Quod scripsi, scripsi

Quod scripsi, scripsi è una locuzione latina, che tradotta letteralmente significa: "Quello che ho scritto, ho scritto". È tratta dal Vangelo secondo Giovanni: 19,22.

È la risposta che, secondo il Vangelo, Ponzio Pilato avrebbe dato ai sommi sacerdoti dei giudei, che criticavano l'iscrizione da lui apposta sopra la croce di Gesù.

Racconta l'evangelista Giovanni che Pilato, dopo aver fatto crocifiggere Gesù, fece apporre alla croce, come motivazione della condanna, una tavoletta (titulus) con la scritta "Gesù Nazareno, re dei giudei" in ebraico, latino e greco, realizzando involontariamente una profezia messianica. I sommi sacerdoti gli dissero: «Non scrivere "Il re dei giudei", ma che costui ha detto: "Io sono il re dei giudei"». Pilato sbrigativamente rispose: «Quod scripsi, scripsi», facendo loro capire con tale risposta che non intendeva ritornare sulla decisione presa.

Si cita la frase (anche nella forma Quod dixi, dixi, "Quel che ho detto, ho detto") per dire che una decisione presa è irrevocabile e che non le si vuol apportare alcun mutamento.

Voci correlateModifica

  Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina