Rachel Roberts (attrice)

attrice britannica

Rachel Roberts (Llanelli, 20 settembre 1927Los Angeles, 26 novembre 1980) è stata un'attrice britannica.

Rachel Roberts

Nel corso della sua carriera, ricca nonostante la prematura scomparsa, vinse 3 BAFTA e fu candidata all'Oscar nel 1963 per il suo ruolo in Io sono un campione.

BiografiaModifica

Figlia di un ministro battista gallese[1], Rachel Roberts studiò recitazione alla Royal Academy of Dramatic Art (RADA) e nei primi anni della sua carriera si affermò come brillante attrice di rivista, rivelando notevole talento comico[1].

Nella prima metà degli anni cinquanta iniziò ad ottenere alcuni piccoli ruoli sul grande schermo, mentre la sua carriera teatrale proseguiva brillantemente con l'ingresso nel 1954 all'Old Vic, dove lavorò per i due anni successivi[1].

La definitiva affermazione sugli schermi cinematografici giunse per la Roberts alla fine del decennio, in coincidenza con l'affermazione del nuovo realismo nel cinema britannico[1]. L'attrice interpretò in ruolo di una donna sposata, amante di Albert Finney in Sabato sera, domenica mattina (1960) di Karel Reisz, e quello di un'affittacamere vedova, padrona di casa di un giocatore di rugby (Richard Harris) in Io sono un campione (1963) di Lindsay Anderson[1], interpretazione che le valse la candidatura al premio Oscar alla miglior attrice nel 1964.

Mentre proseguiva la propria carriera teatrale, la Roberts divenne familiare al pubblico televisivo statunitense[1], grazie alla partecipazioni a serie quali Undicesima ora (1963), Mistero in galleria (1970), Marcus Welby (1971), L'impareggiabile giudice Franklin (1976-1978), di cui interpretò 32 episodi nei panni di Bonnie McClennel.

Benché interprete assai richiesta, negli anni settanta ebbe poche occasioni degne di nota, tranne Assassinio sull'Orient Express (1974) di Sidney Lumet e Picnic ad Hanging Rock (1975) di Peter Weir.

Vita privataModifica

Rachel Roberts si sposò la prima volta nel 1955 con l'attore Alan Dobie, dal quale divorziò nel 1961.

Il 21 marzo 1962 si risposò con l'attore Rex Harrison, dal quale divorziò nel 1971.

Impulsiva e insicura, la Roberts si suicidò con una overdose di barbiturici e alcool il 26 novembre 1980, a 53 anni, nella sua casa di Los Angeles. Il giardiniere messicano la trovò nella cucina.

Fu cremata alla Chapel of the Pines Crematory di Los Angeles.[2]

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Doppiatrici italianeModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f Il chi è del cinema, De Agostini, 1984, Vol. II, pag. 450
  2. ^ Robert Edwards, Rachel Roberts (1927–1980), Find A Grave, 19 ottobre 2001. URL consultato il 17 agosto 2008.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN305239563 · ISNI (EN0000 0001 1777 3171 · LCCN (ENn84226007 · GND (DE138848823 · BNF (FRcb14043067j (data) · BNE (ESXX1065739 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n84226007