Raimondo di Fideiro

abate e santo spagnolo
San Raimondo di Fitero
Meléndez-san raimundo de fitero.jpg
San Raimundo de Fitero en la defensa de Calahorra, Calahorra, parrocchia di San Andrés (1730 ca.)
 
NascitaXII secolo a Saint-Gaudens (Francia) o Tarazona de Aragón (Spagna)
Morte1163 a Ciruelos, Toledo, Spagna
Venerato daChiesa cattolica
Canonizzazioneculto approvato nel 1719[1]
Ricorrenza15 marzo[1]
1º febbraio[2]

Raimondo di Fideiro, conosciuto anche come Raimondo di Fitero (primo terzo del XII secolo circa – Ciruelos, 1163) è stato un religioso spagnolo, venerato come santo della Chiesa cattolica.[2]

BiografiaModifica

Non è tutt'ora chiaro dove sia nato Raimondo di Fitero: i suoi natali sono disputati dalla città di Saint Gaudes, in Francia, e da Tarazona de Aragón, in Spagna. È entrato nell'Ordine cistercense in Gascogna per poi essere scelto padre superiore del monastero di Niencebas (Alfaro). È stato inoltre scelto abate del monastero di Castellón de Fitero.

Alla morte del re Alfonso VII, nel 1158, viaggia a Toledo per conoscere il nuovo re, Sancho III. Dopo essere entrato nelle grazie del nuovo monarca, partecipò ad una offensiva contro i territori arabi che controllavano il sud della Penisola Iberica, guadagnandosi il controllo del Carrión de Calatrava. In onore della sua vittoria contro gli arabi, Raimondo di Fideiro, fondò l'Ordine militare-monastico di Calatrava, organizzato secondo le regole dell'Ordine cistercense e del quale è stato il primo Gran Maestro.

Invecchiato, Raimundo di Fideiro si è ritirato a Ciruelos, dove è morto.

NoteModifica

  1. ^ a b St. Raymond of Fitero, su catholic.org, Catholic Online. URL consultato il 25-04-2021.
  2. ^ a b San Raimondo di Fitero, su santiebeati.it, Santi e beati. URL consultato il 25-04-2021.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN87509226 · BNE (ESXX1733060 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-87509226