Apri il menu principale

BiografiaModifica

Figlio del giurista Luigi Fornaciari (1798–1858), Raffaello studiò dal 1854 al 1859 all'Università di Pisa e alla Scuola Normale Superiore di Pisa, dove ebbe come compagni di studi Giosuè Carducci e Giuseppe Chiarini.

Dal 1860 al 1869 insegnò latino e greco a Pistoia, dal 1869 al 1873 italiano a Lucca e, nel decennio successivo, insegnò anche in diversi istituti di Firenze.

Nel 1881 divenne membro dell'Accademia della Crusca[2] e dal 1893 al 1914 fu uno dei collaboratori del Vocabolario degli Accademici della Crusca (5. edizione in 11 volumi A-O, Firenze 1863–1923).

Opere (selezione)Modifica

  • (traduzione) Heinrich Wilhelm Stoll, Manuale della religione e mitologia dei greci e dei romani, Firenze 1866, 3. edizione 1883, Milano 1990
  • (curatela) Luigi Fornaciari, Esempi di bello scrivere, 2 Bde., Milano 1867
  • Grammatica storica della lingua italiana estratta e compendiata dalla Grammatica romana di F. Diez. Parte prima, Torino 1872
  • Disegno storico della letteratura italiana dalle origini fino a' nostri tempi, Firenze 1874, 8. edizione 1921
  • Grammatica italiana dell'uso moderno, Firenze 1879, 7. Auflage 1923; Grammatica della Lingua italiana, 8. edizione, Firenze 1933
  • Sintassi italiana dell’uso moderno, Firenze 1881, 1919; Firenze 1974 (con l'introduzione di Giovanni Nencioni)
  • Studi su Dante, Milano 1883, Firenze 1900
  • La letteratura italiana nei primi quattro secoli (XIII-XVI). Quadro storico, Firenze 1885
  • (curatela) Novelle scelte di Giovanni Boccaccio on commenti filologici e rettorici ad uso delle scuole e degli studiosi della lingua, Firenze 1888; ristampato a cura di Cesare Segre, 1957
  • (curatela) La Divina Commedia di Dante Alighieri. Edizione minuscola ad uso delle letture pubbliche e delle scuole, Milano 1904

NoteModifica

  1. ^ a b DBI.
  2. ^ Raffaello Fornaciari, su Accademia della Crusca, Catalogo degli Accademici.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN34587369 · ISNI (EN0000 0001 0886 9008 · SBN IT\ICCU\RAVV\024465 · LCCN (ENn86095993 · GND (DE119408422 · BNF (FRcb128872779 (data) · BAV ADV11374185 · WorldCat Identities (ENn86-095993
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie