Radu Albot

tennista moldavo

Radu Albot (Chișinău, 11 novembre 1989) è un tennista moldavo.

Radu Albot
Albot RG19 (3) (48199399152).jpg
Albot nel 2019
Nazionalità Moldavia Moldavia
Altezza 175 cm
Peso 69 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 85-111 (43.37%)
Titoli vinti 1
Miglior ranking 39º (5 agosto 2019)
Ranking attuale 105º (21 febbraio 2022)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 3T (2021, 2022)
Francia Roland Garros 2T (2018, 2019, 2020)
Regno Unito Wimbledon 3T (2018)
Stati Uniti US Open 3T (2017)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici 2T (2016)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 44-61 (41.9%)
Titoli vinti 1
Miglior ranking 56º (29 aprile 2019)
Ranking attuale 182º (21 febbraio 2022)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 3T (2018, 2019)
Francia Roland Garros QF (2015)
Regno Unito Wimbledon 1T (2015, 2018, 2019, 2021)
Stati Uniti US Open SF (2018)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 31 maggio 2021

È il primo giocatore del suo paese a vincere un titolo ATP nel singolare ( Delray Beach Open 2019 ) e nel doppio ( Istanbul Open 2015 ).

Ha vinto inoltre 7 titoli Challenger in singolare e 10 nel doppio, oltre a 14 titoli in singolare e 7 nel doppio ITF. Fa parte della squadra moldava di Coppa Davis.

CarrieraModifica

2013-2015: Storico primo titolo ATP Challenger in singolare e in doppioModifica

Nel settembre 2013 ha vinto il challenger di Fergana, diventando il primo tennista moldavo a vincere un torneo ATP Challenger.

Nel 2014 si è qualificato per il tabellone principale dell'US Open, stabilendo un altro primato nazionale per l'accesso ad un Grande Slam.

Ha vinto nel 2015 in coppia con Lajovic il titolo di doppio dell'Inaugurale Istanbul Open, proseguendo nella lista di record moldavi conseguiti. Entra brevemente fra i top100 della classifica ATP. Nell'ottobre dello stesso anno raggiunge con František Čermák la finale della Kremlin Cup.

2016-18: Prima semifinale di doppio del Grande SlamModifica

Nel giugno 2016 si è qualificato per il torneo di Wimbledon e ha vinto la sua prima partita del Grande Slam dopo vari tentativi.

Nel 2017 ha giocato per la prima volta nel tabellone principale di tutti e quattro i tornei del Grande Slam. Si è qualificato per il torneo US Open 2017 e ha vinto i primi due turni prima di essere sconfitto da Sam Querrey al terzo incontro, che è a tutt'oggi il suo miglior risultato nel Grande Slam insieme a quello ottenuto al torneo di Wimbledon 2018, dove sconfisse Pablo Carreno Busta al primo turno per venire poi fermato sempre al terzo turno da John Isner .

Nel febbraio 2018, Radu Albot ha giocato i quarti di finale del torneo ATP sul duro indoor di New York, venendo eliminato da Kei Nishikori. A settembre ha raggiunto la sua prima semifinale di singolare ATP al Moselle Open, dove ha ceduto all'eventuale campione del torneo, Gilles Simon.

Nell'US Open di quell'anno ha raggiunto le semifinali di doppio maschile, insieme a Malek Jaziri, battendo gli avversari Skupski/Skupski, i campioni uscenti Rojer/Tecau, i fratelli Christian e Ryan Harrison, il duo J.Murray/Soares, per essere fermati dalla coppia Kubot/Melo in tre set.

2019: L'anno migliore, Primo titolo singolare ATP e altre tre semifinali, Top50 in classificaModifica

Nel 2019, Albot ha raggiunto le semifinali del torneo Open Sud de France, battendo Kohlschreiber, Gulbis e Baghdatis, prima di perdere dal futuro trionfatore del torneo,Tsonga. Alla fine di febbraio ha vinto il titolo ATP di singolare del Delray Beach Open, entrando nella storia come il primo moldavo a farlo, eliminando in progressione Karlović, Kyrgios, Johnson e McDonald, e infine Dan Evans in finale in un combattuto e spettacolare incontro di tre set.[1] In seguito ha raggiunto la semifinale di Ginevra sulla terra rossa, perdendo al penultimo turno contro il cileno Jarry.. Nel prosieguo della stagione ha continuato il suo momento positivo raggiungendo la sua terza semifinale ATP dell'anno a Los Cabos, superato da Taylor Fritz. Ha chiuso la stagione alla posizione n.46 del ranking.

2020-2021: Anno delle difficoltà, ATP Cup inaugurale, terzo turno dell'Australian Open, secondo Challenger, fuori dai primi 100Modifica

Ha inaugurato il 2020 partecipando alla ATP Cup nella fase a gironi insieme alla squadra moldova. Dopo la lunga pausa dovuta all'interruzione delle competizioni a causa della pandemia di covid-19, viene sconfitto al secondo turno dell'US Open.

Nel 2021 ha raggiunto per la prima volta il terzo turno agli Australian Open sconfiggendo il top20 Roberto Bautista Agut lungo il percorso prima di perdere contro Casper Ruud. Gioca la semifinale del torneo di Singapore perdendo da Alexander Bublik.[2] Vince sul finire della stagione il challenger su duro indoor di Pau contro Lehecka per 6–2, 7–6(5), chiudendo la stagione alla posizione n.123 della classifica ATP.

2022: Terzo turno consecutivo all'Australian Open, vittoria ChallengerModifica

Albot bissa il suo miglior risultato all'Australian Open giungendo al terzo turno dove viene battuto da Alexander Zverev in tre set, mentre a Wimbledon viene fermato al primo turno del tabellone principale per opera di Goffin, dopo aver superato le qualificazioni.

Nella seconda parte della stagione vince il titolo all'Istanbul Challenger sconfiggendo Lukas Rosol nettamente col risultato di 6–2, 6–0, mentre è finalista al Busan Open Challenger dove Majchrzak ha la meglio in tre set.

StatisticheModifica

SingolareModifica

Vittorie (1)Modifica

Legenda doppio
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP World Tour 500 (0)
ATP World Tour 250 (1)
N. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 24 febbraio 2019   Delray Beach Open, Delray Beach Cemento   Daniel Evans 3-6, 6-3, 7-6(7)

DoppioModifica

Vittorie (1)Modifica

Legenda doppio
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP World Tour 500 (0)
ATP World Tour 250 (1)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in Finale Punteggio
1. 3 maggio 2015   TEB BNP Paribas Istanbul Open, Istanbul Terra rossa   Dušan Lajović   Robert Lindstedt
  Jürgen Melzer
6–4, 7–6(2)

Finali perse (1)Modifica

Legenda doppio
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP World Tour 500 (0)
ATP World Tour 250 (1)
N. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in Finale Punteggio
1. 25 ottobre 2015   Kremlin Cup, Mosca Cemento (i)   František Čermák   Andrej Rublëv
  Dmitrij Tursunov
6–2, 1–6, [6–10]

Risultati in progressioneModifica

Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

SingolareModifica

Torneo 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 2021 V–S
Tornei Grande Slam
  Australian Open, Melbourne Q2 Q2 Q1 Q2 Q2 1T 1T 2T A 3T 3-4
  Roland Garros, Parigi A A Q1 Q2 1T 1T 2T 2T 2T 1T 3-4
  Wimbledon, Londra Q1 Q1 Q1 Q1 2T 2T 3T 1T ND 1T 4-4
  US Open, New York Q2 Q1 1T 1T 1T 3T 1T 1T 1T 1T 2-7
Vittorie-Sconfitte 0-0 0-0 0-1 0-1 1-3 3-4 3-4 2-4 1-2 2-1 12-20
Giochi Olimpici
  Giochi Olimpici A Non Disputati 2T Non Disputati 1-1
Vittorie-Sconfitte 0-0 Non Disputati 1-1 Non Disputati 1-1

DoppioModifica

Torneo 2015 2016 2017 2018 2019 2020 V–S
Tornei Grande Slam
  Australian Open, Melbourne A 1T A 3T 3T A 4-2
  Roland Garros, Parigi QF A 1T A 1T 1T 3-4
  Wimbledon, Londra 1T A A 1T 1T ND 0-3
  US Open, New York 1T A A SF 2T A 5-3
Vittorie-Sconfitte 3-3 0-1 0-1 6-2 3-4 0-1 12-12
Giochi Olimpici
  Giochi Olimpici ND A Non Disputati 0-0
Vittorie-Sconfitte ND 0-0 Non Disputati 0-0

Doppio mistoModifica

Nessuna Partecipazione

NoteModifica

  1. ^ (EN) Cindy Shmerler, Radu Albot, Trained on Wooden Courts of Moldova, Earns His Country’s First Title, su The New York Times, 25 febbraio 2019. URL consultato il 23 gennaio 2023.
  2. ^ (EN) Albot Moves Into Singapore Semi-finals; Cilic Saves 1 M.P., su ATP, 26 febbraio 2021. URL consultato il 23 gennaio 2023.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica