due Madonne
Pontevecchio
Foscherara
Monte Donato
 

Presidenti di QuartiereModifica

Quartieri 2016
  Centrosinistra (Merola)
  Centrodestra (Borgonzoni)
2021
  Centrosinistra (Lepore)
  Centrodestra (Battistini)
Borgo Panigale-Reno Csx Vincenzo Naldi Csx Elena Gaggioli
San Donato-San Vitale Csx Simone Borsari Csx Adriana Locascio
Navile Csx Daniele Ara Csx Federica Mazzoni
Porto-Saragozza Csx Lorenzo Cipriani
Santo Stefano Csx Rosa Amorevole
Savena Csx Marzia Benassi

StoriaModifica

 
Centro Zanardi, sede del quartiere San Donato-San Vitale

Prima del decentramentoModifica

Già nei primi decenni del XX secolo esisteva una prima suddivisione informale della periferia di Bologna in sette quartieri. Non si basavano su una suddivisione geografica o politica, ma piuttosto sulla posizione nel loro territorio delle chiese principali: Sant'Egidio (quartiere San Donato), Alemanni (quartiere San Vitale e parte del quartiere Savena), San Ruffillo (parte del quartiere Savena e quartiere Santo Stefano), San Giuseppe (quartiere Saragozza e parte del quartiere Reno), Borgo Panigale (fino al 1937 comune autonomo), Bertalia (quartiere Porto e parte dei quartieri Reno e Navile) ed Arcoveggio (quartiere Navile).[2]

Sempre prima del processo di decentramento, l'uso del termine quartiere era applicato a certe determinate zone della nuova periferia, come la Barca, il Cavedone o il villaggio Due Madonne, caratterizzate da un progetto unitario o una matrice comune. Successivamente il termine passò ad indicare l'ambito territoriale in cui operavano gli organi decentrati del comune.[3]

Il "primo tempo" del decentramentoModifica

La prima suddivisione amministrativa del territorio di Bologna fu presentata dall'assessore Conato in una relazione del 21 settembre 1960 che presentava la divisione della città in 15 quartieri, ravvisando la necessità di un decentramento di servizi e uffici comunali, con particolare riguardo alle attività di carattere sociale e assistenziale. Inizialmente i quartieri stabiliti erano: Borgo Panigale, Santa Viola, Lame, Bolognina, Corticella, San Donato, San Vitale, Mazzini, Murri, San Ruffillo, Aldini, Colli, Andrea Costa, Barca, Centro.[4][5]

Il 9 aprile 1962 il Consiglio comunale stabilì i confini e la denominazione di ciascun quartiere: Borgo Panigale, Santa Viola, Saffi, Lame, Bolognina, Corticella, San Donato, San Vitale, Mazzini, Murri, San Ruffillo, Colli, Andrea Costa-Saragozza, Barca, Centro.[6]

Il 29 marzo del 1963 vennero costituiti gli organi di quartiere: l'Aggiunto del Sindaco, capo dell'amministrazione comunale all'interno del quartiere, coadiuvato dal Consiglio di Quartiere, indicati come "consulte per la partecipazione dei cittadini alla civica amministrazione". Essi si insediarono ufficialmente il 5 giugno del 1964.[4][7]

Contestualmente si procedette all'istituzione dei "centri di vita civica", ovvero uffici di quartiere ospitanti servizi decentrati come anagrafe, sportello di assistenza sociale, ufficio informazioni, servizio di polizia urbana e la segreteria del consiglio di quartiere, ma visti inoltre come l'espressione "sociale e urbanistica" della vita culturale e democratica del quartiere.[4]

Il 5 dicembre 1966 il Consiglio Comunale approvò all'unanimità la suddivisione del quartiere Centro in quattro distinti quartieri denominati Galvani, Irnerio, Malpighi e Marconi.[8]

Il "secondo tempo" del decentramentoModifica

Negli anni '80 l'allora assessore Walter Vitali promosse un nuovo regolamento sul decentramento volto a modificare radicalmente il volto dei quartieri: l'Aggiunto venne sostituito dal Presidente del Consiglio di Quartiere; venne istituita la Conferenza dei Quartieri, luogo di confronto tra i Presidenti; Ai quartieri vennero delegate ulteriori competenze, oltre ad essere investiti di maggior autonomia economica e politica.[4]

Il 25 marzo del 1985 venne approvato il nuovo regolamento che ridusse i quartieri da 18 a 9. I quartieri Borgo Panigale e San Donato rimasero immutati, mentre i restanti vennero accorpati nel modo seguente:[9]

  • Quartiere Navile: ex quartieri Corticella, Lame e Bolognina;
  • Quartiere Saragozza: ex quartieri Malpighi e Costa-Saragozza;
  • Quartiere Reno: ex quartieri Barca e Santa Viola;
  • Quartiere Porto: ex quartieri Marconi e Saffi;
  • Quartiere Savena: ex quartieri San Ruffillo e Mazzini;
  • Quartiere Santo Stefano: ex quartieri Galvani, Murri e Colli;
  • Quartiere San Vitale: ex quartieri San Vitale e Irnerio.

L'ultima suddivisione è entrata in vigore il 7 giugno 2016 in seguito all'approvazione, nel luglio 2015, della revisione dello statuto e del regolamento sul decentramento.[10] Le novità consistono in due accorpamenti (Borgo Panigale e Reno; Porto e Saragozza) e nello smembramento del quartiere San Vitale: quest'ultimo viene accorpato al quartiere San Donato (ora San Donato - San Vitale), mentre la parte del centro storico (Irnerio) viene annessa al quartiere Santo Stefano.

Evoluzione graficaModifica

Ruolo giuridico e politicoModifica

Pur essendo strutture decentrate dell'amministrazione comunale, hanno un proprio Consiglio di quartiere e un Presidente di quartiere, direttamente eletti dai cittadini contestualmente all'elezione del Sindaco e del Consiglio comunale. Si è quindi verificato in passato che le amministrazioni dei quartieri fossero di colore politico diverso da quella comunale: per esempio, tra il 1999 ed il 2004, durante l'amministrazione Guazzaloca (di centro-destra), 6 quartieri su 9 erano invece amministrati dal centro-sinistra. Dopo le elezioni comunali del 2004, durante l'amministrazione Cofferati, tutti i quartieri furono governati dal centro-sinistra, come il Comune. Contestualmente all'elezione di Virginio Merola nel 2011, 8 quartieri su 9 sono governati dal centrosinistra. Alle elezioni del 2016, le prime coi nuovi sei quartieri, e poi del 2021 tutti i quartieri sono stati vinti dal centrosinistra.[11]

Secondo lo statuto del Comune di Bologna (art. 37), ai Consigli di quartiere, in quanto organi di rappresentanza diretta dei cittadini, è garantito l'esercizio di un ruolo politico, propositivo e consultivo nella formazione degli indirizzi e delle scelte della Amministrazione comunale nel suo complesso; ad essi è attribuita autonomia decisionale per l'esercizio di attività e la gestione di servizi di base rivolti a soddisfare immediate esigenze della popolazione. È istituita inoltre una Conferenza dei Presidenti dei Consigli di quartiere, atta a promuovere la reciproca informazione fra i Presidenti, a garantire l'omogeneità nell'azione amministrativa, a favorire il coordinamento delle iniziative riguardanti l'intero territorio comunale o quello di più quartieri.

NoteModifica

  1. ^ Popolazione residente, su inumeridibolognametropolitana.it. URL consultato il 18 novembre 2021.
  2. ^ Anonimo, Pianta topografica del Comune di Bologna, su badigit.comune.bologna.it, 1886.
  3. ^ Maccaferri et al., p. 169.
  4. ^ a b c d La politica del decentramento, su comune.bologna.it. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  5. ^ Nascita Quartieri, su comune.bologna.it. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  6. ^ Confini e nomi dei quartieri cittadini, 9 aprile 1962, su bibliotecasalaborsa.it. URL consultato il 5 gennaio 2023.
  7. ^ La città divisa in quartieri, 21 settembre 1960, su bibliotecasalaborsa.it. URL consultato il 5 gennaio 2023.
  8. ^ Insediati i quattro quartieri del Centro storico, 5 dicembre 1966, su bibliotecasalaborsa.it. URL consultato il 5 gennaio 2023.
  9. ^ Regolamento sul Decentramento, su comune.bologna.it. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  10. ^ Nuova riforma dei quartieri, su comune.bologna.it.
  11. ^ Quartieri, elezioni presidenti e consigli. Voti candidati e liste, tutti i risultati, su bolognatoday.it. URL consultato il 18 novembre 2021.

BibliografiaModifica

  • Umberto Maccaferri, Giampaolo Mazzucato, Raffaello Scatasta, Mario Zaffagnini, Un'esperienza di analisi della realtà urbana bolognese, in Paesaggio e struttura urbana. Aspetti della realtà urbana bolognese, Bologna, Renana assicurazioni, 1970, SBN IT\ICCU\SBL\0378555.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Bologna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bologna