Apri il menu principale
Re Ruggero
Unknown artist - Christ Crowning Roger II - WGA16269.jpg
Ruggero II di Sicilia incoronato da Cristo nel mosaico della Martorana di Palermo
Titolo originaleKról Roger
Lingua originalepolacco
Generedramma lirico
MusicaKarol Szymanowski
LibrettoKarol Szymanowski e Jarosław Iwaszkiewicz
AttiTre
Epoca di composizione19181924
Prima rappr.19 giugno 1926
TeatroGrande Teatro-Opera Nazionale, Varsavia
Personaggi

Re Ruggero (in polacco: Król Roger) è un'opera lirica di Karol Szymanowski su libretto dello stesso compositore e di Jarosław Iwaszkiewicz. L'opera ebbe origine dall'entusiasmo di Szymanowski per la cultura della Sicilia. L'autore viaggiò lungo l'isola nel 1911 e nel 1914, condividendo l'amore per essa con Jarosław Iwaszkiewicz, suo cugino. L'opera debuttò al Grande Teatro-Opera Nazionale di Varsavia il 19 giugno 1926.

TramaModifica

L’opera è ambientata principalmente a Palermo, nel sofisticato ambiente culturale della corte di Ruggero II, primo re di Sicilia.[1] Il tema centrale dell'opera è costituito dal conflitto tra lo spirito apollineo (rappresentato da Ruggero) e quello dionisiaco (espresso dal Pastore). Per Szymanowski, di formazione cattolica, questo tema possedeva una profonda implicazione religiosa, incarnando il tormentato confronto tra dottrine.[2] L'opera è, in tal senso, una rivisitazione de Le Baccanti di Euripide, in cui Ruggero (come Penteo) affronta in sé stesso le forze dionisiache.[1]

I Atto, detto "bizantino"Modifica

Un giovane pastore è introdotto alla corte di Ruggero durante una messa nella cattedrale di Palermo. Malgrado le richieste di punizione per eresia avanzate dall'arcivescovo, Roxana, moglie del re, convince Ruggero a non uccidere il Pastore. Il sovrano ordina al giovane uomo di presentarsi al Palazzo Reale quella stessa notte per spiegare le proprie ragioni ed essere giudicato.

II Atto, detto "orientale" (indo-arabo)Modifica

Come stabilito, il Pastore si reca alle porte del palazzo. Roxana canta una seducente canzone, la quale risulta come una chiara risposta al visitatore, che causa la crescente agitazione di Ruggero. Una volta introdotto nella reggia, il Pastore descrive nei dettagli la sua fede e ben presto l'intera corte si unisce a lui in un'estatica danza. Ruggero tenta di incatenarlo, ma il Pastore riesce facilmente a liberarsi e lascia il Palazzo insieme a gran parte della corte. Il sovrano e il suo consigliere musulmano Edrisi sono lasciati da soli ma, poco dopo, si decide che il re segua il Pastore.

III Atto, detto "greco-romano"Modifica

In un antico teatro greco, re Ruggero ed Edrisi raggiungono Roxana, che dice al marito che solo il Pastore può liberarlo dalle sue paure e dalla sua gelosia. Si accende un fuoco e i seguaci del Pastore avviano un'altra danza, mentre costui si trasforma in Dioniso. Al termine della danza e dell'uscita di scena dei partecipanti, re Ruggero, trasformato da quell'esperienza, canta un inno gioioso all'arrivo del sole mattutino.

EsecuzioniModifica

 
Teatro Grande di Varsavia, luogo della prima esecuzione dell'opera

L'opera debuttò a Varsavia il 19 giugno 1926. Gli interpreti coinvolti furono i seguenti:

Personaggio Interprete
Re Ruggero Eugeniusz Mossakowski
Roxana Stanisława Korwin-Szymanowska
Edrisi Maurycy Janowski
Pastore Adam Dobosz

Dopo il suo esordio in Polonia, l'opera fu riproposta a Duisburg nel 1928 ed a Praga nel 1932. La prima rappresentazione dopo la seconda guerra mondiale ebbe luogo al Teatro Massimo di Palermo il 16 aprile 1949, sotto la direzione di Mieczysław Mierzejewski, con Giovanni Inghilleri (Ruggero), Clara Petrella (Roxana), Antonio Annaloro (Pastore), regia di Bronisław Horowicz. Per l'occasione la realizzazione dei bozzetti di scena e dei figurini fu affidata al pittore Renato Guttuso.[3] Tali bozzetti e figurini verranno poi riutilizzati per la messa in scena della stessa opera a Palermo nel 1992.[3] In seguito alla rappresentazione del 1949 (a cui assistette il librettista Jarosław Iwaszkiewicz) l'opera conobbe anni di oblio.

Nel 1975 la "New Opera Company" di Londra eseguì "Re Ruggero" sotto la direzione di Charles Mackerras. Nel 1981 l'opera approdò per la prima volta negli Stati Uniti, in una versione concertistica dell'Orchestra sinfonica di Saint Louis diretta da Leonard Slatkin. Nello stesso anno l'opera fu presentata per la prima volta in America Latina, al Teatro Colón di Buenos Aires, sotto la direzione di Stanisław Wisłocki.

Dagli anni ottanta in poi "Re Ruggero" ha goduto di un crescente interesse. Nel 1988 l'opera fu proposta dalla "Long Beach Opera" della California, nota per i suoi approcci innovativi. Un'esecuzione concertistica realizzata dalla BBC Symphony Orchestra ebbe luogo nel 1990 presso la Royal Festival Hall di Londra, sotto la direzione di Andrew Davis. Tale esecuzione aprì un festival appositamente dedicato alle opere di Szymanowski. Il Teatro Politeama di Palermo ospitò "Re Ruggero" l'11 febbraio 1992, sotto la direzione di Karl Martin e la regia di Krzysztof Zanussi.[3] Negli anni seguenti l'opera fu eseguita per ben quattro volte. Nel 1996 toccò all'Orchestre national de France, diretta da Charles Dutoit. Nel 1998, durante The Proms, fu la volta dell'Orchestra sinfonica della città di Birmingham, sotto la direzione di Simon Rattle. Nel 1999 l'opera fu eseguita in Nord America: dapprima a Montréal, in Canada, e successivamente alla Carnegie Hall di New York.

 
Teatro Massimo di Palermo, in cui l'opera è stata eseguita nel 1949 e nel 2005

Nel XXI secolo l'opera è stata eseguita per la prima volta dall'Opera nazionale polacca nel 2000 e, nello stesso anno, anche dall'Opera nazionale dei Paesi Bassi ad Amsterdam, sotto la direzione di Hartmut Haenchen. Nel 2002 Charles Dutoit diresse la prima di "Re Ruggero" in Giappone con una versione concertistica animata dalla NHK Symphony Orchestra di Tokyo. Sempre Dutoit dirigerà nuovamente l'opera nel 2007 a Praga con l'Orchestra Filarmonica Ceca. Il 13 novembre 2005 "Re Ruggero" inaugurò la stagione 2005/2006 del Teatro Massimo di Palermo. In quest'occasione la regia fu affidata a Yannis Kokkos e la direzione d'orchestra a Jan Latham-Koenig.[3] Nel 2007 l'opera fu riproposta dall'orchestra di Breslavia, mentre nel 2008 toccò all'Orchestra del teatro Mariinskij di San Pietroburgo, sotto la direzione di Valerij Gergiev, in occasione del Festival di Edimburgo. Nello stesso anno l'opera fu eseguita negli Stati Uniti nel corso del Bard SummerScape festival. Nel 2009 Kazushi Ono diresse "Re Ruggero" al Liceu di Barcellona ed all'Opéra national di Parigi.

Nel 2011 è stata la volta del Teatro statale di Magonza. Una produzione polacca ha riproposto l'opera nel 2012 negli Stati Uniti, mentre nel 2013 "Re Ruggero" è stato presentato al Festival Amazonas de Ópera di Manaus. Nel 2014 l'opera è stata riproposta in Germania, a Wuppertal. Nel 2015 ben due esibizioni dell'opera hanno avuto luogo a Boston, sotto le direzioni di Charles Dutoit ed Antonio Pappano. Nel 2017 l'Opera Australia presenta per la prima volta "Re Ruggero" a Sydney e a Melbourne sotto la conduzione di Andrea Molino e con Saimir Pirgu nel ruolo del Pastore.

Incisioni discograficheModifica

Anno Cast
(Ruggero, Roxana, Edrisi, Pastore)
Direttore Etichetta
1965+1988 Andrzej Hiolski,
Hanna Rumowska,
Kazimierz Pustelak,
Zdzisław Nikodem
Mieczysław Mierzejewski AAC: Polskie Nagrania 1965,
Cat: 0250/1;
Olympia 1988,
Cat: OCD 303
1990 Andrzej Hiolski,
Barbara Zagórzanka,
Wiesław Ochman,
Henryk Grychnik
Karol Stryja Audio CD: Marco Polo,
Cat: 223339;
Naxos,
Cat: 8660062-63
1992 Florian Skulski,
Barbara Zagórzanka,
Stanisław Kowalski,
Zdzisław Nikodem
Robert Satanowski Audio CD: Koch-Schwann,
Cat: 314 014 K2
1998 Thomas Hampson,
Elzbieta Szmytka,
Ryszard Minkiewicz,
Philip Langridge
Simon Rattle Audio CD: EMI
Cat: 56823 and Cat: 14576
2003 Wojtek Drabowicz,
Olga Pasichnyk,
Piotr Beczała,
Krzysztof Szmyt
Jacek Kaspszyk Audio CD: Accord
Cat: ACD 131–2
2007 Andrzej Dobber,
Aleksandra Buczek,
Rafal Majzner,
Pavlo Tolstoy
Ewa Michnik DVD: Narodowy Instytut Audiowizualny
Cat: 5908259554143
2009 Scott Hendricks,
Olga Pasichnyk,
John Graham-Hall,
Willy Hartmann
Mark Elder DVD: C-Major
Cat: 702808 (NTTC)

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN186733606 · LCCN (ENn85023916 · GND (DE300301286 · WorldCat Identities (ENn85-023916
  Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica