Regno dell'Anglia orientale

uno dei sette regni anglo-sassoni in Gran Bretagna, esistito dal 550 al 918
Regno dell'Anglia orientale
Regno dell'Anglia orientale – BandieraRegno dell'Anglia orientale - Stemma
British kingdoms c 800.svg
La Gran Bretagna attorno all'anno 800
Dati amministrativi
Nome ufficialeĒast Engla Rīce,
Regnum Orientalium Anglorum
Lingue parlateAntico inglese,
latino
CapitaleRendlesham
Dipendente daRegno di Mercia,
(654-655, 794-796, 798-825)
Vichinghi danesi
(869-918)
Politica
Forma di governomonarchia
Re dell'Anglia orientaleElenco
Nascitacirca 550 con Wehha
Fine918 con Guthrum II
CausaI vichinghi dell'Anglia orientale vengono sottomessi da Edoardo del Wessex
Territorio e popolazione
Bacino geograficoGran Bretagna
Territorio originaleAnglia orientale
Economia
Valutasceatta
Religione e società
Religioni preminentiPoliteismo anglosassone,
poi Cristianesimo
Williamson p16 3.svg
Evoluzione storica
Preceduto daLabarum.svg Britannia postromana
Succeduto daWyvern of Wessex.svg Regno del Wessex

Il Regno dell'Anglia orientale fu uno dei sette regni anglosassoni in Gran Bretagna durante l'Alto Medioevo.

GeografiaModifica

Il regno si estendeva sulle attuali contee inglesi di Norfolk e Suffolk, che costituiscono la regione tuttora nota come Anglia orientale (East Anglia). Era affacciato sul Mare del Nord ed il fiume Stour lo separava dal Regno dell'Essex, suo vicino meridionale. A nord-ovest, comprendeva la regione paludosa nota come Fenlands o the Fens (letteralmente, "gli stagni").

StoriaModifica

Il regno dell'Anglia orientale fu fondato attorno alla metà del VI secolo. La casa reale fino al 749 fu quella dei Wuffingas, che dichiaravano di discendere da Wehha (considerato il primo sovrano dell'Anglia orientale) e da suo figlio Wuffa, da cui il nome della dinastia. In verità sia Wehha sia Wuffa sono figure semi-storiche di cui poco si sa per certo.

L'Anglia orientale fu potente agli inizi del VII secolo, sotto il regno di Redwald (599-624), che gli storici ritengono sia il personaggio sepolto o comunque commemorato nel tumulto di Sutton Hoo. Dopo il 624, però, il regno subì sempre più l'influenza del suo potente vicino occidentale, la Mercia. Molti tra i successori di Redwald caddero in battaglia, come ad esempio Sigeberto (641), sotto il cui dominio era stata instaurata la religione cristiana, grazie anche al vescovo Felice di Dunwich.

A seguito dell'uccisione di Etelberto II in un complotto merciano (794), l'Anglia orientale cessò di esistere come regno indipendente. Sopravvisse comunque sino all'869, quando gli invasori vichinghi uccisero in battaglia il re Edmondo il Martire. Dall'879, i vichinghi danesi si stabilirono nell'Anglia orientale. Dopo una serie di sconfitte inflitte loro dal Regno del Wessex, in cui trovò la morte il sovrano vichingo Guthrum II, nel 918 i vichinghi dell'Anglia orientale fecero atto di sottomissione ad Edoardo il Vecchio, re del Wessex. Il Wessex fu il reame che, con Atelstano (figlio di Edoardo) nel 927, riuscì a riunire l'eptarchia anglosassone in un unico Regno d'Inghilterra.

NoteModifica


Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN146208165
  Portale Medioevo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medioevo