Regno di Galizia e Lodomiria

stato storico nell'Europa centrale (1772-1918)
Regno di Galizia e Lodomiria
Regno di Galizia e Lodomiria – BandieraRegno di Galizia e Lodomiria - Stemma
Empire d'Autriche 1914 Galicie.png
In rosso, il Regno di Galizia e Lodomiria all'interno dell'Impero austro-ungarico nel 1914
Dati amministrativi
Nome ufficialeКоролівство Галичини та Володимирії
Królestwo Galicji i Lodomerii
Königreich Galizien und Lodomerien
Lingue ufficialitedesco
Lingue parlatepolacco, ucraino, yiddish
CapitaleLeopoli
Dipendente dabandiera Sacro Romano Impero


Austria Austria
Austria Cisleitania

Politica
Forma di governomonarchia
Nascita5 agosto 1772
CausaFormazione del regno
Fine1918
CausaFine della prima guerra mondiale
Territorio e popolazione
Bacino geograficoGalizia (Europa centrale)
Economia
Commerci conAustria, Ungheria
Religione e società
Religioni preminentiCattolicesimo
Religione di StatoCattolicesimo
Classi socialinobili, clero, militari, mercanti, contadini
Galicia administrative1914.jpg
Evoluzione storica
Preceduto daChorągiew królewska króla Zygmunta III Wazy.svg Confederazione polacco-lituana
Flag of the Duchy of Warsaw.svg Ducato di Varsavia
Flag of Krakow.svg Libera Città di Cracovia
Succeduto dabandiera Polonia
bandiera Ucraina
Flag of Bukowina.svg Bucovina
Galizia occidentale

Il Regno di Galizia e Lodomiria o più propriamente Regno di Galizia e Lodomiria, col Granducato di Cracovia e i Ducati di Oświęcim e Zator (polacco: Królestwo Galicji i Lodomerii wraz z Wielkim Księstwem Krakowskim i Księstwem Oświęcimia i Zatoru; tedesco: Königreich Galizien und Lodomerien mit dem Großherzogtum Krakau und den Herzogtümern Auschwitz und Zator)[1] fu una divisione amministrativa esistente dal 1772 al 1918 sotto la Monarchia asburgica del Sacro Romano Impero, poi dell'Impero austriaco ed infine dell'Impero austro-ungarico sino alla caduta di quest'ultimo al termine della prima guerra mondiale. La sua capitale era Leopoli.

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Galizia (Europa centrale).
 
Mappa fisica del Regno di Galizia e Lodomiria 1846-1918

Nel 1772, la Galizia era la parte più significativa annessa dall'Austria al termine della Prima spartizione della Polonia. La regione austriaca della Polonia e quella che diverrà poi l'Ucraina vennero conosciute col nome di Galizia, mentre l'area del nord dell'Ungheria era definita Lodomiria: si costituì così il Regno di Galizia e Lodomiria. Ad ogni modo, dopo la Terza spartizione della Polonia, gran parte delle terre polacche ad occidente (Nuova Galizia) venne aggiunta alla già esistente provincia di Galizia. Leopoli servì come capitale della Galizia austriaca, dominata in gran parte dell'aristocrazia polacca, malgrado il fatto che la popolazione fosse perlopiù ucraina o ruteniana. Numerosa era anche la popolazione ebrea dell'area concentrata nella parte orientale della provincia.

Durante il primo decennio di governo austriaco, la Galizia venne governata fermamente da Vienna e vennero apportate molte riforme significative alla burocrazia locale ad opera dei tedeschi e dei cechi germanizzati. L'aristocrazia (vedi Conti del Regno di Galizia e Lodomiria) si vide garantita i propri diritti, ma questi vennero considerevolmente circoscritti. La servitù della gleba in questo contesto di riforme non venne eliminata, ma venne invece sottoposta ad una legge che garantiva ai suoi esponenti alcune libertà personali come ad esempio la libertà di matrimonio. Le loro obbligazioni di lavoro vennero definite e limitate e non erano esentati dalla giustizia ordinaria.

Nel 1859, a seguito della sconfitta militare austriaca in Italia, l'Impero austriaco entrò in un periodo di sperimentazioni costituzionaliste e dal 1860 il governo di Vienna, influenzato da Agenor Gołuchowski, emise il Diploma di ottobre col quale venne realizzata una prima federazione dell'impero con conseguente decentralizzazione delle istituzioni imperiali. Dal 1861 il Regno di Galizia e Lodomiria ottenne la possibilità di disporre di un'assemblea legislativa.

Il Regno di Galizia e Lodomiria continuò a costituire parte integrante dell'Impero austro-ungarico sino alla sua dissoluzione a seguito della sconfitta delle armate imperiali sul finire della prima guerra mondiale.

Geografia antropicaModifica

Suddivisioni amministrativeModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Suddivisioni della Galizia.

Principali città e villaggiModifica

Divisioni amministrative

Il regno venne diviso in numerose contee (powiat) che nel 1914 erano in numero di 75.[2] Oltre a Leopoli che era la capitale del regno, Cracovia era considerata la capitale ufficiosa della parte occidentale della Galizia e la seconda città più importante della regione.

  • Belz (in polacco: Bełz, in yiddish: Beltz)
  • Biecz (in tedesco: Beitsch)
  • Bochnia (in tedesco: Salzberg)
  • Boryslav (in polacco: Borysław)
  • Brody (in yiddish: Brod)
  • Brzeżany (in ucraino: Бережани, Berežany)
  • Bučač (in polacco: Buczacz)
  • Bus'k
  • Chrzanów
  • Čortkiv (in polacco: Czortkow)
  • Cracovia (in tedesco: Krakau, in yiddish: Kruke)
  • Dukla (in ucraino: Дукля, Duklja)
  • Drohobyč (in polacco: Drohobycz)
  • Gorlice (in ucraino: Горлиці, Horlyci, in tedesco: Görlitz)
  • Halyč (in polacco: Halicz, in tedesco: Halitsch, In yiddish: Galits)
  • Husjatyn
  • Jarosław (in tedesco: Jaroslau, in ucraino: Ярослав, Jaroslav)
  • Jasło (in tedesco: Jassel)
  • Kaluš (in polacco: Kałusz)
  • Kolomyja (in tedesco: Kolomea, in polacco: Kołomyja, in rumeno: Colomeea, in yiddish: Kolomay)
  • Kozova (in polacco: Kozowa)
  • Krosno (in tedesco: Krossen, in ucraino: Коросно, Korosno)
  • Łańcut (in tedesco: Landshut)
  • Leopoli (in ucraino: Львів, L'viv, in tedesco: Lemberg, in polacco: Lwów, in yiddish: Lemberik)
  • Lesko (in ucraino: Лісько, Lis'ko, in yiddish: Linsk)
  • Leżajsk (in tedesco: Lyschansk, in yiddish: Lizhensk)
  • Limanowa (in tedesco: Ilmenau)
  • Machlynec'
  • Myślenice (in tedesco: Mischlenitz)
  • Nadvirna (in polacco: Nadwórna)
  • Nowy Sącz (in tedesco: Neu Sandez, in yiddish: Zanz)
  • Oświęcim (in tedesco: Auschwitz, in yiddish: Oshpetsin)
  • Peremyšljany (in polacco: Przemyślany)
  • Przemyśl (in ucraino: Перемишль, Peremyšl')
  • Pidhajci (in polacco: Podhajce)
  • Rava-Rus'ka (in polacco Rawa Ruska, in yiddish: Rave)
  • Rohatyn
  • Rymanów (in tedesco: Reimannshau)
  • Rzeszów (in yiddish: Rejsza, in ucraino: Ряшів, Rjašіv, in tedesco: Reichshof)
  • Sambir (in polacco: Sambor)
  • Sanok (in ucraino: Сянік, Sianik, in yiddish: Sonik, in ungherese: Sánók)
  • Stanyslaviv (in polacco: Stanisławów, in tedesco: Stanislau, in yiddish: Stanislev, ora: Ivano-Frankivs'k)
  • Tarnów (in ucraino: Тарнів, Tarniv, in tedesco: Tarnau)
  • Terebovlja (in polacco: Trembowla)
  • Ternopil' (in polacco: Tarnopol)
  • Tomaszów Lubelski (in ucraino: Томашів-Любельський, Tomašiv-Ljubel's'kyj)
  • Truskavec' (in polacco: Truskawiec)
  • Wieliczka (in tedesco: Groß Salze)
  • Zališčyky (in polacco: Zaleszczyki)
  • Zator (in tedesco: Neuenstadt an der Schaue)
  • Zoločiv (in polacco: Złoczów, in yiddish: Zlotshev)
  • Žovkva (in polacco: Żółkiew)
  • Żywiec (in ucraino: Живець, Žyvec', in tedesco: Saybusch)
 
Regno di Galizia e Lodomiria, suddivisioni amministrative, 1914

Altre entità amministrativeModifica

Galizia occidentale

Parte del Regno dal 1795 al 1809, sino al 1803 come entità amministrativa separata

Territorio della Bucovina

Parte del Regno dal 1775 al 1849 (Ducato di Bucovina)

Libera Città di Cracovia

Condominio tra Prussia e Russia dal 1815 al 1846, parte del Regno dal 1846

GovernoModifica

 
Il Palazzo del Viceré a Leopoli.

Dopo la partizione della Polonia la regione venne governata con la nomina di un governatore, poi viceré. Durante il periodo di guerra l'incarico di viceré venne affiancato da un governatore militare. Nel 1861 venne istituita anche un'assemblea regionale, il Sejm delle Terre, che inizialmente venne collocato al Teatro Skarbek sino al 1890 per mancanza di strutture adeguate.

GovernatoriModifica

GovernatoriModifica

Governatori militariModifica

GovernatoriModifica

Governatori generaliModifica

NoteModifica

  1. ^ Fino al 1846 Regno di Galizia e Lodomiria, con i Ducati di Oświęcim e Zator
  2. ^ Map of the Kingdom with its county division (Lenius, Brian. "Genealogical Gazetteer of Galicia" 2nd ed. Anola, Canada. 1993) Archiviato il 18 febbraio 2012 in Internet Archive.

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN151871207 · LCCN (ENn86137285 · WorldCat Identities (ENlccn-n86137285
  Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia