Referendum costituzionale del 2019 a Cuba

Referendum costituzionale del 2019 a Cuba
StatoCuba Cuba
Data24 febbraio 2019
Tipocostituzionale
TemaCostituzione di Cuba
Esito
  
90,61%
no
  
9,39%
(affluenza: 90,15%)

Il referendum costituzionale del 2019 a Cuba si tenne il 24 febbraio 2019 a Cuba.[1] Gli elettori cubani sono stati chiamati alle urne per approvare le modifiche alla costituzione di Cuba votate dall'Assemblea Nazionale del Potere Popolare nel luglio 2018.[2]

La modifica alla costituzione è stata approvata dagli elettori con il 91% dei voti.

Modifiche costituzionaliModifica

Le principali modifiche introdotte nella Costituzione di Cuba includono:[3][4][5][6][7][8]

  • riconoscimento della proprietà privata;
  • riconoscimento degli investimenti esteri
  • reintroduzione della funzione del Primo Ministro di Cuba;
  • trasferimento della titolarità del Consiglio di Stato al Presidente dell'Assemblea nazionale;
  • introduzione della funzione di Sindaco, aggiuntiva a quella del Presidente dell'assemblea municipale;
  • creazione di una necessaria ratifica dei governatori provinciali e dei vicegovernatori nominati dal Presidente della Provincia da parte delle amministrazioni comunali locali;
  • creazione di nuovi Consigli provinciali composti da membri scelti dai comuni, in sostituzione dell'attuale sistema di assemblee provinciali sul modello dell'Assemblea nazionale del potere popolare;
  • introduzione del limite di età massima di 60 anni per ogni Presidente di Cuba che inizi il suo primo mandato;
  • introduzione del limite di due mandati quinquennali per la presidenza;
  • esenzione della durata del mandato dei consiglieri comunali a cinque anni;
  • introduzione del divieto di discriminazione basato su genere, razza, origine etnica, orientamento sessuale, identità di genere o disabilità;
  • eliminazione del requisito che il matrimonio sia contratto "tra un uomo e una donna";
  • reintroduzione del principio della presunzione d'innocenza nel sistema giuridico (già previsto nella Costituzione cubana del 1940);
  • introduzione del diritto all'assistenza legale immediatamente dopo l'arresto;
  • introduzione della possibilità di citare in giudizio il governo per danni o negligenza.

RisultatiModifica

Preferenza Voti %
6.816.169 90,61
No 706.400 9,39
Schede bianche/nulle 325.774
Totale 7.848.343 100,00
Elettori registrati/affluenza 8.705.723 90,15
Fonte: Prensa Latina

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica