Rainbow (azienda)

studio di produzione italiano

Rainbow è uno studio di animazione italiano. I suoi cartoni animati sono stati distribuiti in più di 150 reti televisive.[1]

Rainbow
StatoBandiera dell'Italia Italia
Forma societariasocietà per azioni
Fondazione1995 a Recanati
Fondata daIginio Straffi
Sede principaleLoreto
GruppoParamount Global Italy (30%, 2011-2023)

Nel gennaio 2023 Paramount Global cede le sue quote a Rainbow, permettendogli di tornare indipendente.

ControllateRainbow CGI
Colorado Film
Bardel Entertainment
Settore
Prodottianimazione
Fatturato85,4 milioni di euro (2021)
Utile netto6,3 milioni di euro (2021)
Dipendenti990 (2017)
Sito webwww.rbw.it

L'azienda è stata fondata a Recanati nel 1995 da Iginio Straffi insieme a due soci, don Lamberto Pigini e Giuseppe Casali. Oggi ha sede a Loreto.[1] Il primo progetto di Rainbow è stata la produzione di un CD-ROM interattivo intitolato Tommy & Oscar, seguito dall'omonimo cartone animato andato in onda nel 2000.

Il maggior successo dello studio di animazione è Winx Club, serie TV d'animazione in onda dal 2004.[1] Essa è stata esportata in 150 paesi, l'ultimo dei quali in Giappone in partnership con Netflix.

Rainbow ha in seguito lavorato a svariate serie TV d'animazione di successo come Huntik - Secrets & Seekers. Inoltre nel 2011 ha co-prodotto la serie animata mista a live action, Mia and Me, mentre nel 2016 ha prodotto la prima serie TV totalmente in live action, Maggie & Bianca Fashion Friends.

Rainbow in collaborazione con Rainbow CGI ha anche realizzato dei film per il cinema, tra cui Winx Club 3D - Magica avventura.

Nel 2011, rilevando le quote dei due soci di Straffi, entra nel capitale della società con il 30% il colosso americano Viacom (ora Paramount Global).[1]

Nel 2015 la società acquisisce lo studio d'animazione canadese Bardel Entertainment, con tre studi a Vancouver e 700 dipendenti.[2]

Nel 2017 rileva il 60% del gruppo Iven, di cui fa parte anche Colorado Film, fondato nel 1986 dal produttore Maurizio Totti, dal regista Gabriele Salvatores, da Diego Abatantuono e Paolo Rossi.[3] Nel 2022 viene completata l'acquisizione del restante 40% del gruppo da parte di Rainbow;[4] con ciò passano all'azienda marchigiana anche le altre società del gruppo: Moviement (agenzia specializzata nella gestione artistica e nel management di talent), l’etichetta musicale San Isidro e la partecipazione in Gavila (società di produzione nata in partnership con Donato Carrisi).

Nel gennaio 2023 Paramount Global rivende le sue quote a Straffi, permettendo a Rainbow di tornare pienamente indipendente. Nickelodeon continuerà ad essere partner dello studio.[5]

Rainbow CGI

modifica
  Lo stesso argomento in dettaglio: Rainbow CGI.

Rainbow CGI è un ramo di produzione di cartoni animati realizzati in CGI dello studio di animazione Rainbow.

È stato fondato a Roma nel 2006 con l'intento di realizzare serie TV e lungometraggi in CGI. Rainbow CGI utilizza programmi quali Autodesk Maya, NukeX, Autodesk Mudbox e Houdini 3D ANIMATION TOOLS. Attualmente è il più grande studio di animazione italiano nella produzione di cartoni animati in CGI.

Filmografia

modifica

Televisione

modifica
  1. ^ a b c d Nicoletta Pennati, Straffi racconta le sue Winx ambientaliste, in iO Donna, RCS MediaGroup S.p.A., 9 luglio 2011. URL consultato il 28 marzo 2018.
  2. ^ Eugenio Occorsio, Rainbow crea la major italiana del cartoon, in la Repubblica, GEDI Gruppo Editoriale, 21 novembre 2016. URL consultato il 28 marzo 2018.
  3. ^ Cristina Oliva, Rainbow acquisisce la maggioranza del gruppo Iven, su Engage, 27 luglio 2017. URL consultato il 28 marzo 2018.
  4. ^ Andrea Biondi, Le fatine Winx dall’animazione ai film: alla Rainbow il 100% di Colorado, su Il Sole 24 ORE, 12 giugno 2022. URL consultato il 4 novembre 2022.
  5. ^ Good Morning, Cinecittà!, in Cinecittà news, 24 gennaio 2023.
  6. ^ (EN) Nickelodeon Cartoon Universe, Crazy Block | Nick Animated Shorts, 8 dicembre 2018. URL consultato il 13 dicembre 2021.
  7. ^ Mermaid Magic è la nuova serie animata del creatore delle Winx, Iginio Straffi, in Sky TG24, 15 giugno 2022.
  8. ^ a b c Ilaria Ravarino, Alla corte di Iginio Straffi, il Re Mida del cinema italiano, su The Hollywood Reporter Roma, 25 settembre 2023. URL consultato il 12 ottobre 2023.
  9. ^ Tiro libero - Film (2017), su ComingSoon.it. URL consultato il 3 febbraio 2023.
  10. ^ Netflix Original: Il treno dei bambini e Fabbricante di lacrime fra i film della prossima stagione, su ComingSoon.it, 19 settembre 2023. URL consultato il 12 ottobre 2023.

Voci correlate

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN143544633 · LCCN (ENnr2006032002 · WorldCat Identities (ENlccn-nr2006032002