Real Racing Club de Santander

società calcistica spagnola
Real Racing Club de Santander
Calcio Football pictogram.svg
R racing c de santander.png
Los Racinguistas, Los Verdiblancos
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Bianco bordato di Nero e Verde.png Bianco, verde, nero
Dati societari
Città Santander, Cantabria
Nazione Spagna Spagna
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Spain.svg RFEF
Campionato Segunda División
Fondazione 1913
Presidente Spagna Manolo Higuera
Allenatore Spagna Iván Ania
Stadio El Sardinero
(22,500 posti)
Sito web www.realracingclub.es
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Il Real Racing Club de Santander, abbreviato in Racing Santander, è una società calcio spagnola con sede nella città di Santander.

Fondato nel 1913, vanta 44 partecipazioni alla Primera División.

Gioca le partite casalinghe nello Stadio El Sardinero.

StoriaModifica

Il Racing de Santander disputò il suo primo incontro il 23 febbraio 1913, perdendo 1–2 contro gli Strong. Fu ufficialmente fondato il 14 giugno, con la denominazione di Santander Racing Club, disputando il suo primo torneo nell'estate dello stesso anno (Luis Redonet Trophy) ed affiliandosi alla Federazione Settentrionale il 14 novembre, fondendosi in seguito con il Santander Foot-ball Club.

Nel 1923 il club ricevette il titolo onorifico di Real e nel 1929 debuttò nella Liga, il campionato di massima serie, rimanendoci per nove stagioni consecutive e compiendo l'impresa di sfiorare il titolo nella stagione 1930-31, concludendo il campionato al primo posto a pari punti con l'Athletic Club, ma con una peggiore differenza reti. In seguito alla retrocessione, per i trent'anni successivi, il club partecipò a diversi campionati di seconda e prima divisione, partecipando anche a 4 campionati di Terza Divisione). Nella stagione 1949-50, i Cantabrici ritornarono in massima serie dopo 10 anni di assenza, segnando 99 gol in soli 30 incontri.

Nel periodo della Spagna del dittatore Franco, il club fu ridenominato Real Santander nel 1941, a causa della proibizione dei termini stranieri. Riprese la denominazione originaria nel 1973 in occasione del ritorno del club in Prima Divisione solo un anno dopo che la squadra aveva rischiato la retrocessione in Terza, sotto la guida del giovane allenatore José María Maguregui.

Il Racing Santander fu immediatamente retrocesso dopo appena una stagione, militando per le successive stagioni, tra promozioni e retrocessioni, tra la Prima e la Seconda divisione. Nel 1981 fu il primo club spagnolo ad indossare il nome di uno sponsor sulla propria maglia[1]. Dopo una nuova retrocessione nel 1986 il Racing dovette attendere cinque anni prima di tornare ai massimi livelli del campionato nazionale; vincendo il campionato di Segunda División B (il nuovo terzo livello, creato nel 1977) nel 1991, il Racing ritornò in Seconda Divisione, e nella stagione successiva il club riuscì a ritornare in massima serie, ottenendo nella stagione 1994-95 una storica vittoria in casa contro il Barcellona per 5–0[2].

Negli anni 2000, il Racing militò solo per una stagione in seconda divisione (2001-02), consolidando la propria presenza stabile nella massima serie per un quindicennio. Nella stagione 1999-2000 Salva Ballesta fu il primo giocatore del club ad aggiudicarsi il titolo di Pichichi della Liga con 27 marcature[3]. Nel 2003 la squadra disputò la sua prima partita in una competizione ufficiale europea, in occasione dell'esordio in Coppa Intertoto. Nella stagione 2007-08, sotto la conduzione di Marcelino García Toral, si piazzò sesto, qualificandosi per la prima volta alla Coppa UEFA; la campagna europea non fu però positiva per i cantabrici, eliminati al primo gruppo di qualificazione (da segnalare una vittoria casalinga per 3-1 contro li inglesi del Manchester City[4]. Negli stessi anni, il club raggiunse anche per due volte le semifinali di Copa del Rey in questo decennio, venendo eliminati rispettivamente dal Getafe CF e Atlético Madrid nel 2008 e nel 2010 (in entrambe le occasioni la squadra che eliminò il Racing fu poi sconfitta in finale).

Il 22 gennaio 2011, l'Ahsan Ali Syed, fondatore e presidente della Western Gulf Advisory, con seri problemi giudiziari a carico, acquistò il Racing de Santander, esonerando immediatamente l'allenatore Miguel Ángel Portugal.[5] Al termine della stagione 2011-12, nonostante numerosi cambi di allenatori (ben tre), la squadra non riuscì a salvarsi, ritornando in cadetteria dopo un intero decennio in massima serie[6]. La stagione seguente il club retrocede addirittura in Segunda División B, tornando nella terza divisione del calcio spagnolo dopo un'assenza di ben 22 anni.

Nel 2013 l'acquisto della società viene dichiarato nullo dalla magistratura spagnola. I giocatori ed i dipendenti non percepiscono per mesi lo stipendio. I tifosi effettuano varie manifestazioni di protesta; i giocatori, all'inizio di una partita di Copa del Rey (1-1 contro l'Almería), decidono di rimanere fermi in mezzo al campo (con i giocatori avversari solidali). Il 30 gennaio 2014, nella partita di Copa del Rey contro la Real Sociedad, i giocatori si fermano a centrocampo per protestare contro il mancato pagamento degli stipendi ed il match viene sospeso dopo 57 secondi. Come sanzione per tale gesto, la società è stata condannata a pagare 3.000 euro di multa ed il club non ha potuto partecipare alla Copa del Rey del 2015.

Dopo una nuova retrocessione patita nel 2015, nel 2019 il club ha ottenuto dopo quattro anni il diritto a partecipare alla Segunda División, dopo la vittoria nei playoff promozione della Segunda División B[7].

CronistoriaModifica

Cronistoria del Real Racing Club de Santander
  • 23 febbraio 2013: il Racing Club de Santander disputa la sua prima partita; la data è considerata quella della fondazione ufficiale della società, che viene formalmente costituita il 14 giugno.
  • 1913-1923 - Attività a carattere regionale
  • 1923 - Ottiene il titolo di Real Club
  • 1924 - Turno preliminare in Coppa del Re
  • 1925 - Primo gruppo in Coppa del Re
  • 1926 - Primo gruppo in Coppa del Re
  • 1927 - Primo gruppo in Coppa del Re
  • 1928 - Primo gruppo in Coppa del Re
  • 1928-29 - 10° in Primera División
  • 1929-30 - 8° in Primera División

Semifinalista in Coppa dei Vincitori







Eliminato al terzo turno in Coppa Intertoto
  • 2004-05 - 16° in Primera División
  • 2005-06 - 17° in Primera División
  • 2006-07 - 10° in Primera División
  • 2007-08 - 6° in Primera División
Semifinalista in Coppa del Re
Eliminato al primo gruppo in Coppa UEFA
  • 2009-10 - 16° in Primera División
Semifinalista in Coppa del Re

Colori e simboliModifica

ColoriModifica

La divisa ufficiale del Racing Santander è composta di una maglia solitamente bianco-verde (diverse variazioni sono state utilizzate nel corso degli anni), abbinata a calzoncini neri. per il centenario del club nel 2013, è stata adottata una variante rossa con maniche bianche.

Simboli ufficialiModifica

StemmaModifica

Lo stemma del club si compone di un cerchio con bordo bianco includente una bandiera verde ed un pallone. È sormontato dalla corona reale, attribuita dal re Alfonso XIII nel 1923.

SocietàModifica

Settore giovanileModifica

Il club possiede una società affiliata, il Racing Santander B (noto fino al 1993 con la denominazione di Rayo Cantabria), attualmente militante in Tercera División.

OrganicoModifica

Rosa 2019-2020Modifica

Aggiornata al 31 gennaio 2020.

N. Ruolo Giocatore
1   P Iván Crespo (capitano)
2   D Aitor Buñuel
3   D Moi Delgado
4   D Iñaki Olaortua
5   C Nando García
6   C Sergio Ruiz
7   C Nico Hidalgo
8   C Aristote Nkaka
9   A Jon Ander
10   C Álvaro Cejudo
11   A Borja Galán
12   D David Carmona
13   P Luca Zidane
N. Ruolo Giocatore
14   C Giorgi Papunashvili
15   A David Rodríguez
16   C Daniel Toribio
17   C Enzo Lombardo
18   A David Barral
19   A Guillermo
20   C Mario Ortiz
21   D Jordi Figueras
22   D Abraham Minero
23   C Ritchie Kitoko
24   D Alexis
30   D Manu Hernando
31   P Lucas Díaz

Giocatori celebriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Real Racing Club de Santander

Allenatori celebriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del Real Racing Club de Santander

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

1949-1950 (gruppo I), 1959-1960 (gruppo I)
1990-1991, 2013-2014, 2015-2016, 2018-2019 (gruppo 2)
1943-1944, 1947-1948, 1969-1970, 1990-1991

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 1930-1931
Terzo posto: 1933-1934
Semifinalista: 2007-2008, 2009-2010
Secondo posto: 1974-1975, 2001-2002
Terzo posto: 1957-1958 (gruppo I), 1964-1965 (gruppo I), 1972-1973, 1980-1981, 1992-1993
Promozione: 1983-1984
Semifinalista: 1931

StatisticheModifica

  • 44 stagioni in Primera División (ultima nel 2011-12)
  • 35 stagioni in Segunda División
  • 6 stagioni in Segunda División B
  • 4 stagioni in Tercera División
  • 1 partecipazione alla Coppa Intertoto
  • 1 partecipazione alla Coppa UEFA

TifoseriaModifica

Gemellaggi e rivalitàModifica

La rivalità storicamente più radicata, per ragioni insieme storiche e di supremazia regionale, è quella fra il Racing e il Gimnástica Torrelavega; lo scontro fra le due squadre (mai avvenuto in Primera División) viene anche denominato Derbi Cantabro[8][9].

Un'ulteriore rivalità particolarmente sentita dalla tifoseria, causata dalla vicinanza geografica fra le due città e dai frequenti scontri sul campo in Primera División, è inoltre quella nei confronti dell'Athletic Bilbao[10][11].

NoteModifica

  1. ^ (ES) El licor que revolucionó el fútbol, su elmundo.es. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  2. ^ (EN) Setién: When Barcelona coach scored in 5-0 win over new club, in As, 15 gennaio 2020. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  3. ^ (EN) M. Sochon, When La Liga was just as unpredictable as this season's Premier League, in The Guardian, 12 febbraio 2016. URL consultato il 22 febbraio 2020.
  4. ^ (EN) C. Bevan, Racing Santander 3-1 Man City, in BBC, 18 dicembre 2008. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  5. ^ Racing look to match big boys; ESPN Soccernet, 13 February 2011
  6. ^ (ES) La Real certifica el descenso del Racing de Santander (3-0), in Diario de Navarra, 28 aprile 2012. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  7. ^ (ES) R. González, El Racing va a por su undécima promoción de ascenso, in As. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  8. ^ (ES) El derbi cantabro se salda con tablas 0-0 que no contentan a ninguno de los dos equipos, su rsgimnastica.com. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  9. ^ (ES) El derbi cántabro entre Gimnástica y Racing se salda con un empate sin goles, su eldiarioalerta.com. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  10. ^ (ES) El Dato: Racing y Athletic, una rivalidad viva desde 1910, su eldesmarque.com. URL consultato il 17 febbraio 2020.
  11. ^ (ES) Rivalidad, pero deporte, su racing.blogcindario.com. URL consultato il 17 febbraio 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica