Radziwiłł

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Radziwiłł (disambigua).
Radziwiłł
Herb Radziwiłłów.PNG
Bóg nam radzi
Il Signore è il nostro consiglio
Dio ci Illumina 
StatoGrand Duchy of Lithuania banner.svg Granducato di Lituania
Chorągiew królewska króla Zygmunta III Wazy.svg Confederazione polacco-lituana
Flag of Russia.svg Impero russo
Polonia Polonia
Lituania Lituania
Russia Russia
Belgio Belgio
Casata di derivazioneAstikai
TitoliCroix pattée.svg Principe del Sacro Romano Impero
Croix pattée.svg Cancelliere del Regno di Polonia
Croix pattée.svg Cancelliere del Granducato di Lituania
Croix pattée.svg Marchese
Croix pattée.svg Conte
Croix pattée.svg Signore
Croix pattée.svg Castellano
FondatoreRadvila Astikas
Data di fondazioneXV secolo
Etnialituana
Rami cadetti
  • Biržai-Dubingiai (estinto)
  • Nieśwież-Ołyka

La famiglia Radziwiłł, in lituano Radvila, in bielorusso Радзівіл, Radzivił, in latino Radvil, è una famiglia della più alta nobiltà che è stata molto potente per secoli, prima nel Granducato di Lituania e poi nella Confederazione polacco-lituana.

Lo stemma della famiglia Radziwiłł

StoriaModifica

OriginiModifica

 
Lo stemma del Casato degli Astikai

Recenti ricerche sembrano suggerire che la famiglia Radziwiłł discenda da boiardi lituani, che avanzarono notevolmente di posizione sociale nel corso del XV secolo. Essi discendevano dall'antica famiglia lituana Astikai, che aveva possedimenti vicino alla città di Kernavė. Un avo della famiglia Radziwiłł è stato Radvila Astikas, un nobile lituano.

AscesaModifica

 
Jan Radziwill, membro quattrocentesco di Casa Radziwill, in un ritratto postumo

La famiglia Radziwiłł mantenne la sua importanza e lo status di szlachta per più di cinque secoli. Essa acquistò e mantenne grande importanza e influenza dal XV-XVI secolo fino agli inizi della seconda guerra mondiale nel 1939. Dalla famiglia sono scaturiti numerosi uomini politici, comandanti militari, uomini ecclesiastici, benefattori e imprenditori che hanno avuto un notevole impatto nella storia e nella cultura della Polonia, della Bielorussia, della Lituania e dell'Europa in generale. E cosa certa che i Radziwill ebbero influenza e potere pari alle famiglie Reali. Basti pensare che ebbero il possesso di 23 tra castelli e palazzi, 426 tra grandi e piccole città, 2032 tenute, e 10053 villaggi. Le proprietà della famiglia avevano un'estensione pari a 27.000 km quadrati che corrispondono a 2.700.000 ettari (poco meno del Belgio).

XVI secoloModifica

 
Ritratto di Massimiliano I in armatura, dipinto immaginario di Rubens.

La famiglia Radziwiłł raggiunse l'apice della sua importanza e del suo potere nel periodo della Confederazione polacco-lituana, nel XVI secolo. Essi ricevettero il titolo di Reichsfürst (principi dell'Impero) da Massimiliano I, Imperatore del Sacro Romano Impero, nel 1515. Questo titolo era assolutamente insolito fra gli szlachta.

XVII secoloModifica

 
Ritratto del principe Albert Stanislaw Radziwiłł, 1640

Il ramo della famiglia detto Biržai-Dubingiai aveva la sua sede nel Castello di Dubingiai e, dalla seconda metà del XVII secolo, nel Castello di Biržai (entrambi situati nell'odierna Lituania). Questo ramo si estinse con la morte di Ludwika Karolina Radziwiłł nel 1695.

Epoca recenteModifica

Dal XVIII secolo tutti i Radziwiłł sono discendenti del ramo detto Nieśwież-Ołyka, che aveva la sua residenza principale al Castello di Njas'viž, nell'odierna Bielorussia.

Stemma e mottoModifica

 
Armi di Casa Radzwiłł

Lo stemma della famiglia Radzwiłł era completato dal motto: Bóg nam radzi che tradotto significa Il Signore è il nostro consiglio o meglio Dio ci Illumina.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN84243236
  Portale Storia di famiglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Storia di famiglia