Apri il menu principale
Rabbula
vescovo
Rabbula-mathias.jpg
Incarichi ricopertiArcivescovo di Edessa di Osroene (412-436)
 
Nato350 ca., Qinnasrin
Deceduto8 agosto 436, Edessa
 

Rabbula, o Rabbulas (Qinnasrin, 350 circa – Edessa, 8 agosto 436), è stato un arcivescovo e scrittore siro, vescovo di Edessa di Osroene dal 412 alla morte.

Indice

BiografiaModifica

Rabbula nacque, in data sconosciuta, a Qinnasrin (o Chalcis), città nella vicinanze di Aleppo e sede episcopale. Era figlio di padre sacerdote pagano e di madre fervente cristiana; rimase pagano fino al matrimonio. Si avvicinò al cristianesimo in seguito a colloqui con Eusebio vescovo di Qinnasrin e con Acacio vescovo di Aleppo. Si disse che alla decisione di chiedere il battesimo contribuisse anche un evento allora ritenuto miracoloso.

Subito dopo la sua conversione al cristianesimo si diede all'osservanza dei "consigli evangelici" praticando una rigida ascesi, vendette tutti i suoi averi distribuendoli ai poveri, si separò dalla consenziente moglie, e visse prima come monaco e poi come eremita in zone desertiche. Alla morte (411) di Diogene, vescovo di Edessa, accettò di divenire il suo successore.

In questo ministero egli si distinse per la vita morigerata e ascetica, per la frequenza con cui effettuò la visita pastorale alle quasi 200 comunità cristiane della sua diocesi, per le iniziative di assistenza a poveri e bisognosi, per l'energia con cui fece rifiorire tra il clero e i monaci affidati alla sua cura la disciplina e l'osservanza dei canoni conciliari, e soprattutto per lo zelo con cui si impegnò a far scomparire le tracce, sempre più avvolgenti, di nestorianesimo e altre dottrine giudicate eretiche.

OpereModifica

Il Nestorianesimo
Nestorio e la sua scuola sostenevano che dalle Scritture emerge che in Gesù le due nature (umana e divina) sono talmente autonome da sembrare due persone. La formula corretta è: due nature distinte nell'unica persona del Verbo. Le sue dottrine cristologiche furono condannate nel Concilio di Efeso (431), tuttavia Nestorio negò che dalla sua analisi dovessero risultare due persone. Il nestorianesimo vive ancora in diverse comunità cristiane del Medio Oriente.
Vedi Nestorianesimo

L'eredità letteraria di Rabbula è piuttosto scarsa ed è conosciuta piuttosto di riflesso per citazioni e menzioni. La sua importanza, per lo storico della letteratura siriaca, sta forse più nella sua azione, accompagnata da occasionali scritti, per far sostituire il mutilante Diatessaron con i quattro vangeli canonici che egli si prodigò di tradurre alla lingua siriaca: di questi doveva essere esposta una copia in ciascuna chiesa della sua diocesi mentre doveva essere tolto il Diatessaron. Come in questa traduzione, così in altre, che completavano il Nuovo Testamento, profittò della competenza dei cultori della Peshitta.[1] Del Vangelo di Rabbula in lingua siriaca si trova una copia manoscritta nel British Museum (Overbeck, p. 172), Se ne trova una copia, miniaturizzata, anche nella Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze.

DottrinaModifica

Nella prima parte della sua vita, Rabbula aderì alla predicazione di Teodoro di Mopsuestia, sostenitore della doppia natura (umana e divina) in Gesù Cristo. Tale teoria sfociò nella visione cristologica detta nestorianesimo.
Successivamente Rabbula si persuase sempre più che la vera Cristologia era quella sostenuta dalla scuola di Alessandria e dal suo vescovo Cirillo; per questo cominciò a differenziarsi dall'amico d'un tempo, Teodoro di Mopsuestia, che aderiva alla cristologia di Nestorio. Egli cominciò a corrispondere con Cirillo, di cui divenne amico e sostenitore nelle controversie cristologiche, anzi si dedicò alla traduzione in lingua siriaca del “De recta fide” (un insieme di elementi della cristologia) di Cirillo. ([2]).

Al Concilio ecumenico di Efeso (431), Rabbula parteggiò per Cirillo e approvò la condanna delle dottrine di Nestorio, così pure quando si trattò sulla convenienza di onorare la Vergine Maria con il titolo di Theotókos ("Madre di Dio", in greco: Θεοτόκος).

CriticheModifica

Lo zelo di Rabbula fu frustrato poiché il successore, Abas di Edessa, scelse proprio la via dottrinale di Nestorio. Inoltre fu in seguito criticato, se non addirittura sospettato di eccessi poco rispettosi della dignità dell'uomo[3]. A conferma di ciò si richiama una circostanza, sebbene a sua volta sospettata di insinuazione furbesca, che riguarda la sua vita: si racconta che egli con l'amico Eusebio, futuro vescovo di Tella, andassero ad annunciare il vangelo tra le tribù pagane, ardentemente attaccate alla propria religione, del territorio di Baalbek (Heliopolis), allo scopo di trovarvi il martirio.[4]

NoteModifica

  1. ^ Overbeck, pp. 239-244, kaj Klaus-Peter Todt.
  2. ^ (EN) San Cirillo di Alessandria, The Anathemas in Opposition to Nestorius
  3. ^ Jan Willem Drijvers, "The Protonike Legend, the Doctrina Addai and Bishop Rabbula of Edessa," Vigiliae Christianae 51 (1997), 298-31; Michael Geddis, There is No Crime for Those Who Have Christ (University of California Press, 2005), 162-164.
  4. ^ Generalmente questo atteggiamento era condannato da teologi e autorità ecclesiastiche, come ad esempio appare da interventi di Agostino d'Ippona.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89745298 · ISNI (EN0000 0000 7821 9361 · LCCN (ENno00029838 · GND (DE102404968 · CERL cnp00285704