Red Wings Airlines

compagnia aerea russa
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la squadra NHL, vedi Detroit Red Wings.
Red Wings Airlines
Red Wings, VP-BAN, Airbus A321-211 (49561133241).jpg
StatoRussia Russia
Fondazione24 giugno 1999
Sede principaleMosca
Persone chiaveEvgeny Klyucharev (A.D.)
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Slogan«New Generation Airline
Sito webwww.flyredwings.com/
Compagnia aerea standard
Codice IATAWZ
Codice ICAORWZ
Indicativo di chiamataAIR RED
Primo volo24 giugno 1999
HubMosca-Domodedovo
Flotta30 (nel 2022)
Destinazioni20+ (nel 2022)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Red Wings Airlines (in russo: Ред Вингс?) è una compagnia aerea russa con la base tecnica all'aeroporto di Mosca-Domodedovo nell'oblast' di Mosca, nella Russia europea.

StoriaModifica

Red Wings è stata fondata nel 1999 con il nome VARZ-400, dall'acronimo russo di Vnukovo Avia Repair Factory. È stata ribattezzata Airlines 400 nel 2001, prima di adottare il nome attuale nel 2007.

La compagnia era di proprietà del magnate russo Alexander Lebedev, che voleva creare una compagnia aerea a basso costo utilizzando i moderni Tupolev Tu-204-100B da 210 passeggeri a doppio getto di fabbricazione russa, sia di nuova costruzione che usati. La compagnia aveva una flotta di dieci Tu-204-100B (un undicesimo Tu-204 è stato cancellato dopo lo schianto all'aeroporto internazionale di Vnukovo il 29 dicembre 2012), e aveva anche cercato di acquisire Airbus A320 e Airbus A321 per completare la sua flotta.[1]

Lebedev possedeva anche il 49% della compagnia aerea charter tedesca Blue Wings, che sarebbe diventata la consociata di Red Wings. Tuttavia, il 13 gennaio 2010, Blue Wings ha cessato tutte le operazioni e ha presentato istanza di fallimento, citando la crisi finanziaria globale per il ritiro degli investitori.[2]

Dopo l'incidente del volo Red Wings 9268 del dicembre 2012 a Vnukovo, le autorità aeronautiche russe hanno avviato un controllo di emergenza delle attività operative della compagnia aerea e della manutenzione della flotta, con conseguente revoca dell'AOC del vettore, con effetto dal 4 febbraio 2013. La compagnia aerea aveva cessato tutte le operazioni il giorno prima e il proprietario Alexander Lebedev aveva annunciato che non era previsto alcun ritorno all'attività.[3]

Il 4 aprile 2013, NRC ha venduto il gruppo "Guta" di Red Wings Airlines per un rublo simbolico (in questo caso, l'aereo in leasing è rimasto alla società locatrice di proprietà di NRC "Ilyushin Finance"). I nuovi proprietari di Red Wings prevedevano di aumentare la flotta a 10-15 velivoli; la compagnia aerea avrebbe acquistato solo aerei russi. Il 25 aprile 2013, Red Wings ha annunciato che sarebbe stata guidata da Sergey Belov, il precedente amministratore delegato della compagnia aerea "Russia". Il 18 giugno 2013, l'Agenzia federale per il trasporto aereo ha rinnovato il certificato di trasporto commerciale di passeggeri e merci di Red Wings. Il 22 giugno, la compagnia aerea ha ripreso i voli charter e il 12 luglio i voli di linea da Mosca.

Per aumentare il potere commerciale, Red Wings e Nordavia decisero di fondersi. Ma, mentre il processo è stato avviato, non è mai stata annunciata una data che finalizzasse la fusione o chiarisse le future relazioni commerciali e le identità del marchio delle due compagnie aeree. Il piano prevedeva che gli Airbus A320 inizialmente ordinati da Nordavia fossero consegnati a Red Wings. Il nuovo marchio doveva essere annunciato dopo il completamento della fusione.[4]

Il 20 settembre 2018, Red Wings ha annunciato il suo re-branding; il primo aereo ad arrivare con la livrea aggiornata è stato un Airbus A321, arrivato verso la fine del 2018.[5]

Tra il 2017 e il 2018 tutti i Tu-204 e l'unico Tu-214 sono stati ritirati dal servizio in favore degli Airbus e dei Sukhoi Superjet 100; nel 2021 Red Wings ha preso possesso di due Boeing 777 per i voli a lungo raggio, prevedendo di acquisirne un altro entro la fine dell'anno.[6][7]

DestinazioniModifica

Al 2021, Red Wings opera voli interni in Russia e voli internazionali verso Armenia, Serbia e Uzbekistan.[8]

FlottaModifica

 
Un Airbus A320-200 nella vecchia livrea.

Flotta attualeModifica

A marzo 2022 la flotta di Red Wings Airlines è così composta[9]:

Aereo In flotta Ordini Passeggeri Note
J Y Totale
Airbus A320-200 2 180 180 [10]
Airbus A321-200 8 220 220
Boeing 777-200ER 3 412 412 [11]
Irkut MC-21-300 16 TBA [12]
Sukhoi Superjet 100 16 45 263 308 [13]
Tupolev Tu-204 1 25 25 [14]
Totale 30 16

Flotta storicaModifica

Red Wings Airlines operava in precedenza con i seguenti aeromobili:

IncidentiModifica

  • Il 29 dicembre 2012, il volo Red Wings Airlines 9268, operato da un Tupolev Tu-204, si è schiantato in fase di atterraggio all'aeroporto di Mosca-Vnukovo, in Russia, a seguito di un volo di riposizionamento dall'aeroporto di Pardubice, nella Repubblica Ceca. Non c'erano passeggeri a bordo, ma 5 degli 8 membri dell'equipaggio sono stati uccisi quando l'aereo ha colpito un fossato e le strutture dell'autostrada dopo aver superato la pista.[15]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Tom Zaitsev, Red Wings considers A321s as suitable A320s prove elusive, su Flight Global. URL consultato il 21 giugno 2021.
  2. ^ (DE) Blue Wings stellt den Flugbetrieb ein, su rp-online.de. URL consultato il 21 giugno 2021.
  3. ^ (RU) Росавиация приостановила действие сертификата эксплуатанта Red Wings, su Ведомости. URL consultato il 21 giugno 2021.
  4. ^ (RU) Авиакомпании Red Wings и "Нордавиа" объединятся, su Авиатранспортное обозрение, 16 ottobre 2017. URL consultato il 21 giugno 2021.
  5. ^ (RU) Red Wings в 2019 году увеличит флот и пассажиропоток в 1,5 раза, su Авиатранспортное обозрение, 21 settembre 2018. URL consultato il 21 giugno 2021.
  6. ^ (EN) ES, Red Wings may be Russia’s next Boeing 777 operator, su Russian Aviation Insider, 5 marzo 2020. URL consultato il 21 giugno 2021.
  7. ^ (ES) AviacionNews, Vuelven las mediciones de puntualidad: la aerolínea rusa Red Wings la más puntual del mundo en mayo, según Cirium | Aviacion News, su aviacionnews.com. URL consultato il 21 giugno 2021.
  8. ^ (RU) Авиакомпания Red Wings, su flyredwings.com. URL consultato il 21 giugno 2021.
  9. ^ (EN) Red Wings Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 21 giugno 2021.
  10. ^ Marche VP-BWW, VP-BWX, VP-BWY e VP-BWZ.
  11. ^ Marche VP-BLI, VP-BMR e VP-BSJ.
  12. ^ (EN) Tom Zaitsev, MAKS: Red Wings signs for Russian jets and Q400s, su Flight Global. URL consultato il 21 giugno 2021.
  13. ^ Marche EP-MME, EP-MMF, EP-MMG, EP-MMH, EP-MMI, EP-MMQ e EP-MMR.
  14. ^ Marche RA-64014.
  15. ^ (EN) Harro Ranter, ASN Aircraft accident Tupolev Tu-204-100V RA-64047 Moskva-Vnukovo Airport (VKO), su aviation-safety.net. URL consultato il 21 giugno 2021.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica