Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'attore italiano, vedi Raf Baldassarre.
Raffaele Baldassarre
Baldassarre Raffaele 2014-02-05 3.jpg

Eurodeputato
Legislature VII
Gruppo
parlamentare
PPE
Circoscrizione Italia meridionale
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico DC (fino al 1994)
PPI (1994-1995)
CDU (1995-1998)
CDL (1998-2001)
FI (2001-2009)
PdL (2009-2013)
FI (2013-2018)
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università Cattolica del Sacro Cuore
Professione Avvocato

Raffaele Baldassarre (Lecce, 23 settembre 1956Cavallino, 10 novembre 2018[1]) è stato un politico italiano, eurodeputato della VII legislatura per il gruppo del Partito Popolare Europeo.

Indice

Carriera professionaleModifica

Laureato in giurisprudenza all'Università Cattolica del Sacro Cuore a 31 anni nel 1987, era iscritto all'albo degli avvocati dal 1991 e avvocato cassazionista dal 2004.[2]

È stato consulente legale della CISL[3] e presidente provinciale del Movimento Cristiano Lavoratori di Lecce.[2]

Carriera politicaModifica

Nel 1982 diventa responsabile del movimento giovanile della Democrazia Cristiana[senza fonte] del comune di Cavallino, in provincia di Lecce, di cui è eletto nel 1988 consigliere comunale, carica ricoperta fino al 2002.[2]

Dal 1991 al 1994 Baldassarre è vicesegretario della sezione provinciale di Lecce del Partito Popolare Italiano, quindi dal 1998 al 1999 segretario provinciale dei Cristiani Democratici Uniti (CDU).[2]

Nel 1999 diventa segretario provinciale dei Cristiani Democratici per la Libertà (CDL), movimento politico di Raffaele Fitto confluito in Forza Italia, di cui diventa segretario provinciale nel 2001, rieletto per accalamazione nel 2004. Consigliere regionale di maggioranza della Puglia nelle file di Forza Italia dal 2001, è stato rieletto all'opposizione nelle elezioni regionali del 2005.

Nel 2004 è candidato del centrodestra a presidente della provincia di Lecce; raccoglie il 47,8% dei voti e perde contro il candidato del centrosinistra, Giovanni Pellegrino, eletto con il 51,8% dei voti al primo turno.[4]

Alle elezioni europee è eletto deputato europeo per il Popolo della Libertà.

Dal 16 novembre 2013 è nominato Capo-delegazione della rinata Forza Italia al Parlamento europeo[5]. Baldassarre è il terzo capo-delegazione dell'ex PdL dopo le elezioni del 2009 dopo l'abbandono di Mario Mauro passato a Scelta Civica e di Giovanni La Via approdato al Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano.

Ricandidato alle europee del 2014 nella Circoscrizione Italia meridionale per Forza Italia, con 59.186 preferenze non viene tuttavia rieletto.

Il 24 marzo 2014 diventa membro del Comitato di Presidenza di Forza Italia.

Muore per un infarto il 10 novembre 2018 all'età di 62 anni[6].

ControversieModifica

Nel giugno 2013 viene intervistato insistentemente da un giornalista olandese , fatto entrare in maniera irregolare all’interno del parlamento europeo, che con domande provocanti e incessanti finisce per seguirlo sin dentro l’ascensore, Baldassarre colto dall’irritazione provvide a percuoterlo per farlo uscire[7].

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica