Apri il menu principale

«Dedico questo libro alla Vita, all’Amore, alla Morte, ed al mio motore, sempre ubriaco di benzina e di spazio, che ha squarciati i Silenzi dell’Infinito coll’urlo rauco dei suoi 250 HP»

(Arturo Ferrarin, Il mio volo Roma-Tokio)
Arturo Ferrarin, colui che portò a termine il raid aereo

Il raid Roma-Tokyo fu un viaggio aereo compiuto attraverso l'Eurasia, la cui realizzazione fu auspicata da Gabriele D'Annunzio e Harukichi Shimoi, e che venne portato a termine dall'aviatore Arturo Ferrarin insieme al motorista Gino Cappannini. Il raid venne compiuto tra il 14 febbraio e il 31 maggio 1920.

Indice

Origine del progettoModifica

Gabriele D'Annunzio lanciò l'idea del raid Roma-Tokyo nel marzo 1919[1]: essa nacque dall'incontro, durante la Grande Guerra, tra il Vate ed il poeta giapponese Harukichi Shimoi, arruolatosi negli Arditi dell'esercito italiano.[2][3][4][5] Il primo, già protagonista del volo su Vienna era inizialmente intenzionato a realizzare l'impresa in prima persona e per tale motivo venne aiutato e sostenuto dal governo italiano, che vedeva in questo volo la possibilità di distrarre D'Annunzio dall'avventura di Fiume.[1][5]

Nonostante poi D'Annunzio, che proseguì nell'impresa fiumana, avesse rinunciato a partecipare direttamente all'impresa, l'organizzazione del raid venne comunque portata a termine e coinvolse, tra gli altri, i piloti Arturo Ferrarin e Guido Masiero, che furono i soli, tra undici velivoli, a giungere a Tokyo.[5] È da ricordare che il solo Ferrarin, con il motorista Gino Cappannini,[4] raggiunse la capitale nipponica con il solo ausilio del mezzo aereo, mentre il Masiero affrontò la tratta tra Delhi e Calcutta in treno ed il tragitto tra Canton e Shanghai in nave.[1] Un velivolò precipitò e morirono i due componenti l'equipaggio. Il raid fu compiuto in 112 ore effettive di volo.[6]

EquipaggiModifica

Segue la lista di tenenti, sottotenenti e capitani degli 11 velivoli scelti da D'Annunzio per l'impresa[7][8]:

Il viaggioModifica

La partenza di Ferrarin avvenne il 14 febbraio 1920 alle ore 11 dall'aeroporto Centocelle di Roma.[4][5] Prima tappa fu a Gioia del Colle, Puglia, a causa di alcuni problemi tecnici sia al suo apparecchio che a quello di Masiero.[5] La successiva tappa su Valona, in Albania, ove all'epoca vi erano ancora truppe italiane che occupavano la città dal 1914. Dopo Valona fu la volta di Salonicco e da lì si spostarono a Smirne[4][5], all'epoca occupata dai greci.

Da Smirne si diressero ad Adalia ma furono costretti per un guasto ad una tappa intermedia ad Aydın.[5] Raggiunta finalmente Adalia, occupata dagli italiani, la meta successiva fu Aleppo e da lì Baghdad. Nella capitale irachena Ferrarin fu costretto ad atterrare su un campo in cui si stava disputando in incontro di calcio. Il 23 febbraio ripartirono per Bassora, città nella quale Ferrarin attese l'attardato Masiero per tre giorni prima di riprendere il volo per Bandar Abbas, interrotto però dalle pessime condizioni meteo che lo costrinsero ad atterrare a Bushehr. Raggiunta finalmente Bandar Abbas, dopo un primo tentativo fallito a causa di un problema al radiatore, Ferrarin riuscì a raggiungere Chabahar.[4][5] Da lì avrebbe voluto raggiungere direttamente Karachi ma, a causa di un problema al motore, fu costretto ad atterrare nei pressi di un villaggio indigeno che risultò essere però abitato da ribelli che si opponevano al dominio britannico nell'area. Per fortuna di Ferrarin, il tricolore italiano venne confuso dai ribelli per quello della Bulgaria, alleata dei tedeschi durante la prima guerra mondiale e perciò, indirettamente, nazione loro amica. Approfittando dell'errore, Ferrarin riesce ad allontanarsi incolume dal villaggio e a riprendere il suo viaggio verso Karachi. A Karachi Ferrarin si riunì a Masiero che era riuscito a portarsi da Bandar Abbas direttamente nella capitale del Sindh.[5]

 
Il viaggio di Ferrarin in tutte le sue tappe.

Da Karachi Ferrarin ripartì alla volta di Delhi, che raggiunse dopo una tappa ad Hyderabad e un breve scalo presso una stazione ferroviaria.[5] Quindi arrivò ad Allahabad e da lì fino a Calcutta, antica capitale dell'Impero Anglo-Indiano. Dopo una lunga sosta a Calcutta, nell'attesa vana degli altri compagni, Ferrarin riprendette il volo in direzione di Akyab (una fonte afferma che ripartì con un nuovo aereo, dato che il suo venne irrimediabilmente danneggiato dall'incuria del personale locale[9]) e da lì raggiunse Rangoon.[4][5] Rangoon sarà l'ultima tappa in territorio sotto il controllo britannico: per tutta la tratta da Baghdad alla Birmania le autorità britanniche diedero ai piloti italiani la massima disponibilità e collaborazione, fornendo aiuto per le riparazioni e le indicazioni sulla rotta da seguire.[5]

Dal capoluogo della Birmania, nella quale dovette sostare per alcune riparazioni, Ferrarin, senza Masiero già ripartito, raggiunse la capitale del Siam, Bangkok. Tappa successiva fu Ubon e poi Hanoi, in Vietnam, ove raggiunse Masiero. Il 21 aprile Ferrarin ripartì e, dopo due atterraggi intermedi, il primo su una isoletta del Mar Cinese Meridionale e poi presso Macao, giunse a Canton. Da lì proseguì per Foochow e quindi per Shanghai.[5]

 
L'aereo usato da Ferrarin per il raid, esposto nel museo imperiale giapponese

Da Shanghai, località in cui sostò per una settimana, giunse a Tsingtao, all'epoca occupata dalle forze giapponesi. Accolto dalle autorità nipponiche, venne avvisato che quando sarebbe giunto nel paese del Sol Levante, sarebbe stato omaggiato con una katana d'oro da samurai e che il suo aereo sarebbe rimasto esposto a Tokyo.[5] Fu poi effettivamente esposto nella capitale nipponica sino al 1933, anno in cui esso verrà demolito a causa delle sue condizioni cadenti e irrecuperabili.[10]

Da Tsingtao raggiunse la capitale cinese, Pechino, ove vi trascorse una settimana, omaggiato dalla popolazione e dalle autorità locali, poi ripartì per Kow Pangtzu, nei pressi di Mukden, quindi per Sinŭiju, in Corea, allora parte integrante dell'impero giapponese, deviando però il suo percorso in modo da sorvolare Port Arthur, città resa celebre per essere stata, per il suo possesso, una delle cause della guerra russo-giapponese.[5]

 
Ferrarin in Giappone, vestito con un kimono donatogli al termine del raid

Successiva tappa del viaggio fu Seul, meta che fu imposta al Ferrarin sia dalle autorità giapponesi che dai rappresentanti italiani in Corea.[5] Da Seul si diresse a Taegu[4], che fu l'ultima tappa sul suolo continentale. Su ordine delle autorità nipponiche Ferrarin fu costretto a seguire una rotta più lunga e settentrionale da quella da lui prevista perché vigeva l'assoluto divieto di sorvolare le piazzeforti di Pusan e Tsushima.[5] Nonostante l'imposto cambio di rotta, Ferrarin raggiunse, il 30 maggio, Osaka[4], ove fu accolto dalla cittadinanza intera.

Atterrando nel parco Yoyogi[2], Ferrarin giunse all'ultima tappa del viaggio, Tokyo ove, oltre i consueti bagni di folla che contraddistinguevano tutte le sue tappe da quando era giunto in Cina, ebbe l'onore di essere ricevuto dal principe reale Hirohito e dall'imperatrice Teimei.[5]

Ferrarin pubblicherà le sue memorie di viaggio sul libro Il mio volo Roma-Tokio nel 1921.[1]

Incidenti occorsi agli altri equipaggiModifica

Undici velivoli, con i rispettivi equipaggi, furono impiegati nel tentativo di realizzare il raid e come già detto solo gli aerei di Arturo Ferrarin e Guido Masiero giunsero in Giappone. Gli altri equipaggi incapparono in incidenti, anche mortali, che impedirono loro di raggiungere Tokyo:

I primi a concludere anticipatamente la corsa verso oriente furono Abba e Garrone, che persero il loro aereo a Salonicco. Successivamente il Caproni di Sala e Borello ebbe una avaria lungo il corso del Meandro e sempre in Turchia, a Konya, terminarono il loro viaggio Origgi e Negrini: i due vennero catturati il due settembre ed il loro aereo successivamente distrutto. Sul deserto siriano fu la volta dei piloti Scavini e Bonalumi, a bordo di un trimotore Caproni, a dover rinunciare all'impresa.[5]

A Bushehr, in Persia, avvenne il più grave incidente del raid, poiché Gordesco e Grassa, che facevano parte della pattuglia da loro guidata, ebbero un incidente mortale: il loro aereo, uno S.V.A.9 come quello di Masiero e Ferrarin, ebbe un'avaria al decollo e dopo essersi incendiato precipitò.[4] I due, per volontà dell'imperatrice Teimei, ebbero ufficiato un rito funebre in loro onore presso un tempio della capitale, alla presenza dei piloti italiani lì giunti.[5]

Critiche al raidModifica

Nonostante il successo dell'impresa, il raid fu in Italia oggetto di critiche. I partiti di sinistra italiani, pur riconoscendo il valore di ciò che Ferrarin aveva portato a compimento, contestarono l'eccessiva spesa di denaro pubblico e l'organizzazione approssimativa di esso.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Giuseppe Sircana, FERRARIN, Arturo, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 46, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1996..
  2. ^ a b Stefano Carrer, L'Università di Tokyo celebra Gabriele D'Annunzio, ideatore del primo raid aereo Roma-Tokyo del pilota Arturo Ferrarin, in Il Sole 24 ORE, novembre 2013. URL consultato il 25 gennaio 2014.
  3. ^ Dai giapponesi lodi agli assalti di Cadorna, in Il Piccolo, 18 gennaio 2012. URL consultato il 25 gennaio 2014.
  4. ^ a b c d e f g h i Mario Vattani, Con eliche di legno e ali di stoffa verso il Sol Levante, in Il Giornale d'Italia, 31 maggio 2013. URL consultato il 25 gennaio 2014.
  5. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t Il raid Roma-Tokio, su Ali e uomini. URL consultato il 5 febbraio 2014.
  6. ^ Ratti Veneziani, p.17.
  7. ^ Il raid Roma-Tokyo di Ferrarin, aereimilitari.org. URL consultato il 26 luglio 2015.
  8. ^ (PDF) Ovidio Ferrante, Da Roma a Tokyo... per una trasvolata memorabile (PDF), Rivista Aeronautica, febbraio 2010.
  9. ^ Ludovico.
  10. ^ Gabriele D'Annunzio. Un mito nel Giappone del '900, in Corriere Adriatico, 3 novembre 2013. URL consultato il 6 febbraio 2014.

BibliografiaModifica

  • Pietro Carli Ratti Veneziani, La trasvolata atlantica Italia - Brasile. L'inizio di una nuova era, IBN Editore, ISBN 88-7565-142-6.
  • (EN) Rome-Tokio flight, in Flight, Sutton, Surrey - UK, Reed Business Information Ltd., 10 giugno 1920, p. 629. URL consultato il 9 febbraio 2014.
  • D. Ludovico, Aviatori italiani da Roma a Tokio nel 1920 (PDF), Milano, Etas. URL consultato il 10 febbraio 2014.

Voci correlateModifica