Apri il menu principale
Raffaele Valensise
Raffaele Valensise 1983.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature VI, VII, VIII, IX, X, XI, XII, XIII
Gruppo
parlamentare
MSI-AN
Circoscrizione Calabria (XII, XIII)
Collegio Catanzaro-Cosenza
Incarichi parlamentari
  • Membro della XI commissione (Agricoltura e Foreste) (leg. VI VII VIII)
  • Membro della V Commissione (Bilancio e Partecipazioni statali) (leg. VIII IX)
  • Membro della V Commissione (Bilancio e Tesoro) (leg. X, XI, XIII)
  • Capogruppo di Alleanza Nazionale (leg. XII)
Sito istituzionale

Componente del Consiglio superiore della magistratura
Durata mandato 1998 –
1999

Dati generali
Partito politico MSI-DN, AN
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato

Raffaele Valensise (Napoli, 6 febbraio 1921Roma, 20 novembre 1999) è stato un avvocato e politico italiano. È stato deputato alla Camera per otto legislature e membro del Consiglio Superiore della Magistratura dal 1998 al 1999.

BiografiaModifica

Originario di Polistena, in Calabria, avvocato penalista, fu Consigliere comunale del Movimento Sociale Italiano a Polistena, Reggio Calabria, Cosenza, Rosarno. Fece il suo ingresso Camera dei Deputati all'indomani delle Elezioni politiche italiane del 1972 dove risultò eletto per il Movimento Sociale Italiano nella circoscrizione della Calabria, venendo confermato nelle successive elezioni del 1976, 1979, 1983, 1987 e 1992. Studioso del meridionalismo e responsabile del Dipartimento per i problemi sociali, economici e sindacali del suo partito, fu vicesegretario nazionale del MSI, sia con Almirante che con Fini.

Nel 1994 aderì ad Alleanza Nazionale e ne divenne capogruppo parlamentare alla Camera dopo le elezioni di quello stesso anno. Confermato parlamentare per l'ultima volta alle elezioni del 1996, nel 1998 fu eletto al Consiglio Superiore della Magistratura come membro laico dal Parlamento in seduta comune in quota AN e si dimise da deputato.

Morì a Roma il 20 novembre 1999[1].

NoteModifica

  1. ^ È morto Valensise, membro laico del Csm, corriere.it. URL consultato il 16 novembre 2010 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).

Collegamenti esterniModifica