Ratan Tata

imprenditore indiano

Ratan Naval Tata (Mumbai, 28 dicembre 1937) è un imprenditore indiano, ex presidente e principale azionista di Tata Group, la più grande azienda privata indiana. Ha ricevuto due dei più alti premi civili dell'India, il Padma Vibhushan (2008) e Padma Bhushan (2000).

Ratan Naval Tata

BiografiaModifica

Nipote di Jamshedji Tata, fondatore del gruppo nonché discendente di una famiglia di antica origine parsi, è cresciuto con i nonni a Mumbai dopo il divorzio dei genitori, avvenuto quando aveva sette anni. Dopo gli studi superiori compiuti in India, si è laureato alla Cornell University di Ithaca, negli USA.

Nel dicembre del 1962 è entrato in azienda, con un ruolo dirigenziale presso le acciaierie del gruppo a Jamshedpur. Successivamente ha ricoperto diversi incarichi in altre società di Tata Group, come la Nelco e la Empress Mills. Nel 1981 è diventato presidente di Tata Industries e nel 1991 di tutta la holding. Nel 2012 ha lasciato la presidenza per poi esserlo di nuovo, ad interim, da ottobre 2016 a febbraio 2017.

Vita privataModifica

Nel 2011, Ratan Tata ha dichiarato: "Mi sono avvicinato al matrimonio quattro volte e ogni volta mi sono tirato indietro per paura o per un motivo o per l'altro". Non si è mai sposato.[1]

OnorificenzeModifica

Onorificenze indianeModifica

  Padma Bhushan
— 2000
  Padma Vibhushan
— 2008

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere Commendatore Onorario dell'Ordine dell'Impero Britannico (Regno Unito)
— 2009
  Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine dell'Impero Britannico (Regno Unito)
«Per i servizi alle relazioni Regno Unito/India, per gli investimenti nel Regno Unito e per la filantropia»
— 14 giugno 2014

NoteModifica

  1. ^ (EN) Came close to getting married four times: Ratan Tata – Times of India â–º, su The Times of India. URL consultato il 20 gennaio 2019.

BibliografiaModifica

  • Shashank Shah, The Tate Group. From Torschbears to Trailblazers, India Portfolio, 2018 ISBN 978-0670090679

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN40464375 · ISNI (EN0000 0000 2119 4503 · LCCN (ENn2011072234 · GND (DE129759848 · WorldCat Identities (ENlccn-n2011072234