Apri il menu principale
Frammento di piatto di vetro decorato a foglia d'oro e raffigurante Quinto Fabio Memmio Simmaco iunior e il padre Quinto Aurelio Simmaco, che regge la mappa nell'atto di dare il via ai giochi (AE 2001, 496).

Quinto Fabio Memmio Simmaco (in latino: Quintus Fabius Memmius Symmachus; 383/384 – dopo il 402) appartenente all'influente famiglia dei Symmachi.

BiografiaModifica

Era figlio di Quinto Aurelio Simmaco, principale esponente della famiglia, scrittore e politico di rilievo, e di Rusticiana. Aveva una sorella maggiore, che sposò Nicomaco Flaviano iunior.

Nacque nel 383/384; all'età di dieci anni circa divenne questore, celebrando i giochi collegati alla sua magistratura nel dicembre 393. Ebbe una buona educazione, che includeva lo studio del greco; il padre approvò il suo stile epistolare e, nel 401, assoldò un retore gallico come suo tutore. Sempre nel 401 Memmio Simmaco tenne i giochi collegati alla sua carica di pretore: i giochi furono posposti dal 400 al 401 per permettere al padre di assistervi e costarono ben 2000 libbre d'oro; ancora nel 401 celebrò il proprio matrimonio con una nipote di Virio Nicomaco Flaviano.

Fu probabilmente lui, che apparteneva ad una famiglia dell'aristocrazia pagana, a costruire un tempio dedicato a Flora a Roma. Dopo la morte del padre, avvenuta nel 402/403, curò l'edizione delle sue lettere.

BibliografiaModifica