Apri il menu principale
Gardes Françaises
Guardie francesi
1563 Régiment des Gardes-Françaises.svg
Bandiera reggimentale delle Gardes Françaises
Descrizione generale
Attivo1563-1792
NazioneRoyal Standard of the King of France.svg Regno di Francia
TipoGuardia reale
Corpo d'elite
RuoloProtezione del re
Guarnigione/QGParigi
Battaglie/guerreSaint-Denis
Massacro di San Bartolomeo
La Rochelle
Lens
Fleurus
Ramillies
Malplaquet
Dettingen
Fontenoy
Presa della Bastiglia
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Le Guardie francesi (in francese: Régiment des Gardes françaises) erano un reggimento di fanteria della Casa Militare del Re di Francia (Maison militaire du roi de France) sotto l'Ancien Régime.

Le guardie francesi, che si trovavano a Parigi, giocarono un ruolo importante nella Rivoluzione francese, poiché la maggior parte delle guardie abbracciò la causa rivoluzionaria e assicurò il collasso della monarchia assoluta in Francia. Le guardie francesi guidarono l'Assalto alla Bastiglia e formarono i quadri di quella che sarebbe diventata la Guardia Nazionale .

Il reggimento fu creato nel 1563 da Carlo IX. Con una forza di 9000 uomini ha contato 30 compagnie nel 1635 con 300 fucilieri per compagnia. Erano armati di una forma di moschetto ( "fusils" ) o di picca con manico in acciaio, e potevano condurre una normale vita civile in tempo di pace. In pratica ciò significava che potevano intraprendere un lavoro civile quando non richiesto in servizio.

Su insistenza di Caterina de 'Medici, furono dapprima sparsi in varie guarnigioni, ma dopo il tentativo di rapimento del re Carlo IX nei pressi di Meaux da parte degli Ugonotti, le guardie furono riportate insieme appositamente per proteggere il monarca .

Uniforme nel 1757

Privilegi, ruolo e organizzazioneModifica

In tempo di guerra, la Gardes Françaises aveva il privilegio di scegliere le proprie posizioni di battaglia (di solito al centro della prima linea di fanteria). Altri privilegi comprendevano la conduzione dell'assalto all'apertura di una breccia durante un assedio, la prima scelta di caserme e diritti speciali di processo. Durante le parate, avevano la precedenza su tutti gli altri reggimenti dell'esercito reale.

Hanno condiviso la responsabilità di sorvegliare l'esterno della Reggia di Versailles con i Gardes Suisses . Inoltre, le guardie francesi avevano la responsabilità di mantenere l'ordine pubblico a Parigi, a sostegno delle varie forze di polizia della capitale.

 
Le Gardes Francaises e le guardie britanniche si affrontarono a Fontenoy nel 1745. Lord Charles Hay, un ufficiale britannico, avrebbe detto "Dì ai tuoi uomini di sparare". Il conte d'Auteroche, ufficiale delle guardie francesi, rispose: "No, non spariamo mai per primi".[1]

Nel 1789, le Gardes Françaises costituivano il più grande elemento delle truppe domestiche ( Maison Militaire du Roi ). Sei granatieri e 24 compagnie di fucilieri furono divisi in sei battaglioni che comprendevano l'intero reggimento. Il numero totale di Gardes Françaises ammontava a circa 3.600 uomini. Il colonnello del reggimento di solito deteneva il grado di maresciallo di Francia . Capitani delle compagnie di granatieri classificati come colonnelli nella fanteria della linea. C'era una compagnia di granatieri (109 ufficiali e uomini) e quattro compagnie di fucilieri (ciascuna con 132 ufficiali e uomini) per ogni battaglione.[2]

Immagine e base di reclutamentoModifica

L'immagine successiva di Gardes Françaises come unità di palazzo di élite sociale guidata solo da ufficiali di corte potrebbe essere in gran parte scorretta. La maggior parte degli ufficiali del reggimento provenivano da fuori Parigi, e alcuni, come il futuro Maresciallo Abraham de Fabert, non avevano nemmeno lo status di aristocratici provinciali.[3]

I gradi e gli schedari venivano reclutati da tutta la Francia, ma attraverso matrimoni e impieghi fuori servizio, stabilirono rapidamente legami locali a Parigi, che avrebbero influenzato il loro comportamento allo scoppio della Rivoluzione francese. I guardiani furono arruolati per un minimo di otto anni e dovevano essere cittadini francesi con un'altezza minima di 1,73 m (5'8 "), rispetto ai 1,68 m (5'6") di soldati di fanteria di linea.

L'incidente riportato nella Battaglia di Fontenoy, in cui gli ufficiali delle Gardes Françaises e le loro controparti inglesi si invitatarono a vicenda a sparare per primi (vedi l'illustrazione sopra) è talvolta citato come esempio di eccessiva cavalleria tra gli avversari aristocratici. Tuttavia, nella guerra del XVIII secolo, l'unità che ha tenuto il suo fuoco fino a quando non è stata più vicina al nemico sarebbe stata in grado di fornire la raffica più efficace. In questa occasione, la Gardes Françaises ha sparato per prima, con effetti limitati, e ha subito pesanti perdite, di 411 morti e feriti.[4]

UniformeModifica

Durante gli anni dal 1685 al 1789 il reggimento indossava giustacorpi di colore "blu reale" scuro, con colletti rossi, polsini e gilet. I pantaloni erano rossi (in seguito bianchi) e i calzoni erano bianchi. I granatieri avevano alti cappelli di pelliccia e le compagnie di fucilieri indossavano il tricorno standard della fanteria francese. Giustacorpo e gilet erano pesantemente ricamati in treccia bianca o argento (per ufficiali).[5]

Rivoluzione franceseModifica

 
Alcune Gardes Françaises (in uniforme blu a sinistra e centro-destra) presero parte alla presa della Bastiglia e all'arresto del suo governatore, il marchese di Launay, mostrato sopra.

La simpatia mostrata dalla Gardes Françaises per la Rivoluzione Francese al suo scoppio fu cruciale per il successo iniziale della rivolta. Le altre due unità della Maison militaire du roi de France all'epoca, le Guardie svizzere e la guardia del corpo, erano fedeli al re, ma erano unità più piccole delle Gardes Françaises e mancavano delle connessioni parigine di quest'ultimo reggimento.[6]

Durante le settimane di disordini precedenti al primo luglio del 1789, fino alla caduta della Bastiglia, il reggimento inizialmente obbedì agli ordini e in diverse occasioni agì contro le folle sempre più in rivolta.[7] Ad aprile, durante una rivolta nella fabbrica di Reveillion, le guardie avevano sparato sulla una folla ostile, uccidendo e ferendone diverse centinaia di ribelli.[8] Tuttavia, oltre ai legami locali con i parigini, il reggimento era risentito della dura disciplina di stile prussiano introdotta dal suo colonnello, il duca di Châtelet, che aveva preso la sua nomina l'anno prima. Gli ufficiali del reggimento avevano negligentemente lasciato il controllo quotidiano nelle mani dei sottufficiali e avevano un'interazione limitata con i loro uomini.[9] Questi fattori hanno portato alla diserzione dal 27 giugno in poi, seguita da un incidente il 12 luglio in cui le guardie francesi hanno sparato sul Reggimento Royal-Allemand e la defezione definitiva della maggior parte dei gradi il 14 luglio. Secondo quanto riferito, solo uno dei sergenti stava in piedi vicino agli agenti quando hanno cercato di riunire i loro uomini nel cortile della caserma della Guardia di Parigi. Dei sei battaglioni (sottounità di circa 600 uomini ciascuno) in tutto il reggimento, l'equivalente di un solo battaglione rimase obbediente agli ordini.[10] Gli ammutinati giocarono un ruolo chiave nell'attacco alla Bastiglia, dove furono accreditati sia l'uso efficace dei cannoni dell'artiglieria, sia la prevenzione di un massacro della guarnigione dopo la resa. Dopo la caduta della Bastiglia, la Gardes Françaises fece una petizione per riprendere i suoi compiti di guardia a Versailles. Tuttavia, questa proposta è stata rifiutata e il reggimento è stato formalmente sciolto il 31 agosto 1789.

L'ex Gardes Françaises successivamente fornì il nucleo professionale della futura Guardia Nazionale. Come tali, agirono sotto il comando del marchese de Lafayette per ristabilire l'ordine quando una folla da Parigi invase il Palazzo di Versailles all'alba del 6 ottobre 1789 e scortò la famiglia reale a Parigi nel pomeriggio dello stesso giorno. Nell'ottobre 1792, le ex Gardes Française furono distribuite tra le nuove unità volontaria che venivano mobilitate per la guerra. Nel loro ruolo finale, le ex guardie reali fornirono quadri (ufficiali e sottufficiali) per gli eserciti rivoluzionari dal 1792 al 1802.

In seguito alla Restaurazione borbonica del 1814, furono fatti tentativi per ricreare la maggior parte delle varie unità militari che precedentemente formavano la Casa Reale. Tuttavia, la defezione della Gardes Françaises in un punto cruciale della rivoluzione non poteva essere dimenticata, e nessun intervento venne attuato per riformare il reggimento.

Membri notevoliModifica


Galleria d'immaginiModifica

RiferimentiModifica

  1. ^ N.Y. Times, 25 December 1897
  2. ^ Terry Crowdy, "French Revolutionary Infantry 1789-1802",
  3. ^ Philip Mansel, "Pillars of Monarchy", ISBN 0-7043-2424-5
  4. ^ Michael McNally, Fontenoy, p. 65, ISBN 978-1-4728-1625-2.
  5. ^ Liliane and Fred Funcken, "L'Uniforme et les Armes des Soldats de La Guerre en Dentelle", ISBN 2-203-14315-0
  6. ^ Louis- Philippe, Memoirs 1773-1791, p. 29, ISBN 0-15-158855-4.
  7. ^ Louis- Philippe, Memoirs 1773-1791, p. 247, ISBN 0-15-158855-4.
  8. ^ Munro Price, The Fall of the French Monarchy, p. 29, ISBN 0-330-48827-9.
  9. ^ Louis Philippe, Memoirs 1773-1793, p. 29, ISBN 0-15-158855-4.
  10. ^ Munro Price, The Fall of the French Monarchy, p. 96, ISBN 9780330488273.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN305191983 · WorldCat Identities (EN305191983