Apri il menu principale

1leftarrow blue.svgVoce principale: Servizi segreti italiani.

Raggruppamento unità difesa
Stemma RUD.jpg
Stemma del R.U.D.
Descrizione generale
NazioneItalia Italia
ServizioStemma SMD.jpg Forze armate italiane
TipoRaggruppamento
RuoloVigilanza installazioni Intelligence
Parte di
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il RUD - Raggruppamento unità difesa è un ente militare interforze, inquadrato nello Stato Maggiore della Difesa.

La sede principale è a Roma con distaccamenti periferici ad Alghero, Oristano, Ladispoli, Lecce, San Donà di Piave. Ha compiti di vigilanza e difesa della logistica delle installazioni preposte ad attività di intelligence.

Indice

StoriaModifica

Nel secondo dopoguerra lo Stato maggiore dell'Esercito crea il 2º Reparto autonomo ministeriale (2º R.A.M.) a livello di battaglione;

Il 1º luglio 1960 viene trasformato in Raggruppamento unità speciali (R.U.S.) a livello battaglione;

Il 16 ottobre 1961 viene elevato a livello reggimento;

Nel 1963 cambia denominazione in Raggruppamento unità difesa, livello reggimento, organizzato in distaccamenti (battaglioni) e compagnie.

Negli ultimi anni della storia italiana, per la liberazione di Aldo Moro, la squadra delle forze speciali che era incaricata dell'azione, si addestrò alcuni giorni presso la sede odierna del distaccamento di Ladispoli. Questo distaccamento è stato anche il centro di addestramento degli uomini della "Sezione K" del SISMI.[senza fonte]

Il R.U.S. prima e il R.U.D. poi, contabilmente dipendevano dall'Ufficio centrale dei servizi contabili presso la Ragioneria centrale, con la Legge nº 30 del 20 febbraio 1981 (articolo nº 5) le competenze venivano prese dalla costituenda Direzione di amministrazione interforze cambiando nuovamente ordinamento nel 2007.

OrganizzazioneModifica

OrganigrammaModifica

Raggruppamento Unità Difesa - Roma

  • Segreteria comando
  • Ufficio Personale
  • Ufficio operazioni, addestramento e infrastrutture
  • Ufficio logistico
  • Ufficio amministrazione

Battaglione sicurezza e supporto

Caserme del RUDModifica

Le sedi sono tratte da documentazione ufficiale on line del Ministero della Difesa[1][2] e della Regione Autonoma della Sardegna[3][4]:

Tipologia Indirizzo Comune Regione Note
Raggruppamento Via della Pineta Sacchetti, 216 Roma Lazio presso la caserma "Casal Forte Braschi-Nicola Calipari"
Distaccamento tipo "A" Via Aurelia, km 42+500 - Furbara Ladispoli Lazio vicino alla caserma dei vigili del fuoco a Cerenova
Distaccamento tipo "B" Via Giammatteo, 5 Lecce Puglia
Distaccamento tipo "B" Viale della Repubblica, 19 Oristano Sardegna superficie circa 9.000 m²
Distaccamento tipo "B" Via Fornetto, 5 San Donà di Piave Veneto composto dalla Zona "A" e Zona "B"
Distaccamento tipo "C" Strada provinciale nº 105 "Alghero - Bosa", km 6+300 - Poglina Alghero Sardegna presso il Centro Addestramento Guastatori, che fu sede anche della struttura N.A.T.O. Stay Behind "Gladio". La sede dispone del Porticciolo di Poglina. La base è conosciuta anche come "Base di Capo Marrargiu", sebbene il capo sia più a sud; la base si trova tra Capo di torre di Poglina ed il monte Fogheras, affacciandosi su cala Griecas

Cronologia dei comandanti del RaggruppamentoModifica

  • Generale di brigata EI Luca Rajola Pescarini
  • Colonnello EI Paolo Nanni
  • Generale di brigata EI Mario Chiabrera
  • Generale di brigata EI Giovanni Maria Pieri
  • Generale di brigata EI Giuseppe Giannuzzi
  • Generale di brigata EI Mario Chiusaroli
  • Generale di brigata EI Silvio Napoli

ArmorialeModifica

PubblicazioniModifica

  • AA. VV., "L'intelligence nella letteratura - Da Maksim Gorkij a Ian Fleming", Raggruppamento Unità Difesa, Roma, 2005

NoteModifica

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica