Apri il menu principale

Raniero Paulucci di Calboli

diplomatico e politico italiano
(Reindirizzamento da Raniero Paolucci di Calboli)
Raniero Paulucci di Calboli
Raniero Paulucci di Calboli a Tokyo.jpg
Raniero Paulucci di Calboli a Tokyo nel 1920

Senatore del Regno d'Italia
Legislature XXVI

Raniero Paulucci di Calboli, o Paolucci de Calboli (Roma, 15 marzo 1861Roma, 12 febbraio 1931), è stato un diplomatico e politico italiano, discendente dall'antica famiglia nobiliare forlivese dei Calboli.
È noto per essersi interessato all'Affare Dreyfus quando era segretario di legazione a Parigi, posizione che gli permise di formarsi la convinzione dell'innocenza dell'accusato ed anche di raccogliere notevolissimo materiale sull'argomento.

Indice

BiografiaModifica

Nasce da Annibale Paulucci di Calboli, di antica nobiltà forlivese, e da Mary Ann Simpkinson de Wesselow che nacque nel Regno Unito. Studia legge a Roma e a Bologna, laureandosi nel 1882. Intraprende la carriera diplomatica nel 1885, lavorando presso le ambasciate italiane a Londra e a Vienna. Ciò gli dà la possibilità di conoscere l'ambasciatore Giuseppe Tornielli Brusati di Vergano, con la cui famiglia entra in relazione al punto tale da sposarne una nipote.

Paulucci arriva a Parigi in qualità di segretario di legazione, insieme col Tornielli, nuovo ambasciatore in Francia. Qui ha modo di seguire il caso Dreyfus e, convintosi dell'innocenza dell'ufficiale, può raccogliere una vasta quantità di materiale relativo all'Affare Dreyfus[1]. Nel 1898 Paulucci era un giovane trentasettenne segretario di ambasciata e riporta notizie dell'affaire Dreyfus in presa diretta, fornendo informazioni sull'opinione pubblica e sulla situazione politica ad essa correlata[2]. Oggi il materiale è conservato presso la Biblioteca civica di Forlì, la città di origine della famiglia Paulucci di Calboli. In seguito, Paulucci di Calboli diviene ambasciatore a Lisbona (1908) , a Berna (1912) e a Tokyo (1919).

Viene nominato Senatore del Regno nel 1922. Dalla moglie, Virginia Lazzari Tornielli, ha due figli: Fulcieri, eroe della Prima guerra mondiale e morto senza eredi, e Camilla, la quale sposa Giacomo Barone Russo, che assume poi il cognome Paulucci di Calboli per non lasciar finire il cognome di una delle più antiche famiglie nobiliari italiane, quella appunto dei Calboli.

MecenatismoModifica

Il marchese Raniero fu amico e mecenate dello scultore Adolfo Wildt e lasciò ai Musei Civici di Forlì un importante corpus di sue opere.

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Joseph O. Baylen, Dreyfusards and the Foreign Press: The Syndicate and the Daily News February-March 1898, French Historical Studies, Vol. 7, No. 3 (Spring, 1972), pp. 332-348.
  2. ^ Francesco Gioiello, Raniero Paolucci di Calboli e l’affaire Dreyfus, in Diacronie. Studi di Storia Contemporanea, vol. 14, 2/2013.

BibliografiaModifica

  • Comune di Forlì - Comune di Roma, Dreyfus. L'affaire e la Parigi fin de siècle nelle carte di un diplomatico italiano, Edizioni Lavoro, Roma 1994.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN34591696 · ISNI (EN0000 0000 6141 7054 · LCCN (ENnb98089824 · BNF (FRcb130061009 (data)