Querolus sive Aulularia

Il piagnone
o La commedia della pentola
Commedia in 5 atti
Illustrerad Verldshistoria band II Ill 034.png
Lare domestico
Titolo originaleQuerolus sive Auluaria
Lingua originaleLatino
Generecommedia
Fonti letterarieAulularia di Tito Maccio Plauto
AmbientazioneGrecia
Composto nelinizio V secolo
Personaggi
  • Lare domestico
  • Querulo, giovane figlio di Euclione
  • Pantomalo, servo
  • Mandrogeno, parassita e stregone
  • Euclione
  • Sicofante
  • Giudice
 

Querolus sive Aulularia (traslitterato: Querulo o l'Aulularia), il cui titolo in italiano è traducibile come Il piagnone o La commedia della pentola, è una palliata scritta tra la fine del IV secolo e l'inizio del V da un autore ignoto, probabilmente nella cerchia di conoscenze di Rutilio Namaziano. L'opera è una sorta di continuazione, con aspetti del tutto differenti, dell'Aulularia di Tito Maccio Plauto.

TramaModifica

In scena arriva il Lare familiare, un dio protettore del focolare domestico, e annuncia il prologo. Successivamente entra il ricco e avaro Euclione che non sopporta affatto il servo, pensando che gli voglia rubare la pentola piena di soldi che ha trovato. Infatti la pentola appartiene a un mago di nome Mandrogeno che presto si presenta in casa per recuperare i soldi. Euclione è troppo impegnato a organizzare un matrimonio tra lui e la figlia di un ricco sicofante e così il mago sfonda la porta. Euclione decide, perduta la pentola, di ricorrere al tribunale e ai suoi amici avvocati.

BibliografiaModifica

  • I. Lana, Analisi del «Querolus». Corso di letteratura latina, Torino, G. Giappichelli, 1979.
  • A. Masera, Querolus sive Aulularia. La nuova cronologia e il suo autore, Firenze, Le lettere, 1991.