Raf Baldassarre

attore italiano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il politico italiano, vedi Raffaele Baldassarre.

Raffaele Baldassarre, detto Raf (Roma, 17 gennaio 19321995), è stato un attore italiano.

Raf Baldassarre nel film La moglie in bianco... l'amante al pepe (1981)

BiografiaModifica

Grazie alla sua fotogenia e al fatto di essere un ottimo cascatore, trova facilmente collocazione nel cinema avventuroso degli anni cinquanta e sessanta (Il pirata dello sparviero nero di Sergio Grieco, Sandokan alla riscossa di Luigi Capuano) e nel filone peplum (Ulisse contro Ercole di Mario Caiano, Ercole al centro della Terra di Mario Bava), nei quali interpreta solitamente personaggi di secondo piano o il ruolo dell'antagonista[1]. Nel secondo lustro degli anni sessanta prende parte al filone nascente del Western all'italiana coprodotto da Italia e Spagna diventandone un attivissimo caratterista, adottando per l'occasione lo pseudonimo americaneggiante di Ralph Baldwin o Baldwyn; partecipa, fra gli altri, a Per un pugno di dollari di Sergio Leone e Blindman di Ferdinando Baldi.

Negli anni settanta volge verso altri generi, come la Commedia sexy col film Cugini carnali di Sergio Martino, seguito da Le seminariste diretto da Guido Leoni e prodotto dallo stesso Baldassarre, partecipando anche al film-scandalo Piccole labbra di Mimmo Cattarinich. Dopo altre due commedie all'inizio degli anni ottanta (La moglie in bianco... l'amante al pepe e La dottoressa preferisce i marinai, dirette da Michele Massimo Tarantini), una partecipazione al film di Dino Risi Fantasma d'amore con Marcello Mastroianni, abbandona il grande schermo. Uno dei suoi ultimi lavori è una collaborazione con Tele Lecce Barbano, per un film a carattere religioso, in cui egli è il narratore, girato nel 1980, anno in cui Giovanni Paolo II giunse in visita a Otranto.[2]

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ Dizionario del cinema italiano. Gli attori. - Enrico Lancia, Roberto Poppi.
  2. ^ Angela Leucci, Raf Baldassarre: un attore di serie A (da Belpaese n.132 del 24 novembre 2005), su angelaleucci.blogspot.com, 26 agosto 2010. URL consultato il 30 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2012).

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN90694170 · ISNI (EN0000 0001 1774 4151 · LCCN (ENno2011033022 · GND (DE106142605X · BNE (ESXX4815334 (data) · BNF (FRcb141523398 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2011033022