Apri il menu principale

Quinto Pompeio Sosio Falcone

senatore romano
Quinto Pompeio Sosio Falcone
Nome originaleQuintus Pompeius Sosius Falco
Nascitaante 163
Sicilia
Mortepost 193
ConsorteSulpicia Agrippina
FigliQuinto Pompeo Falcone Sosio Prisco
GensPompeia
PadreQuinto Pompeo Senecione Sosio Prisco, console nel 169
Consolatonel 193

Quinto Pompeio Sosio Falcone (latino: Quintus Pompeius Sosius Falco; fl. 193; ... – ...) fu un senatore dell'Impero romano, che cospirò contro l'imperatore Pertinace per salire al trono.

BiografiaModifica

Falcone era originario della Sicilia: suo padre, Quinto Pompeo Senecione Sosio Prisco, fu console nel 169, suo nonno era Quinto Pompeo Sosio Prisco (console nel 149), suo bisnonno era Quinto Pompeo Falcone (console suffetto nel 108).

Assieme alla moglie Sulpicia Agrippina, Falcone ebbe un figlio, Quinto Pompeo Falcone Sosio Prisco, candidato alla questura sotto Caracalla o Eliogabalo.

Nel 193 Falcone fu console. Nello stesso anno fu coinvolto in una cospirazione contro l'imperatore Pertinace, che era assente da Roma, volta a metterlo sul trono (non è ben chiaro se a sua insaputa o meno). La cospirazione venne scoperta e Falcone venne dichiarato nemico pubblico dal Senato e condannato a morte, ma Pertinace lo perdonò.

 
La gens di Pompeo Sosio sotto la dinastia degli Antonini (albero genealogico non esaustivo).

BibliografiaModifica